Artisti in Lucania

Tursi

 

Home - Bruno Mario Ciancia


Bruno Mario Ciancia


     
Visita guidata

 

I temb' d' na vot'

M' piac't' ogn' tand' a p'nzè alu passèt'
ai ioch' ca facìmm' chi cumbagn' nost'
quann' u munn' ier't' angòr' agghiarbèt'
e a quann' u r'spett' ier't' alu prim' post.

Quann' iuchài'm' a Papaginò a ser'
i scuppu√Ļn' e i curr'i√®t' i√¨n' 'ntrid'c'
ma nui' n_avìmm' b'sogn' com' u pen'
p'cch√© ier't' n_abb't√Ļd'n', com' u mang√®.

Ogn' ghiòch' avìt' i reu' suu' bell' pr'cìs'
avìsa ste attend' assei' a chill' ca facìs'
p'cché s' sbaglia's' t_i davìn' bon' ll_acc'
a bott' d' stamb√®t' e scuppu√Ļn' 'nfacc'.

Iè ver' ch_a vit' ier't' tost' assei tann'
e tutt' i iurn' i'ttài's'u sagn' da 'ngann'
ma iet' pur' ver' ca quann' t' r't'rài's'
a ser', avìn' sp'ccèt' i pèn' e t' scialài's'.

I tempi di una volta

Mi piace ogni tanto pensare al passato
ai giochi che facevamo coi compagni nostri
quando il mondo era ancora garbato
e a quando il rispetto era al primo posto.

Quando giocavamo a " papaginò" la sera
gli schiaffoni e cinghiate andavano "in tredici" (a pi√Ļ non posso)
ma noi ne avevamo bisogno come il pane
perché era un'abitudine, come il mangiare.

Ogni gioco aveva le regole sue ben precise
dovevi stare attento assai a quello che facevi
perché se sbagliavi te la davano bene la mazzata
a forza di calci e schiaffoni in faccia.

√ą vero che la vita era dura assai allora
e tutti i giorni buttavi il sangue dalla gola
ma è anche vero che quando ti ritiravi
la sera, erano finite le pene e ti scialavi.


<< Indietro

INDICE

Avanti >>


 

.



 

 

 



Contatore: 6.569

[ Home ]

[ Scrivimi ]