Artisti in Lucania

Potenza

 

Home - Guerrieri Gaetano


Guerrieri Gaetano


     
Visita guidata

 

Chiaro inusuale - 03


Le domande più semplici sono quasi sempre le più profonde e, le risposte più profonde, semplici e comprensibili.
Dove sono nato? Dov’è la mia casa? Dove sto andando? Che cosa sto facendo? Cosa voglio veramente? Perché faccio quello che faccio? In quale guaio mi sono cacciato? Cosa posso fare per uscirne?
Mi pongo spesso queste domande e, con attenzione, ascolto le risposte accorgendomi che, mentre le prime rimangono sempre identiche, le risposte cambiano continuamente. Ciò dipende da una serie di circostanze e situazioni contingenti e casuali e che, quasi sempre, dipendono in massima parte o esclusivamente dal mio stato d’essere, di sentire e vivere la realtà che mi circonda in quel particolare momento.
Quando riesco ad andare oltre il confine immaginario della mia percezione della realtà e dei bisogni, tanto forti da condizionare ogni mia considerazione e risposta, comprendo che sono già sufficientemente bravo sia a insegnare che ad apprendere e che sono, addirittura, anche bravissimo a insegnare e ad apprendere le cose e le nozioni di cui ho realmente bisogno.
Sono convinto, per esempio, che bisognerebbe vivere in maniera da non doversi mai vergognare di qualsiasi azione e cerco di vivere con l’anima aperta, il cuore in mano, la mente spalancata, senza scudi e senza attaccare prima d’essere attaccato. Così facendo posso sperare che saprò riconoscere gli amici e l’amore e che anch’essi mi riconosceranno nel primo minuto secondo dell’incontro più di quanto potranno conoscersi due estranei in mille e più anni di frequentazione, anche assidua e quotidiana.
Il miglior modo e più efficace sistema per evitare responsabilità, inoltre, consiste nell’affermare di aver avuto responsabilità.
Nella nostra esistenza siamo guidati da una creatura interiore capace di apprendere ogni cosa e tutto, in grado di riassumere e assumere l’essere spirituale del nostro vero io. Non dovremmo, pertanto, mai voltare le spalle a futuri possibili, prima di essere certi che non abbiamo niente da imparare da questi. Siamo sempre liberi, infatti, di cambiare idea e di scegliere un avvenire diverso, non dobbiamo farci condizionare troppo dal nostro passato. Non esiste nulla che sia un problema che non sappia regalarti un dono. Se cerchiamo problemi è perché abbiamo bisogno dei loro regali.
C’è sempre del buono anche nelle vicende e nelle esperienze più brutte e devastanti. Il legame che unisce la nostra vera famiglia non è quello del sangue ma quello del rispetto e della gioia per reciproche vite. Di rado gli appartenenti alla stessa famiglia crescono sotto lo stesso tetto.
Quello che ci serve e che vogliamo non si trova in nessun libro ma soltanto in noi stessi. Quando cerchiamo qualcosa non dobbiamo fare altro che cercare dentro di noi, in noi c’è tutto quello che ci serve.
Un libro non può e non deve mai sostituire i nostri pensieri.
Il nostro problema è non avere problemi. Cavilliamo sui nostri limiti e, senza alcun dubbio, non avremmo più dubbi. Immaginiamo l’universo stupendo, giusto e perfetto e saremo certi che l’essere che lo ha immaginato è di gran lunga migliore e più completo che possiamo mai aver immaginato.
Se vogliamo eliminare un pensiero o un problema della nostra vita non dobbiamo attribuirgli molta importanza ma dobbiamo semplicemente rilassarci e eliminarlo dai nostri pensieri.
È tutto qui, è semplice; basta volerlo e ogni cosa è possibile.




Chairo inusuale


<< Indietro

INDICE

Avanti >>


 

.



 

 

 



[ Home ]

[ Scrivimi ]