Artisti in Lucania

Matera

 

Home - Gaudiano Carmelo


Gaudiano Carmelo


     
Visita guidata

 

7) Titolo: "LA P'ND'DDET - Attenti al nome del nascituro!" (Versione in vernacolo materano)

Sottotitolo: La fine di Proco… Pio

VERSIONE IN VERNACOLO MATERANO
(Vedi anche versione in lingua italiana)
Commedia in due atti dei coautori
Carmelo Gaudiano e Rosolino Randazzo

Ambientazione: La casa di una modesta famiglia di Matera nel 1966.

PERSONAGGI:
1) NANNINA (Stèfana), padrona di casa;
2) PROCOPIO Cardello, suo marito;
3) TONINO, loro figlio;
4) CHIARINA, moglie di Tonino;
5) PASQUINA, altra figlia di Nannina e Procopio;
6) DAMIANO Passarello, padre di Chiarina;
7) FELICETTA (Felìcita), sua moglie;
8) COMARE MARIA, curiosa vicina di casa;
9) ROCCO Cascetta, calzolaio gobbo, marito di Maria;
10) DON BIAGINO, parroco;
11) PROF.SSA TRUFFA lunatica del piano di sotto;
12) ANNUNZIATINA amica di Pasquina.


Opera tutelata dalla S.I.A.E. (2009)

Perché il titolo “La P’nd’ddet”?
Nelle regioni dell’Italia centro-meridionale (ma anche altrove), persiste ancora la tradizione popolare di chiamare il nascituro primogenito col nome del nonno; a Matera, la P’nd’ddèt, ovvero la “Puntellata” (in senso figurato: un martello che fissa un nome alla parete), è il termine dialettale che sta ad indicare questa antica usanza, una palese manifestazione di “formale rispetto” nei confronti dei genitori. Questi ultimi tengono tantissimo al venire “puntellati”, poiché motivo di orgoglio personale e segno di continuità del lignaggio familiare. Purtroppo le nuove coppie, anziché valutare in positivo gli aspetti morali di questa usanza, guardano ad essa come ad un’arcaica imposizione dalla quale sottrarsi. Il più delle volte accampano motivi legati alla bellezza e alla modernità del nuovo nome, come se fosse il nome a determinare il futuro carisma del neonato e non i “valori umani” educativi che gli andranno ad impartire.
Trattasi di un problema reale che gira e rigira, coinvolge tutti noi, giovani e anziani, attori nella medesima ruota della vita.
La P’nd’ddet, pertanto, è una commedia che, rispolverando i valori di un tempo ci farà riflettere su come questa nostra società va cambiando.
A dispetto della modernità “ad ogni costo” e riscoprendo il gusto dell’affetto filiale, le nuove coppie potranno, nel rispetto dell’antica tradizione della P’nd’ddet, dichiarare in modo tangibile il loro legame affettivo alla famiglia di origine.
Una maniera garbata per gridare sottovoce ai propri genitori “vi voglio bene”.


La TRAMA in breve
La trama di questa commedia si dipana attraverso nr. 5 capisaldi o fatti salienti:

PRIMO ATTO
1) All’inizio viene mostrato il tran-tran familiare di una coppia di sposi (Tonino e Chiarina) che abita in casa dei genitori di Tonino (Procopio e Nannina), con le fisiologiche frizioni tra suocera e nuora;
2) Arriva la tanto sospirata notizia che la sposa, dopo 2 anni di matrimonio, è finalmente in attesa. Scene di gioia da parte degli sposi e delle loro famiglie (sono i primi di marzo 1966 e Chiarina è circa al 2° mese di gravidanza);
3) Procopio viene a conoscenza del fatto che il nipote non si chiamerà come lui, ma Pio. Dopo vari diverbi minaccerà la decisione di disconoscere figlio e nipote (sono i primi di giugno e Chiarina è circa al 5° mese di gravidanza).

SECONDO ATTO
4) E’ il giorno della nascita del bambino (28 settembre) e Procopio non sta più nella pelle perché spera che suo figlio Tonino lo accontenti in extremis. Quando saprà che il nascituro si chiama veramente Pio, decide di andare via di casa rifugiandosi nella casetta di campagna.
5) E’ il giorno del battesimo di Pio, giusto un mese dopo la sua nascita (28 ottobre); Procopio torna e darà la svolta finale a sorpresa all’intera vicenda.

TESTO DELLA COMMEDIA

1° ATTO – PRIMA PARTE

(Cucina – soggiorno. Fornelli con porta bombola. Tavolo, tavolino, 6 sedie, radio, televisione, orologio a pendolo, quadri alle pareti, calendario etc.)
Si apre il sipario e appare Chiarina in vestaglia, intenta a preparare la colazione al marito Tonino, ragioniere del Comune di Matera.
Siamo ai primi di marzo 1966 (Come da calendario con mese ed anno ben visibili)


SCENA 1^

Chiarina (borbotta) Uhm!... Ma b’dà ‘nzich stamatyn cj lo bangj: nan ho capjt njdd…

Tonino (entra sbadigliando col passo tipico di chi si è svegliato controvoglia) Uuuuhm… Ma cè ora saond?... Mo merij d sounn… Chiarì, ma piccià t sj azet pjr tij?

Chiarina Piccià t d’spiescj? U lott ca t fescj mom’t è mogghj d cur mij? M so’ r’v’gghiet appest! Jund a du jonn ca stem sp’set, nan so’ avjt mej u piaciar d preparort la cazian! Mom’t nan m dè mongh u tjmb d’aprì l’ucchij, ca giè stè sp’zzet d jomm ‘mboccj alla ch’cjn.

Tonino Stem appest!… N sjm fott la craoscj a pryma matyn… (si fa la croce)

Chiarina Eh, ma da oggi si cambia! Lì fè v’dà ij a mom’t! Stamatyn m so’ ‘mbuntet”, j m so’ r’vjgghiet n’ora prym!

Tonino Cià fott? Ma fott r’v’gghiè n’ora prym? Allar so’ l saj j menz? P chass nan m’azz’cchev d’azorm!!! (cambia tono e l’avvicina) Wè Chiarì, la bella mia, allar t s r’v’gghiet appest appest p mà?

Chiarina (smorfiosa) Si! Per te, j paj piccià nan p’tav derm! Tegn n p’nzyr fuss fuss jund o c’rvydd… com a n pr’cjn all’aracchj!

Tonino Ah!... E sentiamo Chiarina: cè djscj cuss pr’cjn?…

Chiarina Njdd! So’ fott’r mij!... Camjn ca u lott stè praond. (si siedono)

SCENA 2^

(entra Nannina, la mamma di Tonino, che è sorpresa dal quadretto che ha davanti)

Nannina (mielosa) Wè, Buon giorno! E come? Già ti sei azato a mamma? E perché t’hai rivigghiato apprima pure tu ?

Tonino (copre la moglie) Njdd mammè: tegn da fè n’aor d straurd’norij…
Nannina (rivolta a Chiarina) Ah!... ce l’hai scallato tu il latte? Non ti potevi stare coquata (coricata) così non t’abbisquavi tutto questo freddo addossa?

Chiarina Coquata? (possessiva) Mamma, a mio marito lo devo pensare io! E’ vero Tonino? (Tonino fa un lieve cenno di assenso col capo)

Nannina Wè, caom sì g’ntjl jascj! Ma che l’hai fatto a Tonino? Solo il latte? (al figlio) Aspetta che ti “risbatto” due “ove” col caffè, a mamma. (Tonino accenna come prima: è tra due fuochi)

Chiarina (alzandosi) Ma piccià ta p’gghiè tutt cuss fastudij!... Stamattina a mio marito devo fare tutto io! (Tonino le guarda attonito)

Nannina Ma cè fastudij j fastudij?.... Chiarina, non è per nullo, ma come ce le fazzo io, nan r sep fè njscjn… E’ vero a mamma? (idem di Tonino)

Chiarina J comà cuss fott? Che usi delle uova “speciale”? O tieni una ricetta segreta di sbattimento? (mima il gesto dello sbattere e grida) Cj nan t d’spiescj, da jascij, a mio marito, le uove, nge le “risbatto” io!!! E’ vero Tonino? (idem)

Nannina (Non si arrende) Wè, colm’t, colm’t…e va beno!... Mentre tu li risbatti l’ove a marutt, ij fozzj u cafà! E’ vero a mamma? (idem)

Chiarina (non ne può più) Angar? Ma no capuscij ca so’ la m’gghiar!? Tonin nan è chij n crjatijr! Wè, stem sp’set da du jonn, e non posso avere la soddisfazione di prepararlo da mangiare mango una volta! (scoppia a piangere) E questo perché non teniamo una casa per conto nostro…
J n ma stè afferz dà!

Tonino Ma inzaomm, la sjt a f’rnascj tott j dij?... Nan vegghij ess sbattjt chiù njdd!!! Ohhh!... M paryt com a du crjatijr ca puggh’n puccj!

Nannina (con amarezza alla nuora) J ngè abb’sugnj d fè assjch? No p’tjv djscj opprjm ca t dochj fastudij! Sì asp’ttet du jonn! (si mette a piangere commiserandosi) Sond odiet… sjn… sond odiet piccià m’interassij a fuggh’m… Cè n sapav ij? Cè n sapav ca quonn m’azev sjb’t la matjn, cu ffrudd ‘ngudd, (pj scallè u lott a fuggh’m) stev a sbagliev tutt caus? Cè v’ljt da ma pov’redd? Ij so’ ‘na pov’ra ‘gnorond…Cià fè? Vuol dire cha da jascj, a fuggh’m, lo p’nzè schutt la m’gghiar, piccià ij so’ d’v’ndet… di troppa…

SCENA 3^
(entra Procopio, marito di Nannina, contadino, scarpa grossa e cervello fino di mezza età)

Procopio Ma cè coppr stè sjccjad? Cè t’njt da fr’nd’chè stamatjna sjbb’t?

Nannina Cè sjccjad?. Tua nora (ner’t) dice che sono 2 anni ca la dochij fastudj, j ca nan la dochj mej la sosfaziaon di pr’parorl u mangè a fuggh’t! Ha capjt Pr’chepij? Sond odiet pjccià vegghj ban a fuggh’m! J pjr cj u vegghj sbott do jav a cazian, ì cjrchè opprjm u p’rmass a jadd!

Procopio J ngè b’sugn ca t’nnaltarjsc, sora maj? Mj per chiù gjst ca l’av, ngj lo sbott la m’gghiar! J paj, tì assìch t la passè mogghj, sted’ch: la matjn t r’men cuquet, j nan tjn cuss f’rnjt’ch d’azort p fuggh’t!...

Nannina Ecch, mbrjm judd! Ij u sapav ca m’avyr a f’rnascj d’accjd! Traditoro!.. Er mogghj cha m sparjv cu fjcjl, j noun cassa paral cha ma dutt… (esce arrabbiatissima)

Procopio Ecch: ho fott u quort! Ma uord ‘nzich tij, uord!... Senti Chiarina, perà tij la cumbrand a s’rech’t! Quella non lo fa per male; che vuoi, p na momm u fjl so’ semb criatijr: s crad’n ca jov’n semb abb’sugn du lott alla mann. Quando devi essere mamma di figli, allar m’ha dè raggian…

Tonino Sjn, Papè, ma u problam jà la ches! Nij, n ma jess scjt da dà!... Chiarì, tu lo sai che io lavoro da poco, ma nan t pjgghionn v’lan, ca appan cap’tascj l’occasjaon, n ma pjgghiè na bella casaredd tutta nest. (al padre) Papè, nan v la pjgghjet a mel… Mà j arr’vet u mumend ca n ma gì. Tij ma capjscjt: la libertà, è d’oro…

Procopio A mà mu stè dì, fjgghiarjdd mij!... Pure io so’ stato 3 anni a casa di tua nonna, j nan v’dav l’aor d scjurm’n jund a na ches (mano sul petto) “tutta per contominio…

Tonino Ohhh! N sjm capjscjt mbrjm! (guarda l’orologio) Beh, vust ca jè sjbb’t, ma ì gì dè na cuntrullet alla mocjclatt… (bacia la moglie e saluta il padre) Ciao Chiarì, cia papè…

Procopio …Chiarì, ij m n vochj far’, ca j p’rtè u mangè o cuen…M raccumond: cjrchet d fè la pescj, piccià saott, nan cj stè prepij njdd!... Arr’curd’t, ca ti sund la m’gghiar d Tonjn: cj Tonin stè ch’ndend, stem ch’ndend pjr nij… (prende la giacca ed esce)

SCENA 4^

Nannina (entra imbronciata, pulisce i fornelli, vede Chiara e canta a sfottò)
Chella là, chella làaaa, no sep cè piaciar ca mi faaaa, s crad ca m fozzij u sogn amaraaa, s crad ca essij poccj e poi mi sparaaa... chella là chella làaaaa

Chiarina (cerca di attaccare discorso) Vabbè ho capito… U soccj ca la tjn ch mà!

