Home Page

Artisti Lucani

Guest Book

Collaborazione

Torre Molfese

le OPERE

S. Arcangelo


<< INDIETRO

H  O  M  E

AVANTI >>


STORIA DELLA MEDICINA PER IMMAGINI

ANTONIO MOLFESE
 

Glossario dei Rimedi di Origine Vegetale

 

ABETE (ABIES ALBA MILL) DELLE AIIETACEE
Pianta presente nelle zone montane sub-alpine.
Parti utilizzate: aghi, resina fresca, gomma, raccolte in primavera. Costituenti: oli essenziali, trementina e provitamina A.
ProprietÓ curative: antiscorbutico, antisettico, antispasmodico, diuretico, espettorante revulsivo, sudorifero.

ACACIA (SUCCO) DELLE MIMOSACEE
Il succo era utilizzato come antifecondativo dal momento che produceva acido lattico, dannoso per la vita degli spermatozoi. Era usata anche come antisettico, astringente e nella cura delle piaghe.

ACETO DI VINO
Liquido di odore aromatico, che si ottiene dal vino per trasformazione chimica dell'alcool in acido acetico nella proporzione del 3- 6%. Era ritenuto un antisettico e veniva usato anche nella cura degli svenimenti. Gli antichi utilizzavano gli aceti medicinali, tra cui tra l'aceto ammoniacale di Boerhaave, l'aceto antisettico, l'aceto marziale, l'aceto canforato.

ACHILLEA MILLEFOGLIE (ACHILLEA MILLEFOLIUM L) DELLE COMPOSITE
Cresce spontanea nei viottoli, lungo le ferrovie. Parti utilizzate: sommitÓ fiorite, foglie, semi. Costituenti: oli essenziali, resina, tannino alcaloide, glucosidi, acidi inorganici.
ProprietÓ curative: antisettica, antispasmodica, astringente, carminativa, cicatrizzante, diuretica, emmenagoga, emostatica, tonica e vulneraria.

ACONITO (ACONITUM NAPELLUS) DELLE RANUNCOLACEE
Gli antichi, pur non avendo a disposizione gli attuali strumenti di indagine chimico-farmacologica, avevano intuito la tossicitÓ dell'Aconito.
Dalle radici e foglie della pianta si estrae un potente veleno, l' 'aconitina', il cui effetto Ŕ anestetico e paralizzante; questa pianta Ŕ tra le specie pi¨ velenose della nostra flora.

ACQUA LANFA O ACQUA NANFA
(ACQUA DISTILLATA AI FIORI DI ARANCIO)

Soluzione profumata ricavata dalla distillazione di fiori di arancio.

ADIANTO-CAPELVENERE (ADIANTUM CAPILLUS VENERIS L) DELLE POLIPODIACEE
Pianta che cresce spontanea. Parti utilizzate: foglie. Costituenti: tannino, mucillagine zuccheri, acido gallico, capillarina.
ProprietÓ curative: bechico, diuretico, emmenagogo, emolliente.

AGLIO (ALLIUM SATIVUM) DELLE LILIACEE
╚ originario dell'Asia e viene coltivato fin dall'antichitÓ pi¨ remota; molto apprezzato da Greci e Romani, l'aglio non raccoglieva per˛ il favore dei loro dei, che non gradivano gli effetti di questa pianta aromatica sull'alito dei fedeli (chi ne aveva mangiato, infatti, non poteva entrare nel tempio). L'aglio Ŕ citato anche nelle Sacre Scritture; nell'Esodo Ŕ menzionato fra i beni pi¨ preziosi che gli Ebrei dovettero lasciare in Egitto e tutti i medici naturalisti dell'antichitÓ ne hanno parlato. L'odore particolare dell'aglio e la maggior parte delle sue proprietÓ sono dovute alla presenza di un'essenza solforata, il cui principio attivo, l'allicina, Ŕ antisettico; la maschera protettiva dei medici contro la peste, nel Medioevo e nel Rinascimento, era imbottita di aglio e risultava essere veramente efficace. L'aglio contiene inoltre: ormoni sessuali, vitamine A, B1 , B2, PP, C, sali minerali e oligoelementi. L'allicina viene espulsa per via polmonare.
ProprietÓ curative: antidiabetico, antisettico, antispasmodico, callifugo, diuretico, espettorante, ipotensivo, stimolante, tonico, vermifugo.

AGRESTO (MOSTO DI UVA ACERBA)
VarietÓ di uva che non arriva mai a maturazione. Il succo ricavato da queste uve Ŕ usato per produrre aceto e simili

ACRIMONIA (AGRIMONIA EUPATORIA L) DELLE ROSACEE
Cresce spontanea, Ŕ stata per molto tempo confusa nei testi con la verbena; nota fin dalla preistoria, somministrata anticamente come antidoto per il veleno dei serpenti, contro le malattie del fegato, i disturbi della vista e la perdita della memoria. Parti utilizzate: sommitÓ fiorite, foglie mondate. Costituenti: tannino, olio essenziale, gomma.
ProprietÓ curative: antinfiammatoria, astringente, cicatrizzante, diuretica, risolvente e vulneraria.

AGRUMI (SUCCO)
La sostanza liquida, ricavabile dalla spremitura soprattutto di arance e limoni, contiene, vitamine, sali minerali, olii essenziali, zucchero.
ProprietÓ curative: aperitivo, colagogo, tonico.

ALLORO ROSA (LAURUS NOBILIS), DELLE LAURACEE
Introdotta in Europa dall'Asia Minore, questa bella pianta in Grecia era collegata ad Apollo, e con i suoi rami s'incoronavano gli eroi e i personaggi illustri delle arti e della vita sportiva. ╚ usata in cucina per profumare cibi e intingoli e per aromatizzare la selvaggina. Con l'aglio, il prezzemolo e il timo, l'alloro fa parte delle ricette tipiche dell'alimentazione mediterranea; un infuso delle sue foglie aiuta la digestione. L'olio che si ricava dalle sue drupe Ŕ un rimedio eccellente contro i dolori reumatici. Parti utilizzate: foglie, frutto. Costituenti: tannino, principio amaro, lipidi.
ProprietÓ curative: antisettico, sedativo, stimolante, digestivo.

ALOE (ALOE FEROX MILL) DELLE LILIACEE
╚ una pianta esotica di provenienza dell'Africa del Sud e delle Antille. Alla fine dell'estate le foglie di questa pianta vengono tagliate e, per spremitura, se ne estrae il succo, che viene fatto bollire. Dopo il raffreddamento rimane una massa dura, verdastra, amara, che si chiama 'aloe'. Parti utilizzate: foglie. Costituenti: antrochinoni.
ProprietÓ curative calologa, lassativo, purgante, cicatrizzante (per uso esterno).

ANICE (PIMPINELLA ANISUM) DELLE OMBRELLIFERE
Le proprietÓ sono dovute all'essenza, che si ottiene per distillazione dei semi, che va a costituire il principio attivo della droga dotata di proprietÓ stomachiche, espettoranti, sudorifere, lievemente calmanti. Parti Utilizzate: semi. Costituenti: olio essenziale, proteine, tannino.
ProprietÓ curative: digestiva, antidispeptica, antispastica e antisettica.

ARANCIA DOLCE E ARANCIA AMARA (CITRUS SINENSIS OSBECK E CITRUS BIGARDIA Rrss) DELLE RUTACEE
(CHIAMATE ANCHE PORIDGALLO E MELANGOLO)

Coltivate dai tempi pi¨ remoti in tutto l'Estremo Oriente, queste due specie furono introdotte in Europa dagli Arabi giÓ nel XV secolo. L'arancia contiene le vitamine C, A, B1, B2, PP, B5, B6, E, zuccheri, ecc. Le arance vengono ben tollerate dai sofferenti di stomaco e sono benefiche per i sofferenti di fegato; anche i diabetici possono mangiarle. Dalla buccia si estraggono, per distillazione, alcune essenze aromatiche. Parti utilizzate: foglie e giovani rami.
ProprietÓ curative: antiemorragica, antiscorbutica, antispasmodiaca, aperitivo, colagoga, febbrifuga, ipnotica, sedativa.

ARISTOLOCHIA (ARISTOLOCHIA CLEMATITIS L) DELLE ARISTOLOCHIACEE
GiÓ nota nell'antichitÓ, era impiegata per la sua azione stimolante, per accelerare il parto e alleviarne i postumi: infatti il suo nome deriva dalle parole greche Óristos, źeccellente╗, e lokýa, źparto╗. ╚ stata utilizzata per la sua proprietÓ astringente e vulneraria. Attualmente si usa soltanto la radice essiccata, perchÚ fresca Ŕ tossica. Parti utilizzate: foglie, ceppo. Costituenti: alcaloide tossico (aristolochina).
ProprietÓ curative: astringente, emmenagoga, vulneraria.

ARTEMISIA (ARTEMISIA VULGARIS) DELLE COMPOSITE
(CHIAMATA ANCHE ASSENZIO VOLGARE, ASSENZIO SELVATICO, ASSENZIO DELLE SIEPI, ECC.)

Erba perenne. Parti utilizzate: fiori e foglie. Costituenti: terpeni, eucaliptolo, resina, mucillagine, tannino. ProprietÓ curative: antispasmodica, emmenagoga , febbrifuga, tonica, vermifuga.

ASARO (ASARUM EUROPEUM L) DELLE ARISTOLOCHIACEE
L'asaro Ŕ un emetico, un purgativo, diuretico, espettorante e starnutatorio. Parti utilizzate: foglie, il rizoma fresco, oppure raccolto da almeno 6 mesi. Costituenti: olio essenziale, contenente asarina.
ProprietÓ curative: emetico, espettorante, purgativo e starnutatorio.

ASPARAGO (ASPARAGUS OFFICINALIS L) DELLE LIACEE Nell'antichitÓ era giÓ coltivato in Egitto, nel Medio Oriente e in Grecia; contiene un gran numero di sostanze: vitamina A, B, B2, aminoacidi e numerosi oligoelementi. L'asparago Ŕ un diuretico per stimolazione diretta del rene ed Ŕ sconsigliato ai sofferenti di gotta, di litiasi e di reumatismi. ╚ bene tenere presente inoltre che, consumato crudo, provoca spesso reazioni allergiche. Parti utilizzate: pianta intera con la radice. Costituenti: asparagina. ProprietÓ curative: depurativo, antidrotico.

ASPLETICO O ASPLENIO (ASPLENIUM CETERACH) DELLE POLIOPLODIACEE
Felce del genere asplenio, diffuso soprattutto nelle zone tropicale, con specie coltivate come ornamentali e usate in medicina popolare. ╚ un'erba usata nell'antichitÓ contro la malattia della milza. ╚ anche conosciuto come Cedracca Aspleno. Parti utilizzate: foglie fresche. ProprietÓ curative: anticatarrale, anticalcolotico.

ASSAFETIDA
Gommaresina di odore agliaceo che si ottiene da alcune piante della famiglia delle ombrellifere, con proprietÓ sedative e antispastiche.

BALAUSTRO O MELOGRANO (PUNICA GRANATUM) DELLE PUNICACEE
GiÓ 4000 anni fa, gli Egizi conoscevano le proprietÓ vermifughe della radice del melograno; in Europa, all'inizio del XIX secolo, la scorza di questa radice era molto usata nella lotta contro la tenia. Analisi moderne hanno confermato la presenza di alcaloidi antielmintici, che sono molto efficaci contro le tenie. La medicina antica conosceva e usava come astringente il tannino in esso contenuto. Parti utilizzate: corteccia, fiori, frutti. ProprietÓ curative: astringente, vermifugo e febrifugo.

BALSAMO DEL PERO (TOLUIFERA PEREIRE)
Balsamo estratto da una pianta del genere toluifera, con attivitÓ lenitiva, espettorante e antiscabbiosa.

BALSAMO DI COPATVE
Estratto da alcune piante del genere Copaifera, Ŕ usato come antisettico urinario.

BAMBACE O BAMBACEA (vedi cotone)
Materia setacea costituita da peli lunghi e sottili. ╚ un cascame della filatura del cotone, che viene usato per proteggere anche le ferite, sia come filacce sia come prodotto allo stato naturale. La bambace veniva resa antisettica con diverse sostanze e si aveva la bambace fenicata, all'acido salicilico, al sublimato corrosivo, allo iodoformio.

BDELLIO (BALSAMODENDRON AFRICANUM)
Resina gommosa usata per impiastri e cerotti medicati.

BELLADONNA (ATROPA BELLADONNA) DELLE SOLANACEE
Arbusto perenne con foglie ovali acuminate, bacche nere velenose, con radice e foglie ricche di alcaloidi; Ŕ chiamata 'belladonna' perchÚ produce una dilatazione delle pupille, e le donne la usavano per rendere il loro sguardo pi¨ seducente. Parti utilizzate: radici e foglie. Costituenti: atropina.
ProprietÓ curative: Ŕ un farmaco simil atropinico.

BENZOINO o BELZUINO o BEIZOINO (S77RAX TONKINENSIS CRAIB) DELLE STIRACACEE
Resina profumata, ricavata dalla corteccia di questa e di varie altre piante del genere Stiracee. ╚ usata in profumeria e in medicina. ProprietÓ curative: balsamico, antisettico.

BENDA DI COTONE O DI LINO
Striscia di tela di lino o di cotone usata per fasciare ferite e fratture. I fili di cotone o di lino erano utilizzati per la sutura delle ferite e per legare i vasi prima che fosse introdotto il catgut.

BETULLA (BETULLA ALBA L) DELLE BETULACEE
L'utilizzazione della betulla nella farmacopea Ŕ avvenuta a opera di Santa Ildegarda, che magnificava l'azione cicatrizzante dei suoi fiori. Parti utilizzate: foglie, corteccia, gemme, linfa e fiori. Costituenti: saponina, tannino, resina, ohi essenziali, glucosidi. ProprietÓ curative: antisettica, cicatrizzante, coleretica, depurativa, diuretica, stimolante, sudorifera.

BIRRA
Bevanda alcolica ottenuta dalla fermentazione del malto e di altri cereali, aromatizzata con il luppolo e talvolta addizionata con anidride carbonica; la birra medicinale era un preparato farmaceutico ottenuto facendo fermentare nella birra radici ed erbe e aggiungendo sostanze medicinali.

BRUNELLA (BRUNELLA VULGAR1S) DELLE LABIATE (CHIAMATA ANCHE MORELLA, ERBA MORA, CONSOLIDA MAGGIORE)
L'origine del suo nome, dal tedesco braun, potrebbe riferiris al colore scuro del calice. Nell'antichitÓ, nel Medioevo e anche attualmente non si Ŕ mai attribuita alla pianta un'importante attivitÓ medicinale, ma nel XVI secolo essa destava grande interesse nei medici e negli erboristi. Parti utilizzate: pianta intera senza la radice. Costituenti: tannino, essenze, principi amari e resinosi. proprietÓ curative: astringente, cicatrizzante, detergente.

CAMEDFUO (TEUCRIUM C4MAEDRYS L) DELLE LABIATE
Pianta spontanea, nell'antichitÓ le si attribuivano proprietÓ febbrifughe e digestive; nelle preparazioni medicinali, il camedrio pu˛ essere sostituito dal camedrio marittimo ( Teucrium Marum), con odore di mentolo, che cresce sulle rocce litoranee del Mediterraneo. Parti utilizzate: sommitÓ fiorite, foglie. Costituenti: tannino, olio essenziale, sostanze amare. ProprietÓ curative: antisettico, coleretico, febbrifugo, stomachico, tonico e vulnerario.

CAMOMILLA (MATRICARIA CAMOMILLA) DELLE COMPOSITE
Utilizzata da sempre, sotto forma di tisane, come antispasmodico, calmante e contro l'irritabilitÓ dei bambini. Le proprietÓ curative (soprattutto emmenagoghe) della camomilla, intuite giÓ da Dioscoride (I secolo d.C.), sono state confermate oggi dalla scienza medica. Parti utilizzate: capolini. Costituenti: camazulene blu, flavonoidi, olio essenziale, cumarine. ProprietÓ curative: antalgica, antinfiammatoria, antispasmodica, emmenagoga, eupeptica, sedativa.

CANAPA (CANNABIS SATIVA L) DELLE CANNABINACEE
Un tempo coltivata in Oriente, Ŕ poi scomparsa per l'introduzione sul mercato di fibre artificiali. Non esistono differenze morfologiche tra la canapa comune e la specie asiatica (Cannabis Indica o Canapa Indiana), dalla quale si ricava l'hashish. Parti utilizzate: foglie. Costituenti: hashish. ProprietÓ curative: analgesica, antispasmodica e sedativa.

CANFORA (CINNAMOMUM CAMPHORA T NEES ET EBERM) DELLE LAURACEAE
Era giÓ utilizzata in Europa dal XII secolo, ma il suo impiego si diffuse a partire dal XVII secolo; si utilizza per uso esterno come revulsivo e per uso interno come stimolante cardiaco. Entra nelle ricette di balsami usati per alleviare i dolori muscolari. Parti utilizzate: pianta intera. Costituenti: olio essenziale, sostanze amare. ProprietÓ curative: revulsiva, cardiotonica.

CANNELLA (CINNAMOMUN ZEYLANICUM NESS), DELLE LAURACEE
GiÓ nota nell'antichitÓ, la Cannella occupa, ai nostri giorni, un posto importante tra le spezie usate in cucina. La corteccia, tagliata in piccoli pezzi, dopo una breve fermentazione emana il caratteristico aroma. Si pu˛ preparare un vino digestivo alla cannella facendo macerare per una notte 50 g di corteccia di cannella e 20 g di corteccia di frassino in un litro di vino; si filtra e se ne beve un bicchierino dopo i pasti. Parti utilizzate: corteccia. Costituenti: olio essenziale. ProprietÓ curative: astringente, stimolante, stomachica.

CARDAMOMO (ELETTARIA CARDAMOMUM ROXI3. MATON) DELLE ZINGIBERACEE
Il suo habitat Ŕ Ceylon, l'India e coste del Malabar; Ŕ stato introdotto in Europa dagli Arabi. Nel Medioevo era apprezzato per le proprietÓ stomachiche ed era consigliato dalla Scuola Medica Salernitana. Parti utilizzate: frutti con i semi. Costituenti: olio essenziale, terpene, terpinolo. ProprietÓ curative: carminativo, antisettico.

CARDAMOMO MAGGIORE (Amomum CARDAMOMUM)
GRANA PARADISI (Amomum GRANA PARADISI) DELLE AMOMIACEE

Oltre al Maggiore, ve ne sono altre due specie: Medio e Piccolo. Entravano a far parte anche della Teriaca. Parti utilizzate: semi. Costituenti: olio volatile, mucillagine, sali di potassio, fecola. ProprietÓ curative: stomachici, carminativi, eccitanti.

CARLINA (CARLINA ACAULIS. L) DELLE COMPOSITE
Secondo la leggenda, la carlina (una pianta spontanea) sarebbe stata un rimedio provvidenziale contro la peste per le armate di Carlo Magno o di Carlo V e da ci˛ il nome di Carlina. Parti utilizzate: radice. Costituenti: oli essenziali, inulina, tannino, resina, una sostanza antibiotica. ProprietÓ curative: cicatrizzante, colagoga, detergente, diuretica, stomachica, sudorifera.

CARRUBO (CERATONIA SILIQUA L) DELLE PAPILIONACEE
Nel Medioevo era usato anche per l'alimentazione umana: infatti, Ŕ pur sempre una risorsa non trascurabile. La leggenda narra che sia stato questo il cibo di Giovanni Battista nel deserto. Le carrube sono lassative e, se essiccate, antidiarroiche. La farina ottenuta dalla polpa essiccata Ŕ efficace contro le infezioni intestinali. Parti utilizzate: frutto. Costituenti: tannino, vitamine. ProprietÓ curative: antidiarrotico, emolliente, lassativo e antidiabetico.

CASSIA (CASSIA AUGUSTIFOLIA, CASSIA ACUTIFOLIA, CASSIA ABOVATA) DELLE PAPILIONACEE
Contiene sostanze ad azione purgativa ed Ŕ meglio conosciuta come Senna. Parti utilizzate: foglie e frutti essiccati. Costituenti: antrachinone. ProprietÓ curative: purgativo, lassativo.

CATRAME
Prodotto liquido bruno molto denso, che deriva anche dal mondo vegetale. Le applicazioni terapeutiche anche come ittiolo derivano dalla sua azione locale sulla pelle (eczema, psoriasi) oltre che contro le malattie parassitarie (scabbia). Viene anche utilizzato nella cura delle piaghe.

CATTO D'INDIA (CATEC┘) DELLE PAPILIONACEE
Si usa il succo dell'acacia (Acacia Catecu), diffusa in India e in Ceylon, per ottenere una sostanza amara ricavata dalla medesima pianta con utilizzo in farmacia. Parti utilizzate: parte della pianta (succo). Costituenti: tannino, acido gallico, gomme, mucillagine e un principio giallo cristallino (catechina). ProprietÓ curative: astringente.

CECE (CICER ARIETINUM) DELLE LEGUMINOSE
Originario del Medio ed Estremo Oriente, Turchia, Asia e Mediterraneo, era coltivato giÓ nel 5000 a.C. ╚ ricco di ferro e altri minerali. ProprietÓ curative: ricostituente per stomaci deboli.

CENTAUREA MAGGIORE (SENTA" CENTARIUM)
╚, una composita, comune nei prati, lungo i fossati, non correlata con la Centaurea Minore (Erythraea Centarium); quest'ultima entra anche nella composizione di vermouth e altri liquori. ProprietÓ curative: febbrifuga, lassativa, antispasmodica, carminativa, aperitivo, digestiva.

CHINA ROSSA (CINCHONA SULCIRUBRA PAO DELLE RUBIACEE
Dopo che lo spagnolo Lopez Canizares in America fu guarito dalla malaria grazie a una pozione indiana preparata con il cosiddetto 'legno da febbre', l'efficacia terapeutica della china si afferm˛ e la sua coltivazione fu estesa ad altri continenti; soltanto nel 1820 Caventau e Pellettier riuscirono a isolare i principi attivi della corteccia: il chinino. La china, oltre ad avere un effetto benefico nella cura della malaria, Ŕ molto tonica e rientra tra numerose preparazioni farmaceutiche. Parti utilizzate: corteccia. Costituenti: chinina. ProprietÓ curative: febbrifuga, risolvente.

CHINA (CINCHONA OFFICINALIS) (vedi china) CHININA (vedi china)
CICLAMINO DELLE PRIMULACEE

Parti utilizzate: radice allo stato fresco. Costituenti: glucoside, ciclamina. ProprietÓ curative: lassativo drastico, in passato era utilizzato come vermifugo, purgativo, diuretico.

CICUTA MAGGIORE (CONIUM MACULATUM L) DELLE OMBRELLIFERE CICUTA MINORE (AETHUSA CYNAPIUM L) DELLE OMBRELLIFERE
Sono piante tossiche e possono facilmente confondersi con il prezzemolo. Anticamente in Atene erano usate come veleno di Stato. Parti utilizzate: tutta la pianta. Costituenti: principio attivo (coniina o cicutotossina) che provoca paralisi degli arti, del cuore e del respiro.

CINA GENTILE (SMILAX CHINA L) DELLE SMILACEE
Parti utilizzate: radice. Cresce in India e Cina. Costituenti: smilacina. ProprietÓ curative: diaforetica, scialagoga, depurativa.

CIPOLLA (ALLIUM CEPA) DELLE LILIACEE
Di derivazione dalle Cipolle selvatiche dell'Asia, la Cipolla era coltivata in Caldea giÓ 4000 anni fa; Ŕ raffigurata, spesso, anche negli affreschi delle tombe egizie. Sia Greci sia Romani consumavano cipolle in abbondanza e anche i buongustai del Medioevo le tenevano in grande considerazione. Attualmente la cipolla Ŕ, forse, l'ortaggio-condimento pi¨ importante e maggiormente utilizzato nella cucina mediterranea. I testi pi¨ antichi di medicina, gli Erbari, attribuiscono alla cipolla proprietÓ diuretiche ancora oggi riconosciutele. Il sapore piccante Ŕ dovuto alla presenza di un olio volatile analogo a quello dell'aglio, la cipolla fresca contiene molta acqua, glucidi, lipidi, sali minerali, numerosi oligoelementi, zolfo, vitamine A, B1, B2, PP, C, E e flavonoidi. ProprietÓ curative: antiscorbutica, antisettica, bechica, callifuga, cardiotonica, cicatrizzante, emolliente, espettorante, ipoglicemizzante, lassativa, revulsiva, risolvente.

CIPPERO O CIPERO (CYPERUS LONGUS, CYPERUS ROTUNDUS, CYPERUS ESCILENTUS) DELLE CYPERACEE
Si usa la radice, dalla quale si estrae un olio ricco di sostanze grasse, simile all'olio di oliva.

CIPRESSO (CUPRESSUS SEMPERVIRENS L) DELLE CUPRESSACEE
Tra le pi¨ note piante dell'antichitÓ (si trova in un manoscritto assiro di 35 secoli fa). Parti utilizzate: giovani rami, foglie, frutti. Costituenti: tasso elevato di tannino, un olio essenziale molto aromatico (con il quale i Romani preparavano i profumi); per il complesso dei suoi costituenti ha soprattutto un'azione vasocostrittrice. ProprietÓ curative: antidiarroico, antisettico, antispasmodico, cicatrizzante, vasocostrittore.

COCA (ERYTHROXYLON COCA LAM) DELLE LINACEE
Le foglie di questa pianta, originaria della Bolivia, hanno sapore amaro e contengono alcaloidi, tra cui la cocaina, usata in medicina come anestetico locale; per uso interno la cocaina Ŕ uno stupefacente che eccita fortemente il sistema nervoso. Gli Indios delle Ande hanno l'abitudine di masticare foglie di coca, alleviando cosý lo stimolo della fame, del freddo e della fatica. Parti utilizzate: foglie. Costituenti: cocaina. ProprietÓ curative: stupefacente.

COLOQUINTIDE (CITRULLUS COLOCYNTHIS SCHARD) DELLE CUCURBITACEE
Per il suo contenuto in glucosidi amari, la coloquintide Ŕ uno dei purganti vegetali pi¨ drastici, di cui si diffidava persino ai tempi in cui la purga era dei mezzi curativi pi¨ in auge. Parti utilizzate: semi. Costituenti: colocintina. ProprietÓ curative: drastico, diuretico e insetticida.

CONSOLIDA MAGGIORE (SYMPHYTUM OFFICINALIS) DELLE BORRAGINACEE
Parti utilizzate: radice. Costituenti: allantoina, alcaloide, tannino. ProprietÓ curative: astringente, bechico, cicatrizzante, emolliente.

CONTRAIERVA (DORSTENIA CONTRAIERVA LAM) DELLE URTICACEE
Cresce in America Latina e in Brasile. Parti utilizzate: corteccia della radice. ProprietÓ curative: stimolante, diaforetica.

CONVOLVOLO (CONVOLVULUS SEPIUM) DELLE CONVOLVULACEE
Pianta infestante presente nelle siepi con fiori bianchi a forma d'imbuto. Parti utilizzate: radici e foglie. Costituenti: resina, tannino, sali minerali, glucosidi. ProprietÓ curative: coleretico, lassativo.

CORALLINA DI CORSICA O ALGA ROSSA (CORALLINA OFFICINALIS O ALSIDIUM HELMINTHOCHORTON) DELLE RHODOMELACEAE
╚ un'alga diffusa nel Mediterraneo e nell'Atlantico, usata in medicina come vermifugo. Parti utilizzate: pianta intera. Costituenti: olio essenziale. ProprietÓ curative: vermifugo, sostanze gelatinose e resinose, iodio, ferro, calcio.

CORIANDOLO (CORIANDRUM SATIVUM L) DELLE OMBRELLIFERE
Presso gli Arabi, questa pianta Ŕ tuttora in uso quotidiano; a riguardo la medicina antica fu contraddittoria: alcuni ritenevano il coriandolo velenoso, altri lo consideravano efficace per guarire la peste, l'epilessia e per rendere indolore il parto. In dosi elevate pu˛ provocare disturbi nervosi e lesioni renali. Parti utilizzate: frutti. Costituenti: olio essenziale. ProprietÓ curative: antisettico, antispasmodico, carminativo, eccitante, stimolante e vulnerario.

CORTECCIA PERUVIANA (vedi China)

COTONE (GOSSYPIUM VITIFOLIUM IAM) DELLE MALVACEE
Pianta erbacea, il cui frutto viene utilizzato per intero. I semi contengono acidi grassi ipocolesterolemizzanti, le fibre vengono utilizzate come bambace o filate come tessuto. La scorza della radice contiene sostanze che agiscono sulla muscolatura dell'utero.

CRAUTI
Prodotto alimentare ottenuto con le foglie di cavolo cappuccio, tagliate, salate e pepate e poste in fusti di legno a fermentare.

CRESCIONE (NASTRURTIUM OFFICINALE R. BR.) DELLE CRUCIFERE
Possiede un odore piccante: infatti, il suo nome latino proviene da nasus e tortus. ╚ ricchissimo di sali minerali e di vitamine (A, B2, C, E, PP). Svolge un'azione depurativa molto efficace, diuretica e febbrifuga, felicemente intuita dai medici del passato. Parti utilizzate: fusto foglioso. Costituenti: glucoside solforato, fosfati, ferro, vitamine. ProprietÓ curative: depurativo, diuretico, febbrifugo, stimolante.

CROCO (CROCUS SATIVUS L) DELLE IRIDACEE
Pianta originaria del Mediterraneo, specialmente conosciuta in antichitÓ per le proprietÓ medicamentosa. Parti utilizzate: stimma del fiore. Costituenti: olio essenziale, glucosidi amari. ProprietÓ Curative: emmenagogo, ipnotico, sedativo, stimolante, tonico.

CUBEBE (PIPER CUBEBE) DELLE PIPERACEE
Pianta rampicante, coltivata in molti paesi tropicali come spezia. Parti utilizzate: frutto (simile al cece). Costituenti: cubebina. ProprietÓ curative: diuretica, balsamica, antisettica.

CUMINO DEI PRATI (CARUM CARVI. L) DELLE OMBRELLIFERE
Pianta spontanea. L'essenza del Cumino Ŕ tossica per l'uomo. Parti utilizzate: frutti e radici. Costituenti: olio essenziale, contenente carvone e limonene, acidi grassi, protidi, glucidi, tannino-cellulose. ProprietÓ curative: carminativo, digestivo, emmenagogo, galattagogo.

DATTERO (PHOENIX DACTYLIFERA L) DELLE PALMACEE
Pianta di palma che prospera nei climi subtropicali; la polpa dei datteri Ŕ ricca di glucidi, contiene anche calcio, magnesio, fosforo e vitamine A, B, C e D. I datteri sono molto nutrienti e sono consigliati agli anemici e ai convalescenti. Sono efficaci nelle affezioni polmonari e la polvere dei loro noccioli Ŕ usata in fitoterapia. Parti utilizzate: frutti. Costituenti: glucosio, fruttosio, vitamina B e E, mucillagine. ProprietÓ curative: antibatterico, bronchiale, intestinale, ricostituente.

DIAGRIDIO (CONVOLVULUS SCAMMOIVIA L) (vedi resina di scammonea)

DITTAMO (ORIGANUM DICTAMNUS L) DELLE RUTACEE
Dai Greci e dai Latini veniva considerata una panacea, ma era spesso confuso con altre labiate odorose. Rientrava in numerose ricette degli speziali. La medicina moderna riconosce a questa pianta solo proprietÓ aromatiche. Parti utilizzate: fiori, pianta intera. Costituenti: olio essenziale, tannino, resina. ProprietÓ curative: antispasmodico, colagogo, emmenagogo e vulnerario.

DITTAMO BIANCO (DICTAMNUS ALBUS) DELLE RUTACEE (CHIAMATO ANCHE TIMONELLA, DITTAMO, FRASSINELLA
╚ pianta ignorata dagli antichi, scoperta solo nel Rinascimento che le attribuý diverse proprietÓ medicinali. Parti utilizzate: scorza della radice, fiori, foglie. Costituenti: olio essenziale alcaloide (distammina), saponina. ProprietÓ curative: antispasmodico, digestivo, tonico, stimolante.

ELATERIO COCOMERO ASININO (ECBALLIUM ELATERIUM A. RICH) DELLE CUCURBITACEE
Pianta tipica dei paesi mediterranei, Ŕ stata usata dai Romani e dai Greci come purgante drastico. Parti utilizzate: succo del frutto, radice. Costituenti: elaterina, cucurbitacine. ProprietÓ curative: purgante drastico (da usare solo su prescrizione).

ELATERIO (MOMORDICA ELATERIUM L)
╚ una pianta del Mediterraneo. Parti utilizzate: frutti immaturi. Costituenti: elaterina. ProprietÓ curative: purgante energico (da non somministrare a persone deboli).

ELLEBORO NERO (ELLEBORUS NIGER L) DELLE RANUNCOLACEE
Pianta erbacea con rizoma velenoso, ricco di glucosidi, usato in medicina. Parti utilizzate: rizoma. Costituente: elleborina. ProprietÓ curative: glicosidi cardioattivi.

ELOBORO o ELLEBORO BIANCO (VERATRUMALBUM L) DELLE LILIACEE
Pianta erbacea con rizoma velenoso, ricco di glucosidi, usato in medicina. Parti utilizzate: rizoma. Costituenti: veratrina. ProprietÓ curative: glicoside, cardioattivo.

ERGOTINA (vedi Segale Cornuta).
Estratta dalla Segale Cornuta, Ŕ impiegata come antiemorragico e vaso costrittore.

FAVA ( VICIA FABA) DELLE PAPILIONACEE
╚ un ortaggio giÓ coltivato nell'EtÓ del Bronzo. Nell'antichitÓ era conosciuta e apprezzata come ortaggio, ma aveva la cattiva fama di albergare nelle anime dei morti e di provocare brutti sogni. Possiede un alto valore nutritivo: contiene infatti il 23% di protidi ed il 55% di glucidi. Parti utilizzate: fiori, baccelli. Costituenti: canavalina, protidi, glucidi, amido. ProprietÓ curative: antispasmodica, diuretica, sedativa, antibiotica.

FELCE MASCHIO (DRYOPTERIS SCHOTT) DELLE POLIPODIACEE
Ha fronde lunghe, forti, mentre la felce femmina ha fronde pi¨ fini ed eleganti. Dai tempi pi¨ remoti il rizoma Ŕ usato come antiparassitario: contiene una sostanza che intossica e paralizza la tenia. Parti utilizzante: rizoma, foglie. Costituenti: filicina. ProprietÓ curative: antiparassitario, detergente, vermifugo.

FELCE MASCHIO MINORE (POLYSTICHUM ACULEATUM)
FELCE MASCHIO (ASPIDIUM FILIX-MAS, PHISTICUM FILIX-MAS)

Parti utilizzate: rizoma, foglie. Costituenti: olio etereo (filicina). ProprietÓ curative: antielmintico (tenie e botrocefalo).

FICO (FICUS CARICA) DELLE MORACEE
Albero fruttifero, diffuso nel Mediterraneo. Parti utilizzate: foglie, frutti. Costituenti: fucocumarine, gomma, vitamine, zucchero, cellulosa, mucillagine. ProprietÓ curative: tossifugo, ricostituente, lassativo, antidolorifico.

FIENO GRECO (TRIGONELLA FOENUM-GRAECUM) DELLE PAPILIONACEE
╚ stato adoperato come medicinale fin dall'antichitÓ. Nel IX secolo fu introdotto in Europa dall'Asia Minore. I semi del fieno greco vengono tuttora utilizzati dalle donne per raggiungere una floridezza molto apprezzata. Infatti, esplicano un'azione sul metabolismo dei grassi, mediante il principio attivo (la trigonellina) in essi contenuta. I cataplasmi caldi dei semi fanno maturare gli ascessi e riducono la cellulite. Parti utilizzate: semi essiccati, sommitÓ fiorite. Costituenti: trigonellina, essenze, sostanze azotate e fosfate. ProprietÓ curative: aperitivo, emolliente, ipoglicemizzante, lassativo, tonico.

FRUMENTO (TRITICUM VULGARE VILL) DELLE GRAMINACEE (CHIAMATO ANCHE GRANO, CARUSELLA, TRIGU)
╚ un cereale antichissimo, giÓ conosciuto alle origini delle civiltÓ occidentali e coltivato 8000 anni fa in Kurdistan. Si Ŕ poi diffuso gradualmente in Iraq e, 4000 anni fa, in tutto il Mediterraneo. Nel III millennio vari tipi di frumento erano coltivati nella maggior parte dell'Europa. Parti utilizzate: semi. Costituenti: lecitina, fosforo, lipidi, magnesio, calcio, oligoelementi, vitamine B1, B2, PP, B5, B6, D, E. ProprietÓ curative: antianemico, emolliente, lassativo, rimineralizzante, stimolante.

GALANGA (MARANDA GALANGA)
Si usa la radice. ╚ il rizoma di alcune specie di Alpinia Galanga, utilizzato come carminativo in medicina.

GALBANO (vedi Gomma Gulbana)
Gomma resina, ricavata dal fusto di alcune piante del genere Ferula, usate in medicina per la preparazione di impiastri revulsivi.

GAROFANO (EUGENIA CARYOPHYLLATA THUNB) DELLE MIRTACEE
╚ originario delle isole Molucche. I boccioli dei suoi 'fiori', essiccati, sono i famosi 'chiodi di garofano', una preziosa spezia largamente impiegata in cucina. Utilizzati dai Cinesi molto tempo prima della nostra Era, i chiodi di garofano vennero introdotti in Europa nell'VIII secolo. Per distillazione, da essi si ottiene l'essenza di garofano, che rientra in numerose preparazioni farmaceutiche. Tra l'altro, si usa in odontoiatria per calmare il mal di denti. Parti utilizzate: boccioli dei fiori. Costituenti: essenze, vitamine. ProprietÓ curative: antisettico, sedativo, antidolorifico.

GELSOMINO (JASMINUM OFFICINALE L) DELLE OLEACEE
L'infuso dei fiori in fitoterapia Ŕ considerato un sedativo e un efficace rimedio contro il mal di testa. L'olio che si ottiene macerando per sei settimane i fiori nell'olio di oliva Ŕ un ottimo linimento per i dolori nevralgici. Parti utilizzate: fiori. Costituenti: oli essenziali. ProprietÓ curative: antispasmodico, aromatico e ipnotico.

GENZIANA - GENZIANA MAGGIORE (GENTIANA LUTEA L.) DELLE GERMINACEE
Cresce spontanea. Parti utilizzate: radici essiccate. Costituenti: essenza un alcaloide, pigmenti, vitamina C, pectine, glucosidi amari. ProprietÓ curative: aperitivo, febbrifuga, stomachica, tonica, vermifuga.

GINEPRO (IUNIPERUS COMMUNIS) DELLE CUPRESSACEE
I frutti (bacche o galbuli), di questa pianta cespugliosa impiegano due anni per giungere a maturazione. Nel Medioevo le bacche del ginepro hanno avuto fama di operare guarigioni miracolose. Pi¨ tardi, nel 1581, il Papa Gregorio XIII (riformatore del 'calendario') asserirÓ che źiuniperi grana sunt omni tempore sana╗, cioŔ che i galbuli di ginepro sono salutari in ogni tempo. Oggi i 'galbuli' vengono utilizzati come diuretici e aperitivi; rientrano anche come elemento base nella preparazione del gin e servono per affumicare il prosciutto, al quale conferiscono un sapore ineguagliabile. Parti utilizzate: rami fogliosi, frutti. Costituenti: oli essenziali, resina, glucidi. ProprietÓ curative: aperitivo, carminativo, depurativo, diuretico, emmenagogo, rubefacente.

GIUSQUAMO (HYOSCYAMUS NIGER) DELLE SOLANACEE
Pianta molto pericolosa perchÚ velenosa, dal Medioevo fino a tutto il 1500 il giusquiamo rientrava tra le piante utilizzate a scopo magico. 'L'unguento delle streghe', ad esempio, era composto da cicuta, mandragora, giusquiamo e belladonna: applicandolo su una persona affetta da frenesia e irrequietezza, produceva un sonno ipnotico e forti allucinazioni. Parti utilizzate: fiori, foglie, frutti. Costituenti: iosciamina. ProprietÓ curative: sedativo, antispasmodico.

GOMMA AMMONIACA (DORENA AMMONIACUM) DELLE OMBRELLIFERE
Cresce in Oriente; ha odore balsamico, si polverizza facilmente e con l'acqua dÓ un emulsione. Parti utilizzate: gomma resina. Costituenti: resina, gomma, olio etereo. ProprietÓ curative: espettorante, diuretica, emmenagoga, antinfiammatoria, risolvente.

GOMMA GULBANA (FERULA GALBANIFLUA)
Costituenti: gomma essenziale, resina, gomme. ProprietÓ Curative: balsamico, stomachico, emmenagogo, risolvente.

GOMMA VEGETALE
Liquido denso, vischioso, prodotto da alcune piante tropicali, che a contatto con l'aria solidifica e acquista elasticitÓ.

GOMMA'AUT O GOMMA GUTTA, (GOMMA GOTTA)
Gomma resina, estratta da piante tropicali del genere Garcinia. Parti utilizzate: resina-gomma. ProprietÓ curative: purganti.

GRAMIGNA (AGROPYRUM REPENS. P. B.) DELLE GRAMINACEE
Pianta infestante diffusa in tutto il mondo. Parti utilizzate: succo della pianta intera, rizoma. Costituenti: sali minerali, olio essenziale, polisaccaride mucillaginoso. ProprietÓ curative: depurativa, diuretica, emolliente.

GUAIACO O LEGNO SANTO (GUAIACUM OFFICINALE) DELLE ZIGOFILLACEE
Durante il XVI secolo, il Guaiaco fu importato in Europa, in quanto capace di curare la sifilide; oggi se ne usa il decotto, molto efficace contro i reumatismi. Parti utilizzate: scorza, legno, resina. Costituenti: saponine. ProprietÓ curative: antireumatico, lassativo, risolvente.

HASHISH (vedi Canapa Indiana)

IDROMELE
Antica bevanda alcolica, ottenuta per fermentazione del miele diluito in acqua e aromatizzato con fiori di sambuco, timo, rosmarino. ╚ usato come emolliente e lassativo.

INCENSO (GENERE BOSWIELLA)
Gomma resina che si ottiene incidendo la corteccia di piante delle genere Boswiella (origine africana e asiatica) che bruciando emana un fumo intensamente aromatico. Era usato fin dall'antichitÓ durante le manifestazioni religiose.

IOSCIAMO (HYOSCIAMUS MUTICUS L) DELLE SOLANACEE (CHIAMATO ANCHE FAVA PORCINA)
Parti utilizzate: foglie, semi. Costituenti: alcaloide dell'atropina (ioscina). ProprietÓ curative: antispasmodico e sedativo.

IPECACUANA (CEPHAELIS IPECACUANHA)
Originaria del Brasile. Parti utilizzate: radici. Costituenti: ipecacuanina. ProprietÓ curative: emetiche, espettoranti.

IPERICO (HYPERICum PERFORATUM) DELLE IPERICACEE (CHIAMATO ANCHE PILASTRO, ERBA DI SAN GIOVANNI, MB I F, BUCHI)
Parti utilizzate: pianta intera. Costituenti: oli essenziale, ipericina, polisaccaride, vitamine. ProprietÓ curative: antisettico, astringente, cicatrizzante, diuretico, sedativo, vermifugo, vulnerario.

ISSOPO (HYSSOPUS OFFICINALIS L) DELLE LABIATE
Nei tempi antichi veniva utilizzato, insieme ad altre 17 piante (tŔ svizzero) per curare l'asma e alcune affezioni bronchiali e polmonari croniche. Parti utilizzate: sommitÓ fiorite. Costituenti: olio essenziale, tannino, olio resina (glucoside). ProprietÓ curative: antispasmodico, aperitivo, carminativo, depurativo, risolvente, stimolante, stomachico, vulnerario.

LADANO (CISTUS CRETICUS)
Oleoresina profumata di colore rosso, usata nella preparazione di rimedi anticatarrali.

LAUDANO DI SYDENHAM
Preparazione galenica di oppio, alcol, acqua e aromatizzanti vari, dotata di proprietÓ antispastiche e analgesiche.

LAVANDA (LAVANDULA OFFICINALIS CHAIX) DELLE LABIATE (CHIAMATA ANCHE SPIGO NARDO, SPICA DI FRANCIA)
╚ coltivata su scala industriale per estrarne l'essenza profumata. In passato, la lavanda era usata dalle massaie per profumare la biancheria, ma anche come antisettico e insetticida se raccolta prima della fioritura. Parti utilizzate: sommitÓ fiorite, fiori mondati. Costituenti: cumarina, essenza, sostanza amara. ProprietÓ curative: antispasmodica, carminativa, cicatrizzante, colagoga, diuretica, insetticida, stimolante e sudorifera.

LICHENE D'ISLANDA (CETRARIA ISLANDICA. L) DELLE CETRARIACEE
Questa pianta, sconosciuta nell'antichitÓ, Ŕ entrata nella farmacopea nel XVII secolo; viene usata per la cura di varie affezioni, e le sue proprietÓ curative si differenziano a seconda che il principio attivo amaro sia presente, oppure sia stato eliminato mediante ebollizione. Parti utilizzate: tallo essiccato, liberato o non dai suoi principi amari. Costituenti: acidi, idrati di carbonio, un principio amaro, mucillagine. ProprietÓ curative: antiemetico, antisettico, antispasmodico, emolliente, espettorante, tonico.

LIMONE (CITRUS LIMONUM) DELLE RUTACEE
Il limone, frutto medicinale per eccellenza, fu molto apprezzato dagli antichi medici latini greci e arabi. Proveniente dall'Asia meridionale, Ŕ stato importato in Europa dagli Arabi verso il X secolo d.C. Parti utilizzate: frutto, foglie. Costituenti: limonene, pinene, perossidasi, oligoelementi, sali minerali, vitamina C. ProprietÓ curative: antiemorragico, antiscorbutico, antisettico, febbrifugo, rinfrescante, tonico, ipotensivo.

LINO (LINUMANGUSTIFOLIUM HUDS) DELLE LINACEE
Pianta spontanea, l'acqua di lino era in gran voga nel XVIII secolo e la si beveva per conservarsi in buono stato di salute. Parti utilizzate: semi. Costituenti: mucillagine pectina, lipidi, enzimi, glucoside vitamina F. ProprietÓ curative: diuretico, emolliente, lassativo, vermifugo. Per la cura delle ferite si usavano filacce di lino tessuto e filacce di cotone.

LIQUIRIZIA (GLYCIRRHIZZA GLABRA L) DELLE PAPILIONACEE
Gli antichi la denominarono źradice dolce", con riferimento alle sue proprietÓ calmanti e al sapore gradevole. Parti utilizzate: radice, rizoma. Costituenti: glucidi, tannino, flavonoide, glicizzerrina (acido glicizzirico) estrogeni. ProprietÓ curative: antispasmodico, bechico, depurativo, digestivo diuretico, emolliente, espettorante, pettorale, rinfrescante, tonico.

LUPINO (LUNNUSALBUS L) DELLE PAPILIONACEE
I semi di lupino hanno costituito, nel lontano passato, una risorsa come foraggio e come alimento per gli uomini; i Greci consumavano giÓ questi semi, che perdono il forte sapore amaro e soprattutto la tossicitÓ con la bollitura e la prolungata immersione in acqua corrente. Parti utilizzate: semi. Costituenti: lupanina, lecitina, manganese, fostati. ProprietÓ curative: antidiabetico, emolliente, vermifugo.

MACIS O NOCE MOSCATA (MYRISTICA OFFICINALIS)
Si usa il seme privato del guscio e dell'arillo. Costituenti: olio essenziale. ProprietÓ curative: stimolante, eupeptica, disinfettante.

MAGGIORANA (ORIGANUMIWAJORANA L) DELLE LABIATE
Specie subarbustiva, che cresce spontaneamente. La maggiorana ha proprietÓ medicinali molto apprezzate. Parti utilizzate: sommitÓ fiorite. Costituente: terpinene, canfene, mucillagine, sali minerali. ProprietÓ curative: antalgica, antisettica, antispasmodica, ipotensivoa, digestiva.

MANDORLO (PRUNUS AMIGDALUS BATSCH) DELLE ROSACEE
La mandorla dolce Ŕ ricca di olio, proteine e glucidi, oltre alle vitamine A, B1, B2, PP, B5 e B6. Le mandorle amare, spesso prescritte per le loro proprietÓ antispasmodiche e sedative, contengono, come la maggior parte dei semi del genere Prunus, una sostanza che genera acido cianidrico a tasso molto elevato. L'ingestione di dieci mandorle amare pu˛ provocare dei gravi disturbi. Parti utilizzate: frutto. Costituenti: olio, proteine, glucidi. ProprietÓ curative: antianemico, antispasmodico, emolliente, lassativo, rimineralizzante e sedativo.

MANDRAGORA O MANDRAGOLA (MANDRAGORA OFFICINARUM L) DELLE SOLANACEE
╚ pianta tossica per la presenza di alcaloidi (droghe che agiscono sul sistema nervoso, sulle secrezioni, sul cuore, con azioni antispastiche, anestetiche e narcotiche profonde). Tutta la pianta Ŕ pericolosa, soprattutto la radice; spesso le sue radici vengono confuse con quelle commestibili della comune rapa. Parti utilizzate: semi e radici. Costituenti: mandragorina. ProprietÓ curative: antispastica, anestetica, narcotica.

MASTICE (RESINA MASTICE)
Fragrante che si ricava dall'incisione del lentisco, coltivato nei paesi caldi e utilizzato per aromatizzare determinati vini. ╚ una resina che sgorga dalle incisioni fatte sul tronco dei rami del mastice terebinto (Pistacia Leutibeus). Le Ŕ stato dato il nome di Masticina perchÚ eccita la secrezione salivare e rende l'alito profumato; Ŕ utilizzata anche nella preparazione di empiastri.

MELE (MALUS COMMUNIS POIR) DELLE ROSACEE
Albero coltivato. Parti utilizzate: frutti. Costituenti: fruttosio, glucosio, vitamine, pectine, cellulosa. ProprietÓ curative: disintossicante, coleretico, diuretico, antidiarroico, antinfiammatorio, antidiabetico. Il mosto di mele, ottenuto dalla spremitura o dalla macerazione delle mele messe poi a fermentare, produce una bevanda energetica a bassa gradazione alcolica.

MELOGRANO (vedi Balaustro)

MENTA PIPERITA (MENTHA PIPERITA L) DELLE LABIATE

Erba che cresce spontanea nelle nostre zone. Parti utilizzate: sommitÓ fiorite, foglie. Costituenti: olio essenziale (mentolo). ProprietÓ curative: antispastico, carminativo.

MEO (MEUM) (MEUM ATHAMANTIUM JACQ) (CHIAMATA ANCHE FINOCCHIO ALPINO)
Parti Utilizzate: radice. Costituenti: olio essenziale. ProprietÓ curative: aromatico, tonico, antisettico.

MIELE
Sostanza zuccherina prodotta dalle api, usata come alimento o in farmacia come eccipiente ed edulcorante; oltre che un ottimo ricostituente, esplica anche azione antinfiammatoria per i principi in esso contenuti (propoli).

MIELE ROSATO
Sostanza di odore molto gradevole, costituita da miele depurato e infuso di petali di rosa, utilizzato in farmacia come emolliente e lenitivo.

MIGLIO (PANICUM MILIACEUM L) DELLE GRAMINACEE
I cinesi coltivavano il miglio giÓ 5000 anni fa; le varie specie di miglio, essendo esso un cereale non adatto alla panificazione, sono scomparse dall'alimentazione dei popoli occidentali. Ha qualitÓ alimentare simile a quella del frumento, con un sapore dolce e gradevole. ProprietÓ curative: antianemico, diuretico, risolvente, stimolante e sudorifero.

MIRRA (COMMIPHORA MOLMOL ENGL) DELLE BURSERACEE
La mirra Ŕ un arbusto, dai rami spinosi, proveniente dall'Africa nord-occidentale, e contiene un oleoresina che viene raccolta per incisione della corteccia di numerose specie di Commi pbora (C. molmol; C. abyssinica, C. Schimperi, C. myrra, ecc.). La mirra vera, denominata Heerabol, proviene soprattutto dai paesi arabi. ╚ una delle piante pi¨ citate della Bibbia. Utilizzata per imbalsamazione dei cadaveri. Parti utilizzate: resina.

MIRTO (MIRTUS COMMUIVIS L) DELLE MIRTACEE
Il mirto C ricordato nell'Antico Testamento come una pianta con cui si intrecciavano le ghirlande per le giovani donne d'Israele quando si maritavano; in molti cerimoniali religiosi, il legno di mirto si bruciava come l'incenso. Per la cura della bellezza, si distillavano fiori e foglie e si produceva un'acqua molto rinomata detta 'Acqua dell'Angelo' oppure 'Acqua Angelica'. Parti utilizzate: foglie, frutti, essenza fiori. Costituenti: tannino, olio essenziale, resina, acido citrico, vitamina C. ProprietÓ curative: antisettico, astringente.

MORTELLA (SOLAIVUM NIGRUM L) DELLE SOLANACEE (vedi Brunella)
Erba annuale. Parti utilizzate: foglie, bacche. Costituenti: solanina. ProprietÓ curative: velenosa se assunta in quantitÓ. Con questo nome Ŕ conosciuta anche un'altra pianta delle Labiate, la Brunella (Brunella Vulgaris L). Parti utilizzate: pianta intera. Costituenti: tannino, tracce di lipidi, principi amari e resinosi. ProprietÓ curative: antinfiammatorie, antiemorroidario, vulnerario, antidiarroico.

MORTELLA (vedi Mirto)
Con questo nome Ŕ conosciuta un'altra pianta, il Bosso (Buxus Sempervireus L) delle Buxacee. Tonica per l'uomo in dosi elevate. Parti utilizzate: scorza della radice, foglie. Costituenti: alcaloidi, vitamina C. ProprietÓ curative: coleretico, depurativo, fabbrifugo, lassativo, sudorifero.

MUSCHIO ALBORIO MUSCHIO (MUSCUSALBOREUS-USIVEA OFFICLVALIS)
╚ un miscuglio di alghe diverse, che nasce su differenti alberi. Parti utilizzate: pianta intera. Costituente: gelatina vegetale. ProprietÓ curative: vermifugo.

NARDO SELVATICO (vedi Valeriana)

NINFEA, NENUFARO (NYMPHAEA ALBA L E NUPHAR LUTEUM L) DELLE NINFEACEE
Piante acquatiche diffuse in tutte le acque dolci del mondo: Le proprietÓ anafrodisiache del Nenufaro, decantate nei tempi passati e poi derise, oggi sono apprezzate dalla maggior parte dei fisioterapisti e confermate da recenti studi. Parti utilizzate: flore, rizoma. Costituenti: tannino, alcaloidi. ProprietÓ curative: antispasmodica, sedativa, antibiotica.

NOCE MOSCATA (MIRISTICA FRAGRANS HOUTT) DELLE MIRISTICACEE
Era usata unicamente come spezia. Con i lipidi in essa contenuti si prepara il burro di noce moscata, che rientra in alcune ricette di linimenti analgesici. ProprietÓ curative: stimolante, energetica.

OLIO DI CROTON
Olio di odore sgradevole e sapore acre, ricavato da semi del Crotontiglio, dotato di drastica azione purgante.

OLIO DI RICINO
Olio che si ottiene dalla spremitura dei semi di ricino ed esplica effetti purgativi.

OLIVELLO SPINOSO MEZEREO (DAPHNE MEZEREUM) DELLE TIMELEACEE
Parti utilizzate: corteccia. Costituente: dafnina, anidride mezzerinica. ProprietÓ curative: rubefacente, vescicatorio, starnutatorio.

OLIVO (OLEA EUROPEA L) DELLE OLEACEE
Pianta diffusa in tutto il mondo; attualmente dall'acqua di governo delle olive si estraggono sostanze antiossidanti usate in terapia. Parti utilizzate: frutto. Costituenti: olio, mucillagini, vitamine. ProprietÓ curative: colagogo, coleretico, diuretico, emolliente, ipoglicemizzante, ipotensivo, lassativo, risolvente, diaforetico, vulnerario.

OPOBALSAMO (AMIRYS OPOBALSAMUM o COMMIPHORA OPOBALSAMUM)
Si usa una gommaresina (balsamo) come anticatarrale e come antispastico.

OPPOPONACO o OPOPONACO (PASTINACA OPOPONAX o OPONONAX CHIRONIUM)
Pianta dal cui fusto si estrae una gomma resina, da cui si ricava un olio essenziale. Parti utilizzate: gomma resina, che si ottiene per incisione. Costituenti: resina, cera, gomma, sostanza amara, olio essenziale. ProprietÓ curative: antispasmodico, espettorante.

Oppio
Lattice estratto per incisione dalle capsule di alcune piante delle papaveracee, contenente numerosi alcaloidi con proprietÓ narcotizzanti, tra cui la morfina utilizzato a scopo terapeutico o come droga.

ORIGANO (ORIGANUM VULGARE) DELLE LABIATE
Specie erbacea perenne. Parti utilizzate: intera pianta. Costituenti: cineolo, timolo, acido tannico. ProprietÓ curative: antalgico, antisettico, antispasmodico, emmenagogo, espettorante, parassiticida, stomachico, tonico.

ORZO (HORDEUM VULGARE, HORDEUM DISTICHUM L) DELLE GRAMINACEE
Originario del vicino Oriente, l'orzo Ŕ stato coltivato giÓ nel periodo neolitico per l'alimentazione umana, poi soppiantato dal frumento. Il decotto di orzo sbucciato Ŕ ricostituente. Il malto di orzo Ŕ utile nell'alimentazione dei malati, dei vecchi, dei convalescenti e dei bambini piccoli. Parti utilizzate: granella. Costituente: alcaloide non tossico, l'ordeina che esercita un'azione simile a quelle di un ormone, l'adrenalina. ProprietÓ curative: antidiarroico, ricostituente, cardiotonico, emolliente, risolvente, sedativo. Il decorro di orzo sbucciato era utilizzato come ricostituente. La farina di orzo Ŕ utilizzata nell'alimentazione dei convalescenti.

OSSIMIELE
Bevanda medicinale costituita da miele stemperato in una soluzione acetica.

PAPAVERO (PAPAVER SOMNIPERUM L) DELLE PAPAVERACEE
L'olio, contenuto nei semi, Ŕ ricco di una sostanza ricca di acido fosforico chiamata 'leticina'. Parti utilizzate: foglie e capsule private dei semi. Costituenti: alcaloidi (morfina) tabaina, codeina, papaverina, narcotina. ProprietÓ curative: sedativo del dolore, iprestico, calmante.

PECE
Ottenuta dalla distillazione del legno e usata per calatafare le imbarcazioni, per incatramare i tessuti e per la cura del catarro.

PINO MARITTIMO (PINUS, PINASTER SOLAND) DELLE ABETACEE
Con le gemme fresche essiccate si preparano infusioni, sciroppi, pastiglie contro le bronchiti e bagni rilassanti. Parti utilizzate: aghi, gemme, linfa, legno. Costituenti: olio essenziale, resina, glucosidi e vitamina C. ProprietÓ curative: antisettico, balsamico, diuretico, espettorante, rubefacente.

PIRETRO O CRISANTEMO SELVAGGIO (CHRYSANTHEMUM CINARARIE-FOLIUM) DELLE COMPOSITE
Cresce allo stato spontaneo sulle coste dell'ex Jugoslavia e si Ŕ diffusa, come pianta, in tutto il mondo verso la metÓ del XIX secolo. Il piretro Ŕ da lungo tempo usato in agricoltura come insetticida, in quanto contiene sostanze tossiche per gli animali a sangue freddo, come insetti e vermi, mentre sono poco tossiche per gli uomini. Parti utilizzate: fiori (capolini del piretro). Costituenti: piretrine, resine, olio essenziale. ProprietÓ: parassiticida.

POLENTA D'ORZO
Piatto preparato con farina di orzo, cotta in acqua salata finchÚ non raggiunge la densitÓ voluta; era utilizzata nei disturbi intestinali e nell'allattamento artificiale.

POLENTINA
Cataplasma di farina di semi di lino usato nella medicina come emolliente nelle forme catarrali.

PREZZEMOLO (PETROSELINUM SATIVUM HOFFM.) DELLE OMBRELLIFERE
Pianta originaria del Mediterraneo, non c'Ŕ orto in Europa dove non sia coltivata. Parti utilizzate: foglie, stelo. Costituenti: apiolo, apioside, miristicina, vitamine A e C. ProprietÓ curative: antianemico, antiscorbutico, aperitivo, depurativo, diuretico, emmenagogo, galattagogo, risolvente, sedativo, stimolante.

PSILLIO (PLANTAGO PSYLLIUM L) DELLE PLANTAGINACEE
I semi contengono abbondante mucillagine. Regolarizzano le funzioni intestinali, azione benefica giÓ nota agli Egizi. Macerati in acqua, forniscono una lozione emolliente per occhi stanchi di colore scuro. Parti utilizzate: semi. Costituenti: mucillagine, olio fisso. ProprietÓ curative: emolliente, lassativo.

QUERCIA (QUERCUS ROBUR) DELLE FAGACEE
Esistono diverse specie di querce. Quercus Sessiflora Salisb. (dalle foglie lucide e ghiande quasi incollate sulle branche). Quercus Peduncolata Ehrh. (con ghiande sospese a lunghi peduncoli e foglie opache). Parti utilizzate: corteccia, rami giovani. Costituenti: tannino, quercina, resina. ProprietÓ curative: antisettiche, febbrifughe, toniche.

RAFANO (NASTURTIUM ARMORACIA) DELLE CROCIFERE
Originario della Russia meridionale e dell'Asia occidentale, si Ŕ diffuso in tutta Europa nel XVII secolo. Parti utilizzate: radici. Costituenti: glucoside solforato (Sinigrina), asparagina, glutammina. ProprietÓ curative: antianemico, antiscorbutico, bechico, diuretico.

RESINA
Sostanza organica di origine vegetale, appiccicosa e molto odorosa, prodotta da vari alberi, di varia composizione con spiccate proprietÓ anche medicinali. Composto temano che si trova in molte piante, spesso insieme a oli essenziali, che trasuda spontaneamente dalle incisioni che si fanno sulla corteccia del tronco o dei rami; quando insieme con la resina si trova l'essenza di un acido aromatico (benzoico cinnamico) si ha il balsamo. Le resine servono in farmacia per preparare gli unguenti e gli empiastri.

RESINA DI CEDRO DEL LIBANO
Parti utilizzate: resina. Costituenti: olio essenziale (Terpeni). ProprietÓ curative: balsamica, anticatarrale, vulneraria.

RESINA DI PINO
Resina ottenuta dal Pino (Pinus Sylvestris L). Costituenti: olio essenziale (Terpeni). ProprietÓ curative: balsamico, anticatarrale.

RESINA TEREBINTATA
Resina ottenuta dal Pistacius Terebinthus. Costituenti: olio essenziale, resina. ProprietÓ curative: rubefacente, vulneraria, anticatarrale.

RICINO (RICINUS COMMUIVIS L) DELLE EUFORBIACEE
Parti utilizzate: semi. Costituenti: olio lassativo. La fitotossina presente nel seme non passa nell'olio, per cui esso non Ŕ velenoso; tre o quattro semi di ricino, invece, sono velenosi e possono uccidere un bambino. L'olio di ricino Ŕ usato come lassativo. ProprietÓ curative: emolliente e purgativo.

RISO (ORYZA SATIVA L) DELLE GRAMINACEE
Cereale fondamentale per le civiltÓ dell'Asia, dal tempo di Alessandro Magno e noto in Europa come alimento, tuttavia non venne coltivato se non a partire dall'VIII secolo d.C. quando gli Arabi lo introdussero nella Spagna meridionale. Il riso greggio Ŕ un alimento molto energetico, mentre il riso bianco Ŕ pi¨ digeribile, anche se assai meno nutriente, ed Ŕ consigliato ai dispeptici e agli ulcerosi. Il decotto Ŕ usato nella alimentazione dei soggetti defedati, specie in quelli con disturbi intestinali (colera). ProprietÓ curative: antidiarroico, emolliente e ipotensivo.

ROPONTICO
Simile al rabarbaro, Ŕ di sapore acidulo, di gusto amaro. Parti utilizzate: radice. Principio attivo: sostanze amare. ProprietÓ curative: astringente.

ROSMARINO (ROSMAREVUS OFFICINALIS) DELLE LABIATE (CHIAMATO ANCHE RAMERINO, ROSAMARINA, TRFSOMARINO)
In Italia il rosmarino nasce allo stato spontaneo. Sembra che il nome latino Rosmarinus si riferisca al celeste dei fiori che ricorda il colore del mare. Agisce sul sistema nervoso, stimola gli astenici, rinfranca la memoria debole. Parti utilizzate: rami, foglie. Costituenti: pinene, canfene, tannino, vitamina C. ProprietÓ curative: antisettico, antispasmodico, colagogo, diuretico, stimolante, stomachico, tonico e vulnerario.

RUTA (RUTA GRAVEOLENS) DELLE RUTACEE
Le parti aeree della pianta sono tossiche; ad alte dosi la Ruta provoca avvelenamenti anche mortali. Contiene un olio essenziale. Con il nome di Ruta vengono indicate altre specie, come la Ruta Selvatica (Peganum Harmala), la Ruta Canina (Galega Officinalis). Parti utilizzate: foglie, rami. Costituenti: rutina, fucocumarine, pinene. ProprietÓ curative: stimolante, antispasmodica, emmenagoga.

SABINA (JUNIPERUS SABINA) DELLE CUPRESSACEE
Di origine mediterranea, con foglie piccole e ovali. Parti utilizzate: foglie. Costituenti: mucillagine, vitamine, olio essenziale (sabinene). ProprietÓ curative: emmenagoga, vermifuga, ossitocita.

SAGAPENO
Gomma-pianta del genere ferula, dal quale si estrae una resina impiegata nell'industria farmaceutica. Parti utilizzate: resina. ProprietÓ curative: antispasmodico, stimolante, emmenagogo.

SALICE BIANCO (SALIX ALBA) DELLE SALICACEE
Questo genere botanico comprende circa 200 specie di salici. Quello pi¨ diffuso in Europa Ŕ il salice bianco. Una specie coltivata nota Ŕ l'esotico Salix Babylonica, detto Salice Piangente, per la sua ramificazione decombente. Contiene acido salicilico, costituente della moderna Aspirina, conosciuta e usata in tutto il mondo. Parti utilizzate: frutti, foglie, legno. Costituenti: acido salicilico. ProprietÓ curative: analgesico, antireumatico, antispasmodico, astringente, emostatico, sedativo.

SALICORNIA (SALICORNIA HERBACEA)
Erba annuale con fiori verdi. Parti utilizzate: intera pianta allo stato fresco. Costituenti: colina, betaina, acido ascorbico. ProprietÓ curative: diuretica, depurativa.

SALSAPARIGLIA DEL MESSICO (SMILAX ORNATA HOOK. T)
Gli Spagnoli, verso la metÓ del XVI secolo, introdussero in Europa le radici di questo arbusto spinoso, credendo di aver finalmente trovato rimedio valido contro la sifilide.

SALSAPARIGLIA EUROPEA (SMILAXASPERA)
╚ un ottimo rimedio contro i reumatismi. Parti utilizzate: radici. ProprietÓ curative: sudorifera, diuretica, disintossicante.

SANDALO (SANTALUM ALBUM) DELLE SANTALACEE
Il suo habitat Ŕ l'India; il legno e l'essenza del Sandalo hanno grande importanza nelle cerimonie ind¨. La medicina si Ŕ interessata al Sandalo solo nel secolo scorso. Si distilla il midollo del fusto (Sandalo Citrino), che Ŕ efficace come antisettico delle vie urinarie. Parti utilizzate: midollo del fusto. Costituenti: essenza. ProprietÓ curative: antisettico urinario.

SANDRACCA (CALLITRIS SANDARACA) DELLE CONIFERE
╚ una resina estratta da un albero, da cui si estrae una resina utilizzata per empiastri e cemento dentario.

SCAMONEA (CONVULVULUS SCAMMONIA) DELLE CONVOLVULACEE
Erba perenne dell'Asia Minore. Parti utilizzate: foglie, fiori. Costituente: mucillagine, vitamine, scamonina. ProprietÓ curative: purgativo drastico.

SCIARAPPA o GIALAPPA MIRABILIS DICHOTOMA (EXOGONIUM PURGA) DELLE CONVOLVULACEE
Pianta dell'America del Sud e della Giamaica. Parti utilizzate: tuberi. Costituenti: convolvulina e gialappina (glucoside) resina. ProprietÓ curative: energetica, purgante.

SCILLA (URGINEA MARITIMA)
Pianta mediterranea. Parti utilizzate: tuberi della specie bianca dopo la fioritura. Costituenti: glucosidi cardiaci (scillerina), mucina, tannino, olio essenziale. ProprietÓ curative: diuretica, stimola e regola il ritmo cardiaco.

SCORDIO (TEUCRUM SCORDIUM)
Erba perenne, le cui foglie odorano di aglio. ╚ diffusa nei luoghi paludosi ed Ŕ utilizzata per le sue proprietÓ astringenti e conservanti. Parti utilizzate: sommitÓ fiorite, foglie. Costituenti: principio amaro, colina, tannino. ProprietÓ curative: febbrifugo, tonico, vulnerario.

SEDANO (APIUM GRAVEOLENS) DELLE OMBRELLIFERE (CHIAMATO ANCHE SEDANO A CANNA PIENA, SEDANO DI RAPA)
Queste specie deriva dal Sedano Selvatico, giÓ conosciuto nell'antichitÓ fin dal V secolo a.C. L'uso del sedano come ortaggio ha avuto inizio solo nel Medioevo. Le proprietÓ sono quelle del sedano selvatico. Il succo fresco Ŕ una bevanda antiastenica e antireumatica. Contiene molta vitamina E, fattore riequilibratore delle funzioni sessuali. ProprietÓ curative: antiastenico, antireumatico, aperitivo, cicatrizzante, diuretico, risolvente, tonico.

SEDANO SELVATICO (APIUNI GRAVEOLENS L) DELLE OMBRELLIFERE (CHIAMATO ANCHE APPIO SALUSTRE, SELLERO, APPIO DOLCE, S╚SANO)
Il nome latino Apium deriva da una parola celtica che significa źacqua╗; infatti questa pianta predilige i prati umidi. La radice entra nella composizione di uno sciroppo diuretico, detto 'delle 5 radici', insieme con quelle dell'asparago, del finocchio selvatico, del prezzemolo e del pungitopo. Parti utilizzate: radice, foglie, frutti. Costituente: olio essenziale, cumarina, zuccheri. ProprietÓ curative: carminativo, depurativo, diuretico, espettorante, febbrifugo, risolvente, stomachico, tonico.

SEGALE (SECALE CEREALE L) DELLE GRAMINACEE
Cereale proveniente dall'Asia; il seme macinato pu˛ essere panificato anche mescolato con farina di frumento. Quando la segale viene attaccata da un fungo, il Claviceps purpurea Tul. (Sclerozo Nero), si parla di Segale Cornuta. Gli sclerozi altamente tossici provocano nell'organismo umano un'intossicazione chiamata 'ergotismo'. Parti utilizzate: semi. Costituenti: proteine, lipidi, vitamine, sali minerali. ProprietÓ curative: emolliente, lassativa, remineralizzante, risolvente.

SENAPE (BRASSICA NIGRA. L KOOCH) DELLE CRUCIFERE
Teofrasto ne parlava quattro secoli prima della nostra era; Columella nel suo libro De Agricoltura ne ricorda le foglie di queste piante conservate in aceto come condimento. Il nome mostarda apparve per la prima volta in un testo del 1288 e si pensa derivasse da mosto-ardente; in dosi moderate stimola la digestione. I semi sono utilizzati ben pestati e ridotti in poltiglia come energico rivulsivo in nevralgie ribelli. Parti utilizzate: semi maturi. Costituente: glucoside azotato (sinigrina) mucillagine, alcaloide, un enzima (mirosina). ProprietÓ curative: emetica e revulsiva. La Senape Bianca (Sinapis Alba L.) Ŕ un purgativo.

SENNA (CASSIA ANGUSTIFOLIA) DELLE CESALPINIOIDEE
╚ una pianta esotica (Sud dell'India e Somalia) ed Ŕ stata introdotta in fitoterapia dai medici arabi. Rientra in numerosi preparati lassativi e purgativi. Parti utilizzate: foglie e baccelli. Costituenti: flavoni, olio essenziale, resina, tannino. ProprietÓ curative: purgativa.

SENNA ITALICA (VARIET└ DELLA CASSIA SENNA ALESSANDRINA L) DELLE LEGUMINOSE
Parti utilizzate: foglie. Costituenti: olio volatile, olio fisso, zucchero (principio attivo catartina). ProprietÓ curative: purgante miocinetico (aumenta la peristalsi intestinale).

SIDRO
Bevanda leggermente alcolica, ottenuta dalla fermentazione dei succhi di frutta, specie mele e pere; contiene vitamine, sali minerali, zuccheri.

SPIGO (LAVANDULAE SPICAE VARIETAS) DELLE LABIATE (CHIAMATO ANCHE SPIGO NARDO ITALIANO, LAVANDA)
Parti utilizzate: sommitÓ fiorite. Costituenti: cumarina, essenza, sostanza amara. ProprietÓ curative: coleretico e colagogo.

STORACE (STIRAX OFFICINALIS)
Si usa la resina, ottenuta per spremitura della corteccia bollita, per il trattamento di alcune malattie della pelle.

TACAMABACA (CELOPHYLLUM INOPHYLLUM L) DELLE GUTTIFERE (CHIAMATA ANCHE TACCAMACCA)
Oleoresina bruno giallastra, contenuta in piante di origine diversa, usata in passato a scopo terapeutico per impiastri e fumigazioni. Parti utilizzate: resina.

TAMARINDO (TAMARINDUS INDICA L) DELLE CESALPINOIDEE
Si consuma come gelatina, sciroppo o marmellata. Parti utilizzate: polpa del frutto. Costituenti: cremore, acido tartarico, acido citrico, mucillagine. ProprietÓ curative: lassativo, coleretico.

TAMIRIGIA o TAMARICIO SALVATICO (TAMARIX GERMANICA) DELLE TAMARICACEE (PORTULACHE)
Pianta diffusa nel Mediterraneo e nell'Asia. Parti usate: corteccia della radice. ProprietÓ curative: tonica, aperitivo, diuretica, emostatica, balsamica.

TAPSIA (THAPSIA GARGANICA) DELLE OMBRELLIFERE
Pianta dei paesi caldi. Parti utilizzate: radice, da cui si estrae una resina. Costituenti: resina di Tapsia, utilizzate per fare cerotti medicati (Spara- drappo e TaffettÓ Rubefaciente). ProprietÓ curative: rubefacente.

TEREBINTO (PISTACIA TEREBINTHUS L)
Comune nelle regioni mediterranee. Dal legno per incisione si estrae la Terebintina, una resina liquida detta anche Trementina di Cipro o di Chio, usata in passato per la cura delle affezioni bronchiali. Costituenti: olio essenziale, resina. ProprietÓ curative: anticatarrale, balsamico.

TIMO (THYMUS VULGARIS L) DELLE LABIATE
Il timo contiene sostanze molto energiche, tra le quali anche due fenoli: l'uno, il timolo antisettico, antispasmodico e vermifugo, che fa parte di numerosi preparati per uso interno ed esterno, l'altro, il caroracrolo, che Ŕ un antisettico molto in uso in profumeria. Parti utilizzate: fusti fioriti e foglie. Costituenti: oli essenziali, alcol, idrocarburi, resina, tannino e una saponina. ProprietÓ curative: antisettico, antispasmodico, aperitivo, bechico, carminativo, cicatrizzante, coleretico, deodorante, diuretico, emmenagogo, emolitico, revulsivo, stomachico, tonico e vermifugo.

TORMENTILLA (POTENTILLA ERECTA L RAEUSCH) DELLE ROSACEE
Pianta con potere astringente che guarisce le coliche, utilizzata per lungo tempo come antidiarroico, Ŕ stata soppiantata dalla ratania. Parti utilizzate: radice essiccata. Costituente: tannino, tormentolo, pigmento, amido. ProprietÓ curative: astringente, cicatrizzante ed emostatica.

UVA URSINA (ARCTOSTAPHYLOS UVA-URSL L SPRENG) DEILF ERICACEE
Nel XVI secolo la scuola di Montpellier magnificava questa pianta come diuretica e per le sue proprietÓ di sciogliere i piccoli calcoli e disinfettare le vie urinarie. Parti utilizzate: foglie. Costituenti: tannino, glucosidi, sali minerali, acido malico, citrico e gallico. ProprietÓ curative: antisettico, astringente e diuretico.

UVA PASSITA (VITIS VINIFERA L)
L'uva secca, molto ricca di zuccheri (50-70%), conserva una buona parte di vitamina A e quelle del gruppo B. ╚ energetica, antianemica e digeribile, in quanto i suoi zuccheri sono direttamente assimilabili; Ŕ consigliata in caso di sforzo fisico o intellettuale intenso, perchÚ non provoca un sovraccarico proteico. Ha azione depurativa e disinfettante.

VALERIANA ( VALERIANA OFFICINALIS L) DELLE VALERIANACEE
Nel Medioevo era considerata una panacea e si ritiene che Fabio Colonna, nel 1592, sia guarito dall'epilessia con l'uso di questa pianta. Quando non era ancora conosciuto il chinino era utilizzata come febbrifugo, . Oggi la valeriana Ŕ uno dei maggiori sedativi contro gli squilibri nervosi. Parti utilizzate: rizoma fresco con le radici. Costituenti: oli essenziali, acido valerianico, alcaloidi. ProprietÓ curative: antispasmodica, ipnotica e sedativa.

VERBENA ( VERBENA OFFICINALIS) DELLE VERBENACEE (CHIAMATA ANCHE ERBA CROCETTA, ERBA GRANA)
Gli antichi Romani la consideravano una pianta sacra, con la quale intrecciavano ghirlande per incoronare gli ambasciatori e compivano cerimonie purificatrici degli altari delle divinitÓ. I Celti e i Germani la usavano per i loro sortilegi. Parti utilizzate: pianta intera. Costituenti: essenza. ProprietÓ curative: antinevralgica, antispasmodica, astringente, febbrifuga, tonica.

VINO (VITIS VINIFERA L) DELLE VITACEE
Bevanda alcolica ottenuta dalla fermentazione del mosto d'uva. L'uva fresca contiene acqua, glucidi, proteine, potassio e Vitamina A, B1, B2; l'uva nera contiene gli antociani che sono vasoprotettori. Il vino bianco Ŕ considerato diuretico, il vino rosso Ŕ astringente. Un tempo il vino era utilizzato come anestetico per provocare un ottundimento e poter eseguire un'operazione chirurgica. Parti utilizzate: acini. Costituenti: pigmenti, autoceani, flavoni. ProprietÓ curative: antianemico, antiemorragico, antisettico, astringente, depurativo, diuretico, ipocolesterolemizzante, lassativo, stimolante, tonico, vasocostrittore. I vini medicinali si ottengono per macerazione di sostanze medicamentose, contenenti principi solubili nel vino. Agli inizi del secolo scorso erano in uso oltre 30 vini medicinali.

VINO DI PALMA (RAFIA VINIFERA)
Bevanda leggermente alcolica, ottenuta dalla fermentazione della linfa di alcune palme del genere Rafia. Era usato come anestetico per i pazienti da sottoporre a interventi chirurgici.

ZAFFERANO (CROCUS SATIVUS L) DELLE IRIDACEE
╚ coltivato fin dall'antichitÓ per la sostanza gialla che si ricava dai suoi stimmi. Parti utilizzate: stimmi. Costituenti: crocina, picrococina, essenza. ProprietÓ curative: emmenagogo, ipnotico, sedativo, stimolante, tonico.

ZOLFO VEGETALE (LYPOCODIUM CLAVATUM L.)
Pianta erbacea perenne con fusto strisciante. La polvere Ŕ costituita da spore finissime di colore giallo, da cui il nome di Zolfo Vegetale; si raccoglie in estate. Principi attivi: olio grasso (al 50%), licopodina. ProprietÓ terapeutiche: protettivo della pelle, diuretico e antidiarroico.

ZUCCHERO
Sostanza cristallina dolce, bianca o marrone che si estrae dalla barbabietola o dalla canna da zucchero, ed Ŕ usata per dolcificare cibi e bevande. Per gli organismi viventi gli zuccheri costituiscono la 'moneta circolante' per il trasporto a distanza di materiale nutritivo carboidrato, mentre gli idrati di carbonio colloidali (polisaccaridi) rappresentano la riserva aurea e sono costituiti dal glicogeno. ProprietÓ curative: ricostituente, diuretico.


 

"Glossario dei Termini Medici"  SEGUE >>       

 

 

 

[ Mailing List ] [ Home ] [ Scrivimi ]