Nannina J cj t lo dutt? Non vedi quanda cristiani che stiamo qua dentra?

Chiarina Sjn, nan s pot dè n poss, stem ijn sop a lot!... T sì capet pjr na bella canzan piccià m vu paongj… (con ironia) ma io non voglio che la mia cara suocera, si spara per colpa miaaaa…

Nannina (alza la voce) Chiarì, put stè sch’tet: ij nan m sporij! Onz’, giacchè n’acchiem ti voglio dire una cosa: la m’gghiar s pot cangè… ma la mamma è una sola…

Chiarina Jè b’rdet! Ma maj, Tonjn, nan tan cchìj abb’sugn d la momm: ha bisogno di me perché noi ci amiamo, j fuggh’t, nan tan njscjna ‘ntenziaon d cangiorm. Put stè sch’tet pyr tij!… Io volevo dire, che in questa casa, mi sento troppo stretta…

Nannina Chiarì, chass jè la ches! Addò m nj gì? Cè mi allariè da far o balcan…

Chiarina J doll arrat! Ca cè la ches jà d quartaon!… Io voglio dire, che non mi voglio sentire “una “strania” in questa casa: voglio essere più utile!... Vegghj lavè ndarr, vegghij st’rè, vegghij ch’cjnè… Per esempio: cè n ma mangè jascj?

Nannina (risentita) A me lo dicete?

Chiarina A chi lo debbo dire?

Nannina Cè n soccj ij?... Tu che vuoi chicinare a tuo marito? Io non mi voglio “schaffare” dentro ai fatti vostri!
Chiarina (si addolcisce pian piano) E dai mamma, la ma f’rnascj ch chjss sterij!? Tu hai ragione, la colpa è la mia!... E’ da qualche settimana, cha staochij semb cu njrv!

Nannina (sempre risentita) Pu njrv stè la camumull!

Chiarina La camumull? A quond m n bavij la nett, avar stè angar a derm… Lassem pard… (con maggiore dolcezza) Allora mamma, con che cosa la facciamo la pasta oggi?

Nannina (ancora un po’ risentita) Io ero messa due ceci a “a molla” (o a “morbida”) adesso se non ti piace, te la fai com t piescj a ta!

Chiarina No, no, per me va bene: visto che stanno già messi i ceci “a molla” … (confidenziale e col tono di chi vuole rivelare un segreto, la avvicina) E dai mamma… io non volevo fare lite con te proprio il giorno di oggi…

Nannina (resta per un attimo sorpresa, ma poi capisce al volo) …Chiarina mia, ma cè tì sjccjdjt? (vuole saperne di più) Mi devi dire qualche cosa… d crjatijr?

Chiarina (ora ha in pugno la suocera) Boh, abbess… Ma ancora non sono sicura! Oggi devo andare a “ritrare” l’analisi; onzj, mà j fjscj moppjnd…

Nannina E aspetta che mi metto il pallettone e ti accompagna…

BUSSANO ALLA PORTA

Nannina (a Chiarina) J cj pot ess a chess’ora sjbb’t?

Chiarina Boh! Ij m vochij a pr’parè. (va in camera sua)

Nannina Vai và… Trasite che la porta sta scambagnata...

SCENA 5^

Com. Maria (tipica vicina di casa curiosa e invadente) Scus, ch’mmà Nannjn, cè ma dè nzjch n diav’lucchij, j do spucchj d’ogghj, ca marut’m a menzadì, tan u d’s’derij du spachitt jogghj j jugghj!

Nannina Ora vediamo!... Aieri sera feci il “pescio al cartuccio” e non lo so se ngj stà (cerca) Ah! Ecco, da stè n pjparjl rjss… j dà stè pjr ‘na chep d’ogghj… cè f’rtjn…

Com. Maria Ngrozj, ch’mmè... (ma non si gira per andarsene)

Nannina (visto che non se ne va) C’è stet mà! Volete angunata cosa?

Com. Maria La verità commà, oppjm ì s’ndjt d l’cch’lè, j paj ì s’ndjt pjr d chiongj! Cè sit fott qujstian?….

Nannina (interrompendola) J cj ho l’cch’let? Cj avar a chiongj?... Ch’mmer: ma cià v fusch’n u racchij?
SCENA 6^

Chiarina (si è tolta la vestaglia così da essere già pronta per uscire) Buon giorno commà Marì… Mamma, io me ne vado…

Nannina J nan m put asp’ttè a momm?... Tond la ch’mmèr s no gì moppjnd!

Chiarina Ma non ti preoccupare mà, tanto io vado e vengo tutta una volta.

Nannina M raccumond, non intagliare, non farmi stare col frenitico (Ch. Esce)
Com. Maria (breve pausa) Piccià, addò o ggì?

Nannina J cè n soccj ij?

Com Maria Ma piccià a stè cu f’rn’t’ch?

Nannina (inventa)…Ca Mathar sì agnjt d moch’n, a cam’né ch l’ucchij sc'cacchet tond…

Com. Maria Ahhh! E’ pu moch’n!!! No, io delle macchine non me ne freca niente commà. L’ossessione mia è quella di cucinare tutti i santi giorni!

Nannina Commà, invece a me mi piace proprio a fargli trovare la sorpresa a menzoggiorno: dia tarz ho fatto il cazzomarro colle patane, ieri ho fatto i pantaloni con la richetta squanda (calzoni con ricotta piccante), e oggi so’ messa i ceci a molla…

Com. Maria Ah! U cjc’r a mudd?... Nan è cha na fott du dj cchìj?

Nannina Ma se sei detta mò, ca marutt tan u d’s’derij du spachjtt jugghj j jogghij?

Com. Maria E va bena: j mjch o cr’pè cj r fozzij quann j craj…

Nannina (prende un tegamino e mette 2 mestoli di ceci) Tenete, vi abbastano?

Com. Maria Wè, ‘ngrozj, quanda fastudij! (fa per andarsene ma torna indietro) Però, commà, non me li potete dare già cucinati, macari con due tubbettini, tanto per voi è lo stesso! Semb u stess ggos ch’nz’met…

Nannina (spazientita) Ch-p-typp j ch-p-topp, mangem tjtt a n piott; appena si fanno, te li porto… (ironica) Marì, ancor marutt vol’ess pjr ‘mbucchuèt … chiom’m, cha stochj dà…

Com. Maria Eh, commara mia, vij la pigghiet a rjs… ma lo sapete com’è? Stiamo solo io e mio marito, j mà crad, per un pugno di pasta, m sfastudij prepj a matt’m a ch’cjnè... (si commuove) Ma cj Crust, quonn jar u tjmb, m facjav arr’vè angun crjatijr…

Nannina (sdrammatizza) Nan tjn addò p’nzè, ch’mmera maj, depp tand’onn… … Ch cj t la p’gghiè cj nan n tjn fugghj?…

Com. Maria Commà, ve lo dico proprio perché vi rispetto come a ‘na sorella: non è stata colpa la mia! … Wè, quando mi so’ sposata ho preso una frecatura grande grande …. J cì su ‘mmaggjnev sora maj…
Nannina J piccià?

Com Maria Commà, mj ov’n dutt ca l’atten d Rocchjn t’nav n socch d t’rnjs, invacj m so gjt a pigghiè n marjt f’r’stjr, scjmm’rjt… j pyr vacond…

Nannina Naaa!... Marì, perà tij u sapjv ca marutt jav d Ber (Bari), j ca jav scjmm’rjt (gobbo) cur pov’rjdd, eh!

Com. Maria Sjn Nannjna maj! Ma ij no sapav ca jar pyr … na spjca vacond…

Nannina Piccià spjca vacond?

Com. Maria Che non poteva avere figli… Rocchjn è sterilo… la colpa è tutta la sua (da vicino) Ch’mmè, m raccumond: ij nan t so’ dutt njdd…

Nannina Njdd njdd!...Wam Crust, cè ma dutt maj… Avust prepij na bella frjcatjr… J mà cià fè?... Tà rass’gnè ben a sar…

Com. Maria U soccj… ma nij n facjm vycchij, j senza fjl n v’djm brjtt assaj… la ches stè semb vacond…

Nannina Wè Marì, no p’nzonn cchij: com n van la ma pjgghiè!

Com. Maria Com n van la ma pjgghiè. (si gira, ma poi torna) A sproposjt ch’mmè, non perché mi voglio fare i fatti vostri, ma vostra “nora”, so’ du jonn sp’set… angar vacond stè?
(gesto tipico con la mano sul ventre)
Nannina E che sono due anni commà?…Chiarjn jè tond gjov’n angar, j paj Tonjn fatij da pucch…. Appena si hanno sistemati un pochino, ngj son a p’nzè mogghij…

Com. Maria Ma cè stè dì ch’mmè? Queste cose mica si fanno col pensiero! Io parlo per spirienza mia: “accugghj l’ocqu quonn maen u vuscjl”, queste cose s foscjn mbrjm. Oggi non è più com ai tembi miei, perchè le cure ci stanno. Avete sentito la figlia di zia Catarjn pjscialjtt? Ho avjt ‘na crjatìjr depp dud’cj (12) onn sp’set. Ha trovato la mano giusta j Crust l’ho fott la jrozije…

Nannina Sjn ch’mmè, ma lar angar nan sond arr’vet a cuss pjnd! Nan t scj ngar’conn che può essere che un giorno di questi vi levate questo scripolo dalla testa… (lo spera anche lei)
Com. Maria (mangia la foglia) Piccià? Stè sp’ronz d’anguna notuzia ban?
Nannina (decisa) Ma ce n soccj ij ch’mmer! Cè m vochij a chaoqu ch lar? Ji soccj cha u crjatarr r bel’n, j quond val Crust son arr’vè…
Com. Maria (si alza per andare) T’njt raggian ch’mmè: quond val Crust… Vi saluto commà e grazie...

(Mentre sta uscendo si scontra con Procopio che entrando, la spinge volutamente verso l’interno facendo finta di cercare un appoggio a causa di un improvviso capogiro)

Com. Maria Wè, wè, nan m scj accarronn; mò ma azz’ppè ‘ndarr j ma accjd… (si allontana da lui, mentre Procopio si appoggia al tavolo)

Nannina (capisce la messinscena) Pr’chepij, cè stet? Ma cè t’aggjr la chep?

Com. Maria J cè caus! M’ho fott ass’r’mmè brjtt….

SCENA 7^

Procopio (sfottente) Ass’r’mmè? Wè ch’mmè, assì brjtt so’ ji?

Com. Maria Cè ngentr brjtt j bun? Vij scet barcullion com a n mbriech…

Procopio E come? Io, in casa mia, nan pozzij avà n gjramend d chep? Nan pozzij barculliè com vegghj ij?

Maria Barculljscj, barculliscj, ma nan sop a mach, ca ij tegn na ches sop o spodd, j tegn da fè n socch d sr’vazij… Bon ciorno… (esce)

Procopio Camjn bjsciord: “n socch d sr’vazij”… N tjn vjrm! (oppure: N tjn zacch jund a chara sch’tedd)… Nannì, ma questa qua sta sempre a casa nostra? Che voleva ‘sta volta? U sel o u l’mjn?

Nannina Pr’chepij, tì dutt cha a fè fund cha nan asust: a char nan la put spav’ndè!!! Char jov’t prepij o cust d ches, j send tutt u cozz’r nust. Cj nij la s’dd’chem, o gì scjttonn u bonn p totta Mathar. Ji fozzj tipp j topp i m la tegn ban j ciutt… Mò adesso azzutt’t ca mà parlè: (sussurra con tono serio) vedi che stanno notizie nuove!

Procopio (Fraintende una prima volta) Cè stet? A fott arrat chiocch’r ch ner’t? Ma b’dà quonn la sjt a f’rnascj!

Nannina (fa cenno col dito davanti alle labbra) Sssh! Ma cè chiocch’r ch ner’t! (con circospezione) Vedi che abbesso… mà d’v’ndè nonnò…
Procopio (grida raggiante) Wè, bumm! I’ sparet u cuannaon! … J cj t l’ho dutt?

Nannina (idem c.s.) Sssh, ciutt! Me lo ha detto poco fa Chiarina; lei è assuta per ritrare le (a)nalisi; (a bassa voce) Tonjn (cur fugghij) nan s’aspett njdd …
Procopio (fraintende di nuovo e grida) Cè stet? Tonin nan sospett njdd?... Wam Crust!... J cj jà l’atten?

Nannina Cj jà l’atten??? Tonjn!!! Cj odess? (capisce l’equivoco) Ma cià a capjt?... (di nuovo a bassa voce) Tonjn nan sep njdd delle nalisi…

Procopio Ahhh, delle nalisi!... G’stizzij t’avà b’nì! Ma fott schandè u car! Cuss brjtt vuzij d parlè semb ciutt ciutt j abbreviet! (o da mjnz da mjnz)

Nannina Ji porlj abbreviet, j tij fè semb u gjr a lugn lugn! (guarda verso casa di Maria) Tj u saj cha ch’mmà Marì stè semb ch’ l’aracchij o parat! Cj t so’ dutt cha abbess ma d’v’ndè nonnò, addò ngj azzacch’n u chern?

Procopio Jè raggian Nannì! Ma ji so’ du jonn ca aspettij cuss mumend. Finalmende un altro Procopio Cardello nella famiglia nostra (si alza e comincia a cantare e ballare al suono della canzone “Wè Ionna Ionn”) Te l’arricordi Nannì? (prende per mano la moglie per ballare con lei) Com poss u tjmb: n facjm vycchij…

Nannina (divertita) Tij pjnz p taj! A 50 anni mi vuoi dire che sono vecchia? (vanitosa) No vyd com stochij angar testa test com a ‘na uagnedd…

Procopio Ma ij u d’ciav tond p d’scj: nonnò gjv’n com a nij nan n ston chij! Ma tij ngj pynz Nannì: n n’paot da t’né ‘mbrozz, da dorl u v’scutt, da p’rtorl a sposs mjnz alla f’nden. U saj com mì send? Mì send chiù mbortond!

Nannina (ride) J cj jè famm’n? Mì send ij chiù mbortond d tà! Ngj voleva proprio ‘na bella nipotina: da t’né ‘mbrozz, da candè la ninna nonna, da dorl a mangè: nan vadij l’aor cò noscj….

Procopio Cara mia, non ti alludere, pjccià ho noscj cu pjnnuscjl app’nnjt…

Nannina Sì tij n pov’r alluso: ha parè bell assaj cj è famm’n! No vjd ca la ljn stè vacond?

Procopio E tu credi ancora alla luna piena j a chara vacond? Sora maj, nan a capjt njdd: ho noscj Procopio pjccjnunn….

SCENA 8^
(entra Chiarina col padre e la madre, don Damiano e donna Felicetta)

D. Damiano (raggiante) Carissimo don Procopio, stem p d’v’ndè nonnò caro mio… (Si abbracciano – scene di gioia)

D. Felicetta Wè, cè prjscj Nannjn… Ij nan cj cr’dav quonn mò talafunet Chiarjn fuggh’m… (abbraccia Nannina)

Nannina (grida entusiasta alla nuora) Chiarina bella mia! Mò hai capito perché facevo così? P nan fort ‘ngrascj! Mò ti devi arriguardare angora di più perchè a Tonino ‘ngi p’nzè ij…

Procopio Ha ragione mia moglie, maj jè jadd ca l’ho sbott l’av a Tonjn…

Tonino (si sente gridare fuori scena) CHIARINA! CHIARI’…

Chiarina La voce di Tonino mio! (mentre corre alla porta, dice) Wè, come l’ho detto s’ha preso il permesso … Tonino, Tonino mio…

Tonino (entra a braccia aperte) Chiarina! La bella mia! (l’abbraccia con entusiasmo) La sym fott!... Papè! (abbraccia suo padre) Sì ch’ndend papè? Mammè (l’abbraccia) sì ch’ndend?… (poi abbraccia i suoceri)

D. Damiano Carissimo ragioniere, complimenti…complimentissimi! Io, la singera verità, stavo “schotato”, ma depp du jonn m’cch’m’nzev a v’nì angun djbbij… piccià ij, d fugg’m Chiarjn, (con soddisfazione) stev o s’chjr…

Procopio Non ho capito bene Don Damià: che vuol dire “angun djbbij”? Non vi scordate che il racioniere Tonino è figlio a Procopio Cardello… Perciò, caro mio, stiamoci attenti a quello che ci scappa dalla bocca don Damià…

Tonino Ma f’rnut’l tutt j dij… Cè so’ chjss chiocch’r ‘mbacond?… Ma che ci volete rovinare un giorno bello come a questo?…

D. Felicetta Ha ragione Tonino, f’rnut’l ch chjss sterij da m’nghjarjl…

Nannina Wè, mò lo devo andare a dire a commà Maria, che quella stava sempre con questo frenitico”….(esce con un tegame di pasta e ceci)

Procopio Allora, perciò, figlio mio, adesso siamo papà tutti e due, e dobbiamo mettere un poco di giudizio di più! Mò che lo sente tua sorella Pasquina: a char, tond u pryscj, r son a cadà tutt u djnd… Hai detto niente: diventa la “meglia” zia che ngj sta.

Felicetta Afferz, stè schutt jadd d zjn!... E come, angar nan ho f’rnjt d fatiè la uagnedd? Ca jè giè l’un j menz!

Procopio Che quella, quando esce dalla parrucchiera, se non va rotolando una mezzoretta con gli amici, non sta contenta. Ma mò vedrete che all’ora di mangiare si presenta: si ritira con un appetito…

(voci fuori campo; entrano Nannina, commare Maria e suo marito Rocco Cascetta, così detto perché è gobbo a causa del lungo esercizio della professione di calzolaio)

Nannina Entrate, entrate, facite l’auguri pure a combà Procopio.
Rocco (parla possibilmente un dialetto “forestiero” limitrofo; è vestito da “scarparo” con la “gobbetta” piuttosto evidente) Carissimo Procopio, so già tutto! Stai diventando nonno eh? Auguri, auguri (gli stringe la mano) Auguri Tonino, (saluta gli altri) auguri don Damiano, donna Felicetta….

Com. Maria Che priscio che tengo: a Tonjn me lo ricordo come a ieri che andava scappando casa casa coi cuazinetti e veniva a vedere a mio marito che aggiustava le scarpe… Eh, quanti guai che combinava… t’arr’curd Rocchjn?

Rocco J cì s lò sch’rdè? Una volta ‘stu farabbutt mi nascose il pennellino della colla… Abbes t’nav 7, 8 , 9, diciamo 11 anni. Wè, m fescj gnanè u sogn ‘nghep. Dopo tre ore che lo cercavo mi disse che l’aveva messo sotto il cuscino della sedia mia… Ce l’avevo tutto attaccato ai calzoni. Se non si scanzava gli doveva arrivare ‘no scarpone pesante da soldato, che si doveva spaventare per sempre… Eh, caro mio, com poss u tjmb…

Tonino (ridendo) Mest Raocch! J v l’arr’ch’rdet chara vet cha v fr’comm u p’ntyn (s’m’nzell)? J vij, o fugghij d zia Tarasjn la tr’zz’laos, lu t’rost u martjdd apprjss…

Rocco Che come no!... Eh, ma si deve ricordare pure lui tutte le mattine che si pettina, perché lo pigliai in testa e gli diedero 7 punti di “satùra”… Che commedia quel giorno: venne il padre e la madre coi Carrabbonieri… Lasciamo stare che è meglio…Comunque, di nuovo tanti auguri a tutti quanti, ma io ciò un piatto di spachetti aglio e olio sopra al tavolo che mi aspetta…

Nannina (per sbugiardare pubblicamente Maria) Coi ceci, oggi vi mangiate pasta e ceci, mest Rocch…
Rocco No no no! Aglio e olio

Nannina Domani aglio e oglio! Invece oggi, tubbettini coi ciceri!

D. Felicetta E come Nannì, u sé mogghj d judd?

Nannina Afforza! L’ho dato io cucinato a Commà Maria…

Rocco (a Maria) Ah! Che bella figura che mi fai fare! Dico io: che me lo chiedi a fare la mattina “Amoro, j jascj cè t vù mangè?” – Cè tj r’sponn Marì? Questo filare di bottoni! Ma vaffangurp Marì … Ma che cappr vai facendo tutto il santo giorno?... Eh?

Procopio (per rincarare la dose) Ehhh, caro mio: va facendo un sacco di servizi…. Mest Rocch: cj sch’ff’lascj la ches, mjgghier’t s solv sjchjr

Rocco Sicuro combà…

Com. Maria (a Rocco) Wè, j ciutt ‘nzich!... F’rnusc’l… Paj raggiunem a ches … Wè, di nuovo tanti e tanti ouguri!.... Sciam nunn Rocchjn….(escono)

Procopio Eh, caro don Damiano, quella è commà Maria nostra! Wè, ij nj vust d famm’n ciall’ddar, ma com a char nan n ston chij …. Però Nannì, j vust ca nond o maryt porl pucch j njdd…

Nannina P chass lì dutt u fott du mangè a mest Rocchjn: capescj ca Marì la f’rnascj d scruccuè semb…

Procopio Don Damià, donna Felicetta, sjt a mangè dà?

Nannina Sjn, manget dà: jè tond bell quando ci uriniamo (riuniamo) tutti inziemo. Niente di lusso, la pasta coi ciceri, du schecch, du alij, na fedd d pr’v’laon…

D. Damiano Ma cooome! Assì lì dè na bella leziaon d scaop a Pr’chepij nust…

RINTOCCHI ALLA PORTA

Procopio (divertito) Na leziaon a ma? Ma cj nan sapyt t’nà u cort mmen don Damien… ma fot’m u piaciar…

Pasquina (entrando) Buon giorno a tutti quanti! Che fame che ciò! Ma è l’ora di mangiare?

Procopio (autoritario) Ma è l’ora di “ritrarsi”?… Wè, signorina Pasquina, scusate tanda se il piatto non è angora prond a signoria….

Fine Prima Parte del 1° ATTO

A questo punto si abbassano le luci PER 15 SECONDI, tanto da permettere a Nannina, Felicetta, Tonino e Chiarina di uscire di scena; sul palco rimangono solo Procopio e Don Damiano che, a distanza di tre mesi da quel giorno - essendo ormai acerrimi rivali - li ritroviamo alle prese con la solita scopa napoletana.
A luci spente una voce narrante dirà:
“SONO TRASCORSI TRE MESI DA QUEL GIORNO: ORA CHIARINA E’ GIUNTA AL 5° MESE DI GRAVIDANZA. LE FAMIGLIE CARDELLO E PASSARELLO SONO IN TREPIDANTE ATTESA DEL NASCITURO.
E’ UNA DOMENICA MATTINA DI GIUGNO 1966”
(SI RIACCENDONO LE LUCI)

1° ATTO – SECONDA PARTE

SCENA 9^

(Sono le ultime battute di una ennesima mano di scopa napoletana; Don Damiano “segna” una scopa e alla fine raccoglie tutte le carte dal tavolo)

Procopio J cè coppr don Damien, v lì djscj prepij: t’njt la foccj du chjl! Voi niente di meno, nan saol sjt fott scaop ch pr’sc’njdd, ma t’nijvv not j du sjtt’r mmen… (conta le poche carte)

D. Damiano (ride) Don Procò! Nan cjrchet schys: la cort jè famm’n, j vè a cj la sep sciuqué …. (conta le tante carte)

Procopio Don Damien, nan v la p’gghiet: a Mathar s djscj ca “la cort, è amande dei fessi”…

D. Damiano Sjn, vij cunzulot’v cu provarbij; ij intond ì fott quott pjnd jund o mozz, j na scaop ciungh. T’nav sej pjnd: 6 + 5 fa undici. Partita finita! State sempre tre partite sotto Don Procò…

Procopio J cè saond 3 partjt Damien mij? Avost ‘na mezzorett: avost ca cara putten d la cort s’aggjr com so’ agg’rè… j paj v’djm (mischia le carte)

D. Damiano Così diventate fesso pure voi!... Lasciate stare don Procò, alle carte, la parte del fesso, la faccio io… (ridono)

Procopio J brev Addamien! Voi sì che siete un cristiano che sa stare allo scherzo (guarda l’orario). Ah, è già mezzogiorno! Allora mi devo spicciare ché dopo la Messa si ritirano tutti contendi e con la valigia che (ab)batte (fa il gesto tipico all’altezza del fianco; poi si appresta a mischiare le carte in tutte le maniere)

D. Damiano Eh, caro Procopio, non vi potete immaginare come sono contento di questo nipotino. Non vedo l’ora che nasce; ce l’ho davanti agli occhi: bello, colla faccia tonda tonda, gli occhi celesti, e io che ci gioco: Pio… Pio… Pio…Pio…
Procopio (ignaro) Pio, Pio, Pio? Ma che stavate giocando coi pulcini?
D. Damiano Seh! Voi scherzate! Io stavo chiamando il bambino!
Procopio Ah! E lo chiamate come si chiamano i pulcini nel pollaio?
D. Damiano Di nuovo con questi pulcini?... Pio, Pio, Pio… E come? Non ve l’ha detto Tonino che il criaturo si chiamerà Pio?
Procopio (resta secco) Scusate non ho capito bene! (sbatte le carte sul tavolo e si alza)… Voi mi state dicendo che il primo nipote di Procopio Cardello… si metterà Pio?

D. Damiano Sineee! E come lo devono mettere Pro–co–pio?

Procopio Ma che state scherzando Damià? Ma che Pio e Pio! Mio nipote si deve mettere come a me se no succede il tramoto! E come, sono due anni che ciò la speranza, e la notte mi sogno di vedere un altro Procopio sulla faccia della terra, e adesso voi mi state dicendo che si chiamerà Pio… Che Pio e Pio del cavolo!!!

D. Damiano Don Procò, finitela di dire fesserie e statemi a sentire! Ma veramente voi pensate che oggi, nella moderna società, può esistere uno che si chiama ancora Procopio? Ma voi v’immaginate un povero bambino che si sente di chiamare “Pr’chepij?” (Poi dice con enfasi)
Oggi, nel Millenovecentosessantasei!!!

Procopio Wè, intanto, don Damià, non cominciate mica mica ad alzare il volumo della voce! Io mi chiamo Procopio e non Pr’chepij… e sono “(g)orgoglioso” di questo nome! Mi so’ pure informato, sì: esso ne riviene dal greco procoppoto (prokopto) che significa che so’ stato promosso..

D. Damiano (lo incalza) Si, promosso caporale! … Il nome vostro da dove viene viene: Procopio è, e Procopio rimane! Ma che devono dire i cristiani quando sentiranno che il bambino si chiama Procopio?... “Ah, che bel bambino! A chi appartiene? Ah, sì… allora è nipote di Procopio Cardello!”… Invece, se si chiama Pio, non penseranno più a Procopio e diranno: “Ah, questo è il figlio del ragioniere Tonino Cardello!”…

Procopio Ahh! Mo ho capito! Se si chiama Pio è figlio del raggioniero, se si chiama Procopio è nipote a Procopio!!! Ma non mi fate ridere don Damià! Si deve chiamare Procopio, perché è mio disciandente (an)naturale (el)leggittimo… con tutti i sentimenti!
D. Damiano Wè Procò, è inutile che te la prendi con me! I figli nostri hanno fatto questo pensiero, e lo hanno fatto per il bene del bambino. Hanno deciso di tagliare “Proco” e di lasciare “Pio” E per me, hanno fatto bene a tagliare…
Procopio Ahhh! Per voi hanno fatto bene a tagliare?... (pensa) Non v’incaricate don Damiano che questa è una ruota che aggira… come la carta alla scopa… Ricordatevi che se tagliano adesso devono tagliare sempre…

Damiano Son a tagghiè semb? J cè s’gnuf’ch?

Procopio (passeggia con calma apparente) Cè s’gnuf’ch?.. Mettiamo che… se ingasomai l’onn cj van, avess a noscj not n’paot, tonn egghia ryr ij…

Damiano (sorpreso) Piccià a ryr tij?

Procopio Piccià la scialt du naom du criatjr, jè na cosa troppo seria don Damià! Prima viene la famiglia del padre, e poi viene quella della madre. Se si accontenta la prima famiglia, poi si deve accontentare la seconda… Ma se uno sbaglia con la famiglia del padre…

Damiano E se uno sbaglia con la famiglia del padre, che succede?

Procopio Cè sjccjad? A ch’nt’nuè a sbagliè, caro (scandendo) don Da-mia-no! Perché se adesso tagliano Proco e lasciano Pio, la prossima volta, per forza, si taglia Dami e “devono” lasciare “ANO”…

Damiano Nooo, ma cè stet a djcjt! Solo che vergogna!... J cè son a dyscj u cr’stion’r, quando sentiranno che il bambino si chiama “ANO”?

Procopio Cè son a dyscj?... “Ma uord cè bell crjatjr: che peccato che è il nipote di quella faccia di culo di Don Damiano”…

Damiano Uè uè bell bell, piano con le parole!….Cerchiamo di non offendere don Procò: io so stare allo scherzo, ma fino ad un certo punto… Mia figlia Chiarina non me la farà mai un offesa come questa…

Procopio Don Damià, o si taglia sempre o non si taglia mai! Se questo si metterà Pio, mò vi avviso che la prossima volta io faccio il diavolo a quattro per farlo chiamare ANO… Si taglia Dami, e resta ANO…
Damiano (contento che Procopio se la sia presa) E che cos’è una legge? Volete decidere al posto dei genitori!!! Sapete che vi dico io don Procò? La prossima volta si pensa…. Campa cavallo… Non sappiamo nemmeno se ci alziamo vivi domani mattina!

RINTOCCHI ALLA PORTA
(l’animata discussione si interrompe per l’arrivo di Nannina, Felicetta, Tonino e Chiarina)

SCENA 10^

Nannina (entra e mentre appende la giacca sull’attaccapanni, dice) Wè, non la finiva più la predica Don Biagino, si vede che non teneva (ap)petito! (va ad armeggiare vicino alla cucina)

Tonino Wè, dentro alla piazza pareva ‘na tiritera (mima le strette di mani) Auguri ragioniere, auguri! Eh, si aumenta la famiglia! Bravo. Bravo, complimenti!...
Chiarina E pure a me! Wè, ma che è uscito sulla Gazzetta di Matera? Eppure la pancia non è ancora grossa! Nella chiesa mi sentivo tutti gli occhi addosso, quasi quasi mi sentivo imbarazzata…

Felicetta J cè ngj stè da ‘mbarazzors fugghia maj? U criatarr so’ ngrozj d Dij! M djspiescj schutt ca sì l’un’ca fugghj; ij t la v’lav fè la cumbagnij , perà attond…
Damiano (sedendosi a tavola) Tonì, t sì ‘nfurmet p chara penzian?
Tonino (si siede di fianco al suocero) Sjn, so’ gjt a parlè ch n’amjch mij ca jat n pezz jruss alla Pr’v’denz Sociel; ho dutt ca jè tutt a pest. P chass papè, domm tutt u cort ca m la vadij ij…
Damiano Cra matjn t lì p’rtè o Comun: j brev o raggiunjr mij…
Nannina Chiarjn, F’l’cett, p piaciar arr’ggjttet la tov’l, ca u t’camjn d r’cchjtedd ston giè fott j bell coll coll...

(tovaglia, posate, bicchieri e tegamini saranno messi sul tavolo per 6 persone: 4 di fronte al pubblico e 2 di lato)

Damiano (Provoca Procopio che nel frattempo ha continuato a passeggiare nervosamente) Ma cè stet Pr’chepj? V’ljt djgg’rì opprjm d mangè?
Procopio (parla sottinteso) Eh, car Damien, cert vet ston cert caus ca r’mon’n sop o stem’ch j nan s pot’n djgg’rì, piccià so’ caus can nan l m’r’tjscj… Ma vij p’nzet a mangè…
Nannina (porta gli ultimi tegamini a tavola) Bah, azz’djm’n ca jè praond (tutti si mettono a tavola tranne Procopio) Pr’chepij, j azzud’t, cè stè aspjtt? Nan tjn app’tjt?
Procopio (sfottente nel suo italiano) No, non tenco petito, m’è passato totta ‘na volta… Intanto Nannì, vediamo quando la finisci di chiamarmi (storcendo la bocca) “Pr’chepij”… Io mi chiamo PROCOPIO(sottolinea), e cerchiamo di essere più “civile”…
Damiano (irridente) E sì, perché Procopio s’è informato: (sorride) esso ne riviene dal greco “Prococco”…
Procopio Senza tante caricature Don Damià, ca nan ì fott nett angar …
Tonino Ma cè t’njt da fr’nd’chè tott j dij? Cè parlet giargianas? Nan stem accap’zzem njdd
Procopio Ciutt tij cacaraon!...
Nannina Bah! Addove te n’esci mò tu con queste parole a tuo figlio? Cjrchem d mangè n piott d post ‘ngrozij d Dij…
Procopio (non è il momento giusto per chiarire e si siede controvoglia) Jè raggian: mangem ‘ngrozij d Dij, ca nan sapjm depp’t cè pot sjcciad…
Tonino Papè, ma cè t stè pugghj? Cè tjn? Cè tì sjccjdjt? Stè porl a mezza langu… Vu parlè chier na vet p semb?
Procopio Arrat? Vi dutt d mangè ca depp s n porl… (scandendo bene) S porl a quattucchj…
Nannina Ma cè la tjn ch mà? Piccià ì fott u r’cch’tedd ca nan t pioscjn?
Procopio Nannì, ma cè m n frach a mà du r’cchjtedd!
Chiarina Allora la tenete con me! Perché mangiamo tutti i giorni a desiderio mio, perchè sto prena… non è così?
Procopio Chiarì, cj stè l’accherd, ij m mongj pen j cjpodd sar j matjn… Nan at u mangè!...
Tonino Allora ce l’hai per forza con me! Ma cè tj fott? Ij codij do njv’l…
Procopio (calmo e freddo) Stott attjnd accom ched, angar t p’rtem o sp’tel…. (la risposta non lascia dubbi: è arrabbiato col figlio)
Damiano Don Procò, e c’è bisogno di fare tanto il misterioso? (al genero) Tonì, è cosa di niente; si tratta che poco fa mi è scappato di dire a tuo padre che…
Procopio (si alza di scatto) E no! Vij v sjt a stè ciutt Don Damien!... Che volete vedere il cinema senza pagare? Chjss so’ traschjrs ca lì fè schutt ij ch fuggh’m… N sjm capjscjt? (si risiede)

D. Damiano E c’è bisogno di fare così? A come parlate, fate credere che si tratta di una cosa grossa invece è una fesseria… Ma ci vogliamo aggiornare? Ci vogliamo rendere conto che siamo nel mondo moderno dell’anno (con enfasi) 1966?

Procopio (si rialza e passeggia spavaldo) Ma io non lo sapevo che eravate così aggiornato! Come mi potevo immaginare che Don Damiano Passarello, che da 30 anni gli piace di andare alla scuola perché fa il bitello, era diventato un uomo che va con la mota moterna! Ma perché non vi fate crescere i capelli, così antate alla mota; sì perché non vi mettete qualche cammisa a fiori a fiori, così vi fate vedere da tutti quanti come siete moterno?
Damiano (offeso) Ma andatevi a fare una bella camminata in mezzo alla piazza così vi raffreddata il sangue e vi calmate i nervi… Ma che mi volete sfottere, vi volete sfogare con me? (si alza di scatto e chiama la moglie in italiano) Felìcita, andiamocene subito…
Felicetta Ma inzaomm, cè schjf t’njt app’nnjt tutt j dij? N sjt arru’unet la d’man’ch… (a Procopio) Jccaom, mà marut’m so matt a fè u cuap’llaon? (a Nannina) Ch’mmè, ma cè marutt stè pard u cjrvjdd?
Procopio Donna Felicetta, fatemi il santo piacere di non mischiarvi e stiamo attenti a quello che ci esce dalla bocca, che qua nessuno sta perdendo niente…
Felicetta Carissimo Procopio, che ne riviene dalla Greca… Senza che fate brutto… Io mi devo mischiare per forza per difesa a mio marito. P cj u sjt p’gghiet, pu uagnan d la p’tà… Piccià nan v l crjscjt vij u capudd… Sjt a parè prepij di louss…
Procopio Wè donna Felicè. Non vi dimenticate che state a casa mia e che non posso sopportare di essere preso per pazzo su questi due piedi. F’rnut’l, s noch jascj o sjcciad brjtt…
Felicetta (con aria malandrina) J cè mi ass’r’mmè? Stochj a tr’mm’lascj totta quond don Procò…. T’njt raggian, stem a coss’t pjccià fuggh’m nan tan addò scji, j ma dè afferz u mjss dà, senò potevi stare bello fresco fresco don Procò, ca nij nan v v’ljm v’dà mongh jund a la cort angiogrof’ch…
Procopio Jund a la corta angiogrof’ch?… No no! Donna Felicè, voi non ci state aggiornata! Ij so’ n pov’r gnorond eppjr ij u soccj ca u cr’stion’r nan s pot’n v’dà jund a la “cort angiogrof’ch”
Damiano (iratissimo) F’l’cett, so’ dutt sciam nunn, ca s nouch mì compromatt (afferra per un braccio la moglie ed escono)
SCENA 11^
Nannina Pr’chepij, nan t canaoscj cchìj! Sì ch’ndend mà ca la fott fjscj? Cè tjn jascj? T sì azet cu cjrr tourt?
Chiarina (comincia a piangere) Io in questa situazione mi sento male! Mi sento come un’astranea! Ma perché bisogna sempre litigare, sempre avvelenarsi, perché? Senza un motivo valido, senza una ragione. Alla craper prepij!!! (poi, al marito) Ij ì gì parlè ch papè j mammè…
Tonino Mo vegn pir ij…
Chiarina Naon… Tj ha parlè ch lar’…
Tonino Va boun, aspjtt’m a coss’t…
(Chiarina esce arrabbiata senza salutare)
Procopio Depp u “craper” so’ ij! Nan s saljt cchìj? Cè maleducazziaon!
Nannina Tj sì stet maleduchet ch lar, j paj vù ess pjr salutet?
(Procopio incassa senza rispondere)
Tonino Papè, p piaciar, cè coppr tì sjccjdjt? (deciso) Mà perà la djscj! Mà la scjttè u v’lan da ‘ngonn…
Procopio (va verso il figlio) Wè, wè, piscialetto!... Cerca di parlare più educato racionier Tonino Cardello se no ti faccio venire il giudizio tutt una volta….
Nannina (frapponendosi tra marito e figlio) La sjt a f’rnascj? Pr’chepij f’rnuscjl d fè u gjr allugn allugn. Porl na sanda vet! Cè tjn sop o stem’ch?
Procopio Cè tegn sop o stem’ch? (con finta calma) Cara Nannina, questo figlio nostro che l’ho fatto studiare “racioniero”, è deciso… che suo padre è arretrato, che deve essere scancellato, che suo padre deve diventare lo zambillo di Matera… Il racioniero si mette vergogna di essere figlio a Procopio Cardello, e siccome non lo può affogare, lo scancella, lo toglie dalla circolazione… LO RINNECA…
Nannina Madenna Santuss’m, ma cè ste dì fret mij? Ma cè sì assjt poccj avver’mend?
Tonino Papè, porl chier! Quando è stato che ti ho rinnegato? Quando?
Procopio E già… tu non mi capisci più, è vero? O forse fai findo di non capire… Fai la parte del sordo perché non mi vuoi sentire!....
Tonino Ma cè jat ca nan vegghj send papè? Wè momm, m ston a gnon’n u callacjn da sott o pjt… Mà ì schppè ndarr j nan soccj mongh u mutìv. Papè, ji nan accapaozzj njdda cchìj, com t lj djscj?
Procopio (con calma forzata) E va ben’, parliamo chiaro… Che cosa vuol dire questo fatto, che mio nipote, il sangue del sangue mio, il mio eredo, si deve mettere come a un pulcino?
Nannina San Giovanni da Matera, guardalo tu fino a stasera… Pr’chepij, daddò ì assjt cuss pr’cjn mà?
Procopio (irato) LO SA LUI! (pausa; poi con calma) Mo te lo spiega il racionier Tonino Cardello…
Tonino (battendosi la mano sulla fronte) Ahhh! Mò ho capito… Cose da pazzi! Da pazzi! Ma perché non si può ragionare con calma? Stem a fascjm tutt cuss casjn p n naom! Papè, ma stè dì avv’ramend? Chjss jat u mutìv?
Nannina Ma cè jat cuss traschjrs? Wè, m stè scuppiescj la chep! Tonjn, dimmull tij u fott a momm…
Tonino Njdd mammè, niente… si vede che a Damiano mio suocero, gli è scappato di dirgli… ca cj noscj mosch’l, no v’ljm chiamè Pr’chepij…
Nannina CE’ STET? No v’ljt chiamè Pr’chepij? J cass s m’r’tascj attond? (gli batte le mani) Brev, Brev, complimentissimo! Jev raggian attond! Onz, ha r’ngraziè ca nan tò fott cadà tutt u djnd a bott d schoff…
Tonino Ah, Pjr tij?... Jggiè, vij la p’nzet all’andjch! Vij v cr’djt ca nan v r’spettij! Ma u sapjt ca stem jund o mull-nov’cjnd-s’ssandasaj? (1966) V per gjst a chiamè n’on’m ’nnocend… (storcendo la bocca) “Pr’chepij”?
Procopio (posato) Intond, cjrchem dj ess cchjù pr’cjs: io mi metto Procopio… e tu che sei racioniero ca raggiuniscj, la sapà ca van dalla “Gracia”… (scandendo bene) Pro-co-ppo-to…
Tonico J sjn, j cè vol djr?... E mica Procopio è un nome moderno di oggi?
Procopio Nannina mia, u sjnd a Tonjn nust, garbet j toust? Ormai la capasa è piena… onz u quondr sp’tt’rrascj da far… Nan cj stè da fè njdd! Porl com o s’ruch Addamien ca mò det la bella nutuzj. P cass stamatjn t’nav u d’s’derij d’ sciuquè a cort ch mà: s v’lav pigghiè la p’zz’chet cur ch’rnjt!!!... Nannì a Tonino sono stati i suoceri che gli hanno fatto la scuola…

Tonino F’rnuscjl papè, f’rnuscjl ch chjss sterij: ij nan m so’ fott nzjljffè da njscjn… (ji nan so’ gjt alla scal d njscjn)

Procopio Njscjn? Io so che sei avuto il consenso di don Damiano e la moglia… Cè ‘ncentr’n lar cu nam d fuggh’t?
Tonino Cè ‘ncentr’n? Allar, mà vì ch’ndè u fott: l’ata d’man’ch ca sjm scjt a mangè a ches d Chiarjn, s’ruch’m ho assjt u fott du naom (du crijatìjr)… Ij j Chiarjn jemm giè parlet, j jemm giè ques d’cjdjt… I miei suoceri hanno detto solo che era la decisione giusta, per il bene del bambino…
Procopio Arrat pu ban du crijatìr! Piccià? Cj sj chiem Procopio o cadè malet u crijatìr?... A me non mi ha fatto male! Abbess, Procopio, v fescj mel a vij…
Nannina Allar jev raggian attond! ‘Ngi sta u zambjn d Damien, j d chara zambjn d la m’gghiar… Il nome ci aspetta a noi!... Piccià nan ha raggiunet opprym ch nij?
Tonino Ca mì sf’scjt dalla chep!!! Nan li p’nzet prepij: cè li fott appest?... Papè, ma scusè, ma nan t pozzj acch’nd’ndè; ij nan m cr’dav cha t la pjgghjv assìch. Ij m cr’dav ca m’avar a capuscj, invacj stè fè u tramat…
Procopio Avost… fè ciò ca vù fè! Vust ca sjt giè d’cjdjt tutt caus… nan n parlem ‘cchìj. Tond p mà nan congj njdd: (si commuove) ji, n’pjt nan n t’nav, j vol djr ca nan n t’né mej… (con voce rotta) S vad ca nan mu m’r’tàscj… (nan mu màrjt)

Tonino Papè…ma cè stè dì?… Na t lò dutt s’ruch’m ca cj è mosch’l, u vegghj chiamè (matt) “Pio”? (quasi ridendo e con aria convincente) Nan at u stess? Invece di Procopio, ci togliamo Proco e resta Pio, ha capjscjt?... Pio è il tuo diminutivo…
Procopio (serio e calmo) Hai ragione figlio mio, la dutt tì stess: “diminotivo”… Perciò, io mi merito di essere diminoito, tond p dorm u calljn….(grida) Ma addò o gì f’rnascj “la mia continuazione, la mia prolongazione, la mia eretità…addò o gì f’rnascj? Jund a la m’nnazz! No diminotivo… per me questo Pio è proprio scancellativo…

Nannina Me avost! F’rnut’l tutt e due: quond noscj u crjatìjr ma b’dà! E poi, mica è sjchjr ca jè mosch’l. Piglia che è femmina, stem a fascjm p’cchet j mal sogn jnjt’l….(rivolgendosi al marito) Pacienz marjt mij: mica è colpa la tua se tieni un nome “retrato”. Speriem ca noscj famm’n, così dobbiamo tenere una bella Stèfana piccolina, ca vè fjscionn casa ches…
Procopio Stèfana…(pensa) ji u duchj semb: tj sì stet aff’rt’net. A ta tu m’ttor’n n bell naom modarn…
Tonino Veramente papà, com s djscj? Scort fr’scj j van pr’mar… Sjnd mammè, allar è mogghj ca porlj chier: vjd ca cj noscj famm’n, nan lì chiamè Stèfana… lì aggiurnè, lì chiamè Ste-fà-nia; aggiungo solo una “i”, piccola piccola….
Procopio (ironico) Ahhh! Lo vedi Nannì? Il nome mio lo accortano… e quello tuo lo allongano… Piccia? Nan sì ch’ndend?
Nannina (al figlio) Naaaa…ma piccià Stèfana è brutta? Nannjn jè brjtt, ma Stèfana è tanda bella, non ci riviene dalla Greca com a Pr’chepij…
Tonino (mette le mani in testa e la scuote) La sjt a f’rnascj ch cuss diov’l d Grach? Quond mej sjt scjt alla scal tott j dij?
Procopio Nannì… lassamu stè, facioss com val judd! E mica lo dobbiamo opplicare? P cund mij, ij u soccj cè ì fè… Cj è mosch’l, o s chiem com a mach, oppjr (a n’paot’m) lì scanaoscj… (poi guardando Tonino) J nan ì canaoscj mongh cchìj all’atten… (esce arrabbiato)

(fare il rumore di una porta che sbatte)

Tonino (risentito) Mammè, cass jè na schjs, mà lì capjscjt! Papè vel afferz ca fuggh’m lì matt com a judd, piccià m val caccè da ches… Ah, cè s’gnuf’ch quond ijn stè assuggett… Ma io, non mi faccio mettere sotto i piedi da nessuno… da njscjn…
Nannina Ma cè stè dì Tonjn? Cè no canuscj a attond? Chjr ngj tan assaj p cuss n’paot co noscj! Quonn lì dutt ca m’gghier’t stev pran, schutt a p’nzè ch’avar a noscj not Pr’chepij, s m’ttì a candè com cara dì ca aff’domm, j n m’ttomm abballè chesa ches com a du stud’ch… J mà, nà det chassa bella mazzet tra chep j coudd; nij mich sym d fyrr, fugghj mij, tjnjm u sogn, j cert vet u sogn nu facìt gnanè tott alla chep…

BATTONO ALLA PORTA (chiusa in precedenza da Procopio)

(Tonino va ad aprire mentre Nannina toglie in fretta i tegamini di terracotta dalla tavola e li nasconde sotto dei tovaglioli)

SCENA 12^

Com. Maria (entra) Wè Tonì, c’è la commara?
Tonino Si, sta qua. Mamma io vado (le dice all’orecchio che va dai suoceri)
Com. Maria Addò ggìj a contraor? (primo pomeriggio domenicale)
Nannina No soccj: m l’ho dutt all’aracchj folz… Ch’mmè, cè vè acchionn? T sarv anguna caus?
Com. Maria Njdd ch’mmè… Da ches maj tì s’ndjt d l’cch’lè fert fert! Anguna caus tì sjccjdjt… Jccaom, nij stem tond da vjcjn: ij nan duchj njdd a njscjn… io so’ muta come alla tomba…
Nannina (tra sé) Ma l’aracchj funzian di louss!... Ma dà nan l’cch’lev niscjn sora maj… Tj pugghj cozz p f’ccozz… Abbess, quonn ì craj, la gì passè na vus’t dal “totorino”…
Com. Maria Ma commà, da ches ì s’ndjt pjr fert fert d sjbbott la perta vest…

Nannina J cè s’gnuf’ch? S sep ca jund o p’rtaon fesc semb currend

Com. Maria Beh, va bene! L’imbortond ca nan ì stet njdd….(cambia discorso) E vostra nora Chiarina? Non ci sta?... Ma che è uscita?
Nannina Naon….s stè r’p’sascj nzjch sop o ljtt… (l’innocente bugia)

Com. Maria Ah…. J quond ho jess ch’ò figghiè?

Nannina Alla r’fr’schet d l’orj… u mas d s’ttjmbr ……….

Com. Maria Cè b’llezz… j com u son a matt? L’hanno “sciolto” il nomo?
Nannina Avv’ramend no son “squagghiet” angar: la singera verità, fuggh’m inzust ca u val matt u naom d l’atten, ma marut’m nan val… Dyscj ca u naom sij è retrato; lu pioscjn chjr modarn ca sj jisjn mà; j cj è famm’n, lì dutt ca pot’n fè a piaciar lar, ca ji nan gj tegn a chyss stut’quarij. Ch’mmè, abbost ca stè la salyt, j n v’lym ban tutt quond
Com. Maria Jè raggian ch’mmè!... Ma u saj com jat? Specialmend cj è mosch’l, è gjst ca pert u naom du nonnò… “così si continua il giro della ruota” (mima con le mani un cerchio che si chiude)

Nannina (la imita e dice tra sè) La raet (d la bjcjclatt) d ser’t… Ma cè stè dì ch’mmè! Vij nan stet aggiurnet! Stem jund o mull-nov’cjnd s’ssandasaj (1966)… Che mò maj ho arr’vè il 2000 (catastrofica) ca duscjn ca son a scuppiè (o schattè) tott u raet (pjr du moch’n)….

SCENA 13^

Procopio (entra di sorpresa) Buon giorno…
Com.Maria Buon giorno (sapendo di essere malvista, si alza per andarsene) Wè, mì b’njt n d’laor d chep tott na vet brjtt assaj…
Nannina Cè vu n’aspitrina?

Com.Maria Nan, ‘jngrozj, la tegn a ches… stott bana ban

Nannina Stott ban pjr tij…

Procopio Nannì, car tan la caod d pogghj: cj m van a tjr anguna vet lì dè na r’spest ‘ngraoscj j scraoscj ca lì fè pard u vuzj d trasì a chesa nest… (poi riferendosi al figlio) Sj nì gjt pr’cjnjdd u trad’taor?
Nannina Angar fuschj? Nan tì passet la ropij? Avvus’m quonn t poss…
Procopio Ma cè stem a sch’rzem Nannì? Assich mò passè?... M n so’ b’njt a ches piccià m v’dav brjtt a cam’né sjl sjl junda Mathar… M parav com cj tutt quond, all’aschjnnjt, r’rrov’n sop a mà! (commosso) Invacj a mà, m van da chiongj Nannjn…
Nannina Ma cè dì marjt mij: cè t crjd ca ston tutt quond a p’nzè com coppr t chiem tij?... Cj fè assich, ca t f’ssjscj fret mij, ta fè v’nì n tecch …
Procopio Nannì, ma no capuscj ca n ston a trott’n a pezz da pjt? A cuss pjnd è mogghj ca m van n’ tecch malugn, assìch pot’n fè ciò ca vel’n senz ca m pugghj v’lan…

Nannina Wè Pr’chepij, mè avost. Chjss nan saond raggiunamend d cr’stien abbaset com a tà… P cass f’rnuscjl… J m raccumond: quonn van Tonjn fè fund d njdd… j facjt la pescj…
Procopio Ma cè pescj j pescj Nannì! Mè avost: nan vegghj sendj di parlè ‘cchìj né d l’atten j né du fugghj…Cè pescj ì fè? Tegn u cjrv’dd ca nan m’ajit ‘cchìj! Jund la chep tegn n pr’cjn ca djscj semb (in crescendo) Pio, Pio, Pio, PIOOOO…

Cala la tela
FINE PRIMO ATTO




SECONDO ATTO

APERTO IL SIPARIO LA VOCE NARRANTE DIRA’:
“E’ IL 28 SETTEMBRE 1966. IL NIPOTINO DI PROCOPIO E NANNINA STA PER NASCERE DA UN MOMENTO ALL’ALTRO”
(L’ambiente è lo stesso: casa Cardello. Si appone 28 SETTEMBRE 1966 sul calendario. Procopio, da solo in scena, passeggia nervosamente con in mano un foglio di carta arrotolato…)

SCENA 14^
(Procopio riceve la visita di Annunziatina, amica di Pasquina)

Procopio (massaggia la pancia) Madenna maj cè d’laor d vendr… J quonn s son a str’cchjlè?


BUSSANO ALLA PORTA

Procopio La pert stè apart!
Annunziatina E’ permesso? Buon giorno signor Procopio…
Pasquina Wè, Annunziatina, tu sei? Che vuoi?
Annunziatina Voglio chiedere a Pasquina perché non è venuta a lavorare stamattina: ma che sta malata?
Procopio No, stanno tutti all’ospedalo; dillo alla parrucchiera che Pasquina s’ha presa un giorno di feria che oggi deve figliare Chiarina… Ciao…
Annunziatina (ma non se ne va) Ah! Allora oggi nasce “Pio”…
Procopio Così si dice… (ma) nan è sjchjr angar.. (spera ancora in “Procopio”)
Annunziatina Come, non è sicuro ancora?
Procopio (si riprende) Si, è sicuro che nasce… ma può essere pure che è femmina…
Annunziatina (candidamente) Ahhh! Ho capito signor Procopio… Pasquina, mentre taglia i capelli, lo racconta a tutti il fatto del nome…
Procopio E si! Mendr togghj u capudd, togghj pjr all’atten cara delinquend…
Annunziatina …Ma no, scusate signor Procopio, voi non ve la dovete prendere così: guardate il bicchiere mezzo pieno…
Procopio Nunziatì, addò u vjd cuss bjcchjr?
Annunziatina Voglio dire che se lo chiamano Pio, è un bel nome: Pio significa “buono” …
Procopio Perché Procopio vuol dire “brutto”?... (cattivo)
Annunziatina No, e che c’entra?.. Pasquina dice che pure voi siete buono… E poi, io sono sicura che sarà un bambino (scandisce bene) educatissimo…
Procopio E come lo fai a dire? Chjr angar ho noscj!
Annunziatina Lo so, ma lo sanno tutti che quelli che portano un nome corto corto, ti ubbidiscono subito… (il povero, grande Troisi insegna)
Procopio (le va incontro irato) Wè, Annunziatina lunga lunga, allora tu sei una grandissima maleducata (la ragazza se ne va). Ma vedi quante ne devo sentire, allora io so’ maleducato? (si dirige verso il bagno) Madonna che dolore di vendra…

RIBUSSANO ALLA PORTA… (e torna indietro stizzito)

Procopio La pert stè semb apart!

SCENA 15^

(Entra la “lunatica” Prof.ssa Truffa che abita al piano di sotto) N.B. Essendo le attrici tutte belle, si prega di ricorrere al trucco e all’abbigliamento per rendere “sgraziato” il personaggio…

Prof. Truffa (con distacco) Procopio, buon giorno.
Procopio (si sforza nell’italiano) Oh, bon ciorno provessoressa Truffa, vi serva quacche cousa? (mezzo inchino)
Prof. Truffa (tono minaccioso) Sono qui per parlare con vostra moglie, chiamatela!
Procopio (dato il tono, risponde in dialetto) M d’spiescj: nan la pozzj chiamè…
Prof. Truffa Che fastidio alle orecchie questo dialetto: io a scuola insegno italiano
Procopio Eh, ma qua stiamo a casa mia, j mjgghier’m nan gj stà…
Prof. Truffa Ah, non ci sta? Bene! Allora, siccome ho da fare e il mio tempo è quantomeno prezioso, lo dico a voi…
Procopio (si massaggia la pancia) Va be’, ca pjr ji tegn da fè provessorè… Duchj ij, cj v’ljt fè ljt ch m’gghier’m, nan p’tjt v’nì quonn stè jadd?
Prof. Truffa (ancora più snob) Si, adesso per parlare con la “signora”, devo prendere un appuntamento…oh!
Procopio No, non sia mai… Allar spicciot’v a djscj u fott…
Prof. Truffa Ecco buon uomo, vi avviso che riceverete una lettera dal mio avvocato: io abito al piano sottostante il vostro e stanotte alle 2 avete prodotto un rumore da terremoto…
Procopio Jè b’rdet, t’njt raggian provessorè, ma mica è colpa la nostra se stanotte a mia nuora s’è rotta l’acqua, j la sjm p’rtet urgenz o ‘sp’tel? Eh, vij sjt pjr na famm’n, j chjss fott r sapjt mogghj d mà…
Prof. Truffa No! Io sono signorina e non ne so niente di questi fatti. Se dovevate fare tutto quel rumore, lo potevate programmare di mattina quando faccio lezione a scuola…
Procopio Ma cè capuscj ji signorì: ji sondj n’alfabeta gnorond…
Prof. Truffa (lo irride) Alfabeta gnorond! Ma la legge non ammette ignoranza, perciò per mezzo dell’avvocato vi ho chiesto un risarcimento di 300 mila lire per i danni che mi avete procurato…
Procopio Ma cè donn j donn signorì: “voi cercate case cadute”, vij t’njt u vjrm ljgn ljgn…
Prof. Truffa Come vi permettete? I vermi li tenete voi!... Ma avete sentito come battevo da casa mia? (mima come se avesse una scopa in mano)
Procopio Com nan sjm s’ndjt? Voi però abbattete troppo forte, signorì; ca pjr vij det n socch d fastudj ch cara scaop, eh… (mima)
Prof. Truffa Pure!... Insomma, per farla breve: s’è spezzata la scopa, dal soffitto s’è staccato un pezzo d’intonaco che è caduto ed ha rotto l’orologio d’oro che tengo sul comò…Totale danni materiali: 100 mila lire!
Procopio Cjnd mjla ljr? Wè, e meno male che il tonaco nan v’ho spacchet la chep!
Prof. Truffa Meno male per voi! E non è finita ancora: prima di andare dall’avvocato sono passata dal dottore che mi ha visitata e ha scritto sul certificato che sono pure spaventatissima… L’avvocato quando l’ha letto, ha detto: “Ah, benissimo: altre 200 mila lire”…
Procopio Benissimo? Tropp pucch! Chjr v val fr’chè… Signorì, sendite a me: quonn van m’gghier’m vì fè djscj “l’assrjmm”, e ve la dice “aggratìs”
Prof. Truffa Veramente?
Procopio Sjn! J cj n m’ttjm d’accherd, Nannjn vò l’vè “u vjrm”, j vò l’vè pjr “l’affoscjn”… condr l’ammùdij du cr’stion’r (invidia)
Prof. Truffa Avveramende? (molto interessata, incomincia a familiarizzare)
Procopio Sine! E giacchè siete signorina, vi fa pure “l’angelo della buona nuova”… p sapà cj v sjt a sp’sé cuss’onn, oppjr l’onn cj van…
Prof. Truffa (in dialetto, senza più arroganza) Wè, ij prepj cass vochj acchionn: piccià m sendj ngudd tutt l’ammùdij du cr’stion’r, specialmend d lot famm’n… tond ì var ca l’umm’n… s n fjscjn tutt quond…
Procopio Sjt vust? Sjt r’cap’tet prepj di luss! Quonn mjgghier’m vò l’vè tutt chjss scjaijr da ngudd, l’umm’n chiù b’njdd j rucch son a stè jin dret a lot nond alla pert d chesa vest…
Prof. Truffa (idem c.s.) Wè Pr’chepij, cj Nannjn m’gghier’t m fescj cuss bell sr’vuzj, ji vì fè n bell rjel…
Procopio Ma nij nan v’ljm njdd provessorè, abbost ca s’st’mem u problam d prjm…
Prof. Truffa (idem c.s.) Cè problam?
Procopio U dottaor, l’avvuchet…
Prof. Truffa (apre la borsa e prende il certificato) Ma cè so’ chjss problam Pr’chepij mij? U cjrt’f’chet u strozzj moppjnd nond a vij (lo fa), j mà ì gì ‘mbrjm a ches a talafunè all’avvuchet…
Procopio Sjn, djngiull ca jat assaj u donn…
Prof. Truffa (ride) Ma cè donn? Procò… Vust ca stem giè d’accherd, vì djscj prepij la v’rdet: la scaop s mant’nav cu sparatrocch, la ten’ch s nj av cadjt sola saol l’onn passet, j l’ar’lèggj stev giè sfasciet…
Procopio (ironico) J brev la signorina Truffa, cè bell scharz ca n v’ljv fè!...J brev, brev!... Bah, u saj ce tj duchij? Vogliamoci bene...
Prof. Truffa (contenta) Vogliamoci bene don Procò! Sjnd a mà: quond stè a chem’t mjgghier’t affolla scjann ijs, ca ji l’aspettij a ches… (esce)
Procopio Come no?... Aspetta, aspetta…. Aspjtt semb poccj… Ma tutt ‘nnond all’ucchj mij!... Mà ì gì ovv’romend o ciass!
(fa per imboccare la porta che da all’interno, ma entra Pasquina)

SCENA 16^

Pasquina Papà, ma che fai solo solo a casa?
Procopio Solo solo? Lassem pard Pasquì! (trepidante) Ma cè ì net?
Pasquina Non ancora papà: nasce da un momento all’altro…

Procopio Angar! (va su e giù) Ma duchj ij: nan p’tamm chiamè dà la mammer? A chess’aor n’avemma jess giè l’vet u p’nzjr…
Pasquina La mammara? Papà ma che dici? Siamo nel 1966, e le donne (mamme) moderne oggi vanno tutte a partorire in ospedale…
Procopio Tutt quond? E quante donne moterne “figliano” oggi?
Pasquina Otto! Papà, oggi ne sgravano otto tutte insieme!
Procopio Joutt criataorr tutt ‘nzemm?... A me questa moternità mi tocca allo stomaco! Djvendj poccj! (pensa) Pasquì, nan facjm ca noscj mosch’l j n’annjscjn na famm’n… Jund o casjn du sp’tel nan s sep mej…
Pasquina Ma non ti preoccupare papà! Se nasce femmina gli attaccano subito un nastro rosa, se è maschio un nastro azzurro…
Procopio Sì, com alla burr!... Ma inzaomm, s pot sapà com ston u caus?
Pasquina Come a stanotte! Chiarina cià sempre le doglie, allora mamma mi ha detto di riscaldarti qualche cosa da mangiare veloce… (già pronta)
Procopio Da mangè v’loscj? Ma vè v’loscj Pasquì, tij j mom’t…
Pasquina Ma si papà! Ti faccio la carne in scatola con una scatola di fagioli…
Procopio Ma nan r’mbonn u schot’l Pasquì, con questo manciare moterno…
Ij gè tegn n d’laor d vendr ca mà ì figghiè prjm ij…
Pasquina Esagerato papà! E allora se non vuoi niente io me ne torno all’ospedale…
Procopio J vè v’loscj! Appan noscj Pasquì, fiscj j fiscj a ches!
Pasquina (intuisce il suo malessere) E non puoi venire pure tu all’ospedale?
Procopio Figlia mia, a mà m van da scjttè, tegn pjr la diarrà: cè ì fè dè?... M son a ricoverè pjr a mà? Tu vai, vè v’loscj (cammina senza sosta avanti e indietro)
Pasquina Ma almeno siediti! Accenditi la radio (la tv), fai qualche cosa! Che ti credi, che se ti siedi, tuo nipote non nasce lo stesso?
Procopio Allar vattunn ca mì gì azzjd o ciass! Pasquì, com t lì djscj a papè? (Tegn u fuch d Sand Andenj!)... Tu vai, vai…
Pasquina (e non se ne va) Ho capito papà… Tu stai pensando ancora al nome!
Procopio (si ferma) Al nome? Ma cè stè dì Pasquì? Io (del nome) me ne freco altamende! (Riprende nervoso a camminare)
Pasquina Dì la verità: tu tieni sempre la speranza che Tonino ti tiene contento all’ultimo momento, non è così?
Procopio Ma cè n sej tij? Cè tegn la foccj d jin ca stè djspiacjt?
Pasquina (ironica) Nooo, mica mica! (per niente!) … Papà, ma tu lo conosci a Tonino: quello non lo fa per cattiveria…
Procopio A me lo dici Pasquì? Ij v canaoscj bun!... Ma paj, quonn v facjt jronn, v facjt jagn la chep da lot…più moterni di me…
Pasquina (pausa) Papà, vuoi sapere come la penso io?
Procopio J spuccjt ca nan la fozzj ‘cchìj! S’ndjm: com la pjnz?
Pasquina Papà, perché mi hai chiamato Pasqua?
Procopio Come perché! Assì s chiamev la bonon’m d momm ca nascì prepj la dij d Posqu, du mull-jutt’cjnd-novond… (1890)
Pasquina Ah! Allora, siccome nacque proprio il giorno di Pasqua, l’hanno chiamata diversamente! Allora tua madre (mia nonna) non è stata chiamata col nome che teneva sua nonna?
Procopio No!... La v’rdet, mammè (tua nonna) m djciav semb ca s’avara chiamè “Incrocifissata”…
Pasquina Incrocifissata? Madonna Santa! E perché?
Procopio Perché la nonna sua nascì u V’n’rdìa Sond, il giorno che morse Gesù
Pasquina E che bella fortuna!... Papà, vedi che se tu mi chiamavi Incrocifissata, io non ci uscivo più da casa!...
Procopio Capescj ca ajtjv ‘nzjch d cchìj a mom’t a fè u sr’vazj (junda ches…)
Pasquina Sì, scherza tu!... Papà, allora posso dire che mi è andata bene: meno male che mi chiamo Pasqua…
Procopio Arr’curd’t Pasquì, bell o brjtt, a ognjdjn u naom sij u piescj …
Pasquina Non è che gli piace: uno si abitua al proprio nome!... Papà, la vuoi sapere la verità? (si avvicina all’uscita) Pasquina fa schifo quasi quasi come… a Procopio…
Procopio (scatta per l’offesa e Pasquina arretra) Ma sjnd ‘nzich a cassa stet’ch!!! Pjr u pjdjcj foscjn la taoss!!! Mà t lì dè n s’rd’lljn…
Pasquina (lo sfotte a un passo dall’uscita) Papà, non ti pigliare veleno… vuol dire che pure che sono la figlia femmina, ti accontenterò io: il nome tuo te lo devo puntellare io… (Procopio le corre incontro e lei esce)
Procopio T lì dè ij na bella p’ntozz… (ormai solo, mentre si dirige al bagno, parla tra sè) Aspjtt ciudd mij… J pjr cj u chiem Pr’chepj, nan ho p’rtè il cognomo del marito! Com so chiamè? Procopio… Vott’lapasch. No, no, cj Crust mo fè la jrozij, m lo fè a cuss gjr… Ma cj Tonjn jnzust ca lo matt Pio, è mogghij ca noscj famm’n, s’nouch ij no soccj ciòcchiffè………..Mà ì fiscj afferz o ciass…

ma RIBUSSANO ALLA PORTA e deve rinunciare di nuovo

Procopio Stè apartoooo! Uffa, cè rumbaschot’l!!!
(mancava la visita di comare Maria)

SCENA 17^

Com. Maria (entra) Combà Procopio… angora niende?
Procopio Njdd ch’mmè! Abbess, chjr (u crjatijr), ho s’ndjt anguna malalangua brjtt, j nan val assì ‘cchì...
Com. Maria Ma che dite combà: la pera, quando è ammaturata, se ne cade sola sola!... E commà Nannina pure lei sta all’ospetalo?
Procopio Afferz! Addò o stè?
Com. Maria E pure commà Felicetta?
Procopio Afferz! Cj f’gghiascj la fugghj! Eh!
Com. Maria Ma è da molto tembo che stanno all’ospetalo?…
Procopio Da stanett (si massaggia la pancia: “deve” andare in bagno)
Com. Maria Perciò alle 2 ho sentito tanti rumori!... E…e chi lo deve vattisciare?
Procopio (arrabbiandosi) Ma commà Marì, j quond n vu sapà! A cuss mumend scem a p’nzem a chjss stut’quarì?... Per ora, facciamo cadere la pera, j paj s penz…
Com. Maria E’ gjst!... Però, combà, v lj discj prepj com na sar (sorella). La singera verità, io tra di me sono fatta un penziero: se a un nonno lo pigliano… a trucco… vegghj djscj…
Procopio Lo pigliano per fesso!
Maria Sì, così… non solo che non lo mettono il nome suo, ma non lo fanno fare neanche il patrino di battesimo del nipoto….
Procopio (scattando) Ma commà, addò stè pjnz… Vij nan stet prepj aggiurnet! Cj v lò dutt ca no chiom’n com a mà? So’ ij ca no vegghj…Ohhh!... “Procopio” nan m piescj prepj! Com t lì djscj? S’nonn s’nonn la cupa cup’? (si sentono dei passi…è Rocco il marito gobbo di Maria che entra)

SCENA 18^

Rocco Permesso Combà? (vede la moglie) Marì, qua stai? G’stizj ta va b’nì, ma junda ches nan cj stej mej? Possub’l ca nan sì capescj d stè cjngh m’njt farm, ca ha gì ciall’ddonn a dastr j a s’nustr ch tutt quond? (mima il gesto di un ceffone) Addò ston u scorp d zìa Catarjn ca nan r pozzj acchiè, j cj no mattj ‘mbrjm u sopatocch car jè capescj ca m vè sputtanonn p totta Mathar… Addò cozz la scrjet?
Com. Maria J sjn Rocchjn, colm’t ‘nzjch! E ngè di bisogno di fè chjss uarallet a ches d lot (cr’stion’r) …..
Rocco Nan t scj proccuponn, che combà Procopio n canaoscj bun… Addò ra mjs u scorp?
Com. Maria Addò son a stè! Lì mjs addò ston u scorp vjcchj da scjttè… E come? Zìa Catarjn r val ess aggjstet?… Chjr scorp vjcchj brjtt r’s’cuet com a jadd?
Rocco Ma a te cè t n pram! Allar piccià fozzj u scarper? Pj aggjstè u scorp! ‘Cchì s sfoscjn j mogghj jat! Cj s’accattov’n u scorp nav, nij n p’tamm m’rì d fem...
Com. Maria Manu mel ca Crust tò det chessa bella pacienz...
Rocco Chessa bella pacienz d suppurtè a tà!... Annjscj u scorp ca mo mà t là b’dà d’arr’vè... (Maria esce) Ah, ch’mbè, m jev sch’rdet: angar njdd?

Procopio Niende combà: si aspetta tra un momendo e l’altro momendo…
Rocco Eh caro mio, è brutto aspettare! Ij v capuscj tropp bun…
Procopio Jccom fè a capuscj mest Rocch: tij sì senza fjl…
Rocco Jè v’rdet ‘mbà Pr’chepij, ma ij tegn sett frot’r pjcc’nunn, j tegn sett n’pjt ca s’ chiom’n Bastien, com alla bonon’m du priaor; (si commuove) 7 n’pjt, 7 mjglijn, 7 mazzet d ch’rtjdd: u soccj ij cè tegn ‘ngurp…
Procopio Ma chjss so’ fott’r vust d famugghj; ij nan vegghj… (dovendo andare in bagno non li vuole sentire)
Rocco (Deve sfogarsi) Aspjtt j aspjtt fret mij… j fuggh’m nan v’lav noscj; u frot’r chiù pjccjnunn s sp’sov’n j nasciav Bastien; com nasciav n Bastien nouv, u priaor u rialev n mjgliaon; j paj natatjn, j paj natatjn angar, fjgn a sett. Quonn nascìj l’ut’m n’paot (Bastien) – (stemm a ches d frot’m chiù pjcc’nunn) – atton’m p’gghiò ‘mbrozz l’ut’m Bastianjn j m uardò fuss fuss, serj serj, senza parlè… Paj t’rcì u mjss, lassò u crjatjr ‘mbrozz alla mammer, j azz’ppò ‘ndarr: murt catov’r!!
Procopio (incuriosito) Oh, pella miserij combà!... Perà Rocch, j mjch sì stet tij
Rocco No, ma ij t’nav u “rosch” (debito morale) chj atton’m j nan lj p’tjt pajè cchìj; assjch ì p’rdjt n mjgliaon j pjr la foccj nond la famugghj…
Procopio Ma tij r v’ljv u criatarr?
Rocco Afferz ca r v’lav!
Procopio J piccià nan n tjn?
Rocco Cher Pr’chepij, tu duchj com a n fret piccià n sjm semb r’sp’ttet: quonn m n v’nubb da Ber’ a Mathar p sp’sorm, p’gghiubb la megghia fr’catjr…
Procopio J piccià nan t n sciust arrat?
Rocco Ma u problam nan ar addò stev, ma ch cj stev… La colpa è stata tutta di mia moglia… Caro mio: sjm fott com alla canzan d’ Caroson…
Procopio Com la canzone di Carosone?
Rocco Combà, car ca djscj: (canta) dopo i confetti so’ usciti i difetti…
Procopio (con falsa ironia) Possub’l? Commà Marìj tan u d’fett?
Rocco Ehhh… n d’fett ca nan s vad…
Procopio (idem c.s.) Non si vede? Eh… Sanda Ljcìj…
Rocco Caro mio: da rjss u m’laon s’acchiò biongh don Procò…
Procopio So’ cap’scjt mest Rocch! Ma j soccj ch’o m’ljn s fescj la prav opprjm
Rocco Gnorsì! Ma ij chara prav nan la p’tev fè, fret mij: s’rech’m jev pascj d n Carabb’njr…
Procopio (azzarda la battuta) J la fugghj ho pjgghiet dalla momm…
Rocco (pausa) Don Procò, ma abbess nan ha capjscjt bun u fott: la uagnedd stev sena sen (era illibata)… U problam che quella era sterila, un uovo di Pasqua vacante, senza sorpresa, senza pr’cjn… Piccià ij v’lav alman sett fjl…
Procopio J mj d’spiescj ch’mbè!... Cè t pozzj djscj: no p’nzonn ‘cchìj, ormej…
Rocco E come faccio? Ij ‘ngj penzj tutt l dij d Crust: fuggh’m chiù jronn avar fatiè ch mà alla p’taj… S’avar a chiamè Bastien; j u fugghj d fuggh’m s’avar chiamè Rocchjn com a mà…s nouch a Bastien l’avar sp’zzè u jomm… Pov’r a judd…
Procopio Pov’r a judd? Fuggh’t mongh ì net…Cass jè totta fandasij mest Rocch; ormej jè jocqua passet…
Rocco Jocqua passet p mà, ma nan p tà. Pr’chè, sjnd a frott: ij nan cradj o chiocchjr d l’amacjr vust ca so’ s’ndjt jund a la p’taj…
Procopio Cè so’ chjss chiocchjr?
Rocco Eh…caro mio, duscjn ca tij nan vu ca n’paott s chiem Pr’chepij, piccià jat n naom… djcjm… all’andjch…
Procopio Ah, chjss cialljdd von facjonn chjr sort d ch’rnjt…
Rocco P chass opprjm ì dutt “ij t capuscj tropp bun”… Tij si stet semb tropp bun ch fuggh’t ….
Procopio Tropp bun?... Ma cè m vu djscj Mest Rocch?
Rocco Vegghj djscj…Tonjn fuggh’t ì stet semb ‘nzjch djsp’ttjs, ma tij nan la det mej n schoff…Ij jov’t o cust tij, j nan lì s’ndjt mej d chiongj… Tij sì tropp n bun fess fret mij…
Procopio Tropp n bun fess? Bell bell, mest Rocch: s vad ca nan avav abb’sugn d m’né cupr alla cjchet… Piccià so’ fess?
Rocco Piccià chjss jat u rjsultet cher Pr’chepij: “u uagnon”, cj nan s’assraomm d l’atten, no r’sp’ttascj. Com s djscj? “Mazz e panell, foscjn fugghj bell”…
Procopio J brev ch’mbè Rocchjn nust… Wè, jngrozj d chessa bella scal ca ma fott! U saj cè t duchij? Allar pjr tij sì n bun fess…
Rocco J piccià?
Procopio Piccià a m’gghier’t Marìj nan la spav’ndet mej; da ches nan tì s’ndjt mej d’azè la vaoscj… (so’ sjchjr ca nan la det mej n s’rd’lljn)
Rocco (non capendo il motivo) La singera verità don Procò, (da vicino) se quella è sterila, e mica è colpa la sua?
Procopio Che è sterila no! Nan tan chelp la pov’redd. (in crescendo) Ma p cur brjtt v’zioccj ca vè semb r’mbonn u pr’v’ljn da la matjn alla sar...
Com. Maria (irrompe con le scarpe in mano) Wè, cj jat cassa pov’redd ca tan u vuzj d romb u pr’v’ljn da la matjn alla sar?
Rocco Ciutt tij! Njscjn! Domm chjss diov’l d scorp j vè ‘mbrjm a ch’cjnè; appan ì f’rnjt vegghj acchiè u piott ‘nnond, s nouch jascj so’ cupr…
Com. Maria Wè, wè, vochj mbrjm! Madenn du Corm’n quond ho fott brjtt (esce)
Rocco Scusa la sfogatura Procò…Nij nan sjm dutt njdd…
Procopio Njdd d njdd mest Rocch (mentre accompagna alla porta Rocco, tocca visibilmente la gobba del compare; poi rientrando) Wè, nan s n v’lav scj cchì… Pov’r a mach, ormej u sop’n tutt quond… Ma ì gì avv’ramend o ciass…
(imbocca la porta che conduce all’interno della casa, ma torna subito verso la porta d’ingresso perché sente gridare Pasquina fuori scena: papà, papà… )

SCENA 19^

Pasquina Papà! (entra col fiatone e grida felice) Papà, nastro azzurro, è nato, è maschio …cinque chili e quattrocento….Se lo vedi papà, quant’è bello assai: dicono che rassomiglia proprio a te…
Procopio Avv’ramend? O Gesì, mò mi cachè saott!... (si palpa il fondo dei pantaloni) J… j Chiarjn com stà?
Pasquina Hanno detto: “parto spontanea”, perciò sta bene pure lei….. Papà, il bambino cià tanti capelli in testa che sembra di due anni…..
Procopio B’n’djzziaon vol avà! (si avvicina circospetto) Wè, Pasquì… ma u crijatìjr… come l’hanno messo?
Pasquina Papà, ma sempre là pensi?…e come l’hanno chiamato? Pio, Pio come il tuo diminutivo….
Procopio (disperato, le mani sulle tempie) Ahhh…cur pr’cjnjdd d’scraziet: l’ho dutt j l’ho fott! J cj su ‘mmaggjnev?…(si schiaffeggia) Ehhh, pjzz d cr’tjn ca nan sì oltr: tnjv la sp’ronza angar?… Fesso, Fesso, FESSO (si schiaffeggia forte, sempre più forte)…
Pasquina Papà! Ma che stai facendo? E finiscila che ti stai facendo la faccia come alla fedda rossa…
Procopio (srotolando il foglio che aveva in mano) Lo vedi questo? Cuss d’segn l’ho fott Tonjn frott quonn faciav la qujnd elementer…. Jet l'albero “genecologico”…. Allar capjscjav ‘cchì d mà! Mà s lì sch’rdet, mà ì r’mbambjt! J depp tond Tonjn j Pr’chepij jund a la famugghia nest… ì net n pr’cjn… Pio, Pio, Pioooo…(straccia il disegno con rabbia e corre al cesso toccandosi il fondo dei pantaloni)

Nel frattempo si sente la voce di Nannina fuori scena che grida:

SCENA 20^

Nannina (dall'esterno) Pircopio! Pircopio! (entra) Pr’chepij, ha s’ndjt? (chiede a Pasquina) J papè addò stà?.. Cè la dutt gè ca jè net?
Pasquina Si mamma: appena l’ho detto è scappato subito al gabinetto!
Nannina I’ fjscjt o ciass?... Afferz! Quond ho sapjt ca jè masch’lucchj, tond u prjscj, lì gnanet u sogn ‘nghep…
Pasquina Mamma è proprio così! Si è fatta la faccia rossa rossa (ESCE)
Procopio (rientra freddamente aggiustandosi le bretelle) Ahhh… mà m sendj mogghj; m so’ l’vet n pas da ngudd: t’nav u stem’ch ‘nbjtt…
Nannina (gli va incontro e lo abbraccia) Pr’chepij mij, t’njv raggian tij, sjm avjt u masch’lucchj! (Procopio resta impassibile)…Ma, ha capjscjt? Sjm d’v’ndet nonnò!!!...(pausa) J nan dì njdd? (Cè stè mozionet?)
Procopio (gelido) Ogurij, comblementi a signoria che hai addiventata nonna
Nannina (incredula) Com a sign’rìj? Piccià tij naon?
Procopio (sentenzioso) A mach… nan m’ì net njscjn!!!
Nannina (prega) Gesù, Giuseppe e Maria…. caccia il diavolo da casa mia!!! Ma u stè dì avv’ramend? Angar inzust cu naom. Cè vu d’mustrè mè tij? Ca tjn la paral du Rà?
Procopio Ce rà j rà d’Agiutt…nan tegn abb’sugn di ess rà: tij m canuscj tropp bun: ij tegn na paral schutt, la paral d l’jtjm Pr’chepij Cardell sop la foccj d la tarr….. Nannì: cj tì dutt ca n’pjt nan n tegn, vol djr ca nan n tegn, j avost!!!
Nannina (guarda in alto e prega) San Giovanni tanto bello, rimoddiscilo il cervello… Com nan è n’paott? T la pugghj cu crjatijr? Vu fè fund ca chedd’on’ma ‘nnocend nan asust? J tjn cuss char d p’zzon mò tij?... J com a fè ch Tonjn fuggh’t? T sì sch’rdet ca jov’t ch nij junda chessa ches?

Procopio Nan t pjgghjonn v’lan: jè raggian. Nan pozzj stè chì dà ch judd; ma giacchè no pozzj caccè mjnz alla via nav, co n’on’m ‘nnocend, vol djr ca judd r’men dà. Perà ij, giacchè no tegn u curoggj d cam’né junda Mathar, piccià m ched la foccj ‘ndarr, ij m nj fiscj, ij sparuscj, ij m levj dammjnz Nannì …(esce arrabbiatissimo)
Nannina Procopio, Pr’chepij….(cercando di raggiungerlo - poi rientrando) Cè fuch jronn, cè scisciocchj, cè sciaijra brjtt assaj! (implora a mani giunte) Crjst mij, dimmull tij ce pozzj fè ij pov’redd…

SCENA 21^

Tonino (entrando con delle borse in mano) Mà, Mamma…. vedi che Chiarina e il bambino escono oggi stesso, perché serve il posto suo a un’altra mamma che deve partorire ….(entra nella camera e ne esce subito senza le borse) Io la sto andando a prendere …(si ferma e di botto si ricorda) J papè? Ciò dutt quonn ho sapjt ca jè masch’lucchj? Sì cachet saott, jè b’rdet?
Nannina (scoppia in lacrime) Sjn, s nì pr’sciet tutt quond!!! Fugghj mij, cè ch’ndend j ch’ndend… I’ djv’ndet poccj, no val send mongh d n’mm’né u crjatijr! Djscj ca p judd nan ì net njscjn…(singhiozza) djscj ca so l’vè dammjnz… Speriem schutt ca nan fescj anguna f’ssarij ...
Tonino (si mette le mani in testa) Mi viene da impazzire pure a me, m’arrizzano le carni… Assì s fescj?... J mà addò s nì gjt?
Nannina (continuando a piangere) J cè n soccj ij? Ho fott cert traschjrs brjtt … Soccj ij cè u poss p la chep?... Madenna maj, uord’l tij…
Tonino Mamma, per piacere basta…Non fare così pure tu… Adesso non dire niente a Chiarina che non si può agitare. (abbracciandola) Nan t scj proccuponn: mà lì gì acchiè e lì parlè… (esce)
Nannina Stott attjnd a momm… puggh’l cu ban …(dopo che Tonino è uscito) Cè fuch jronn, cè scjsciocchj, cè scjaijra brjtta assaj…

(entra commare Maria senza neanche bussare)

Nannina Ah, voi siete commà? (sorridente) Tres!... L’ha sapjt giè?

SCENA 22^

Com. Maria Tandi e tandi ouguri alla commara bella mia! (baci e abbracci) Soccj ca sjt avjt n bell masch’lucchj!
Nannina R’ngazionn a Crust… cj u vjd, per tal e quel a Tonjn quonn nascì…
Com. Maria ...Perà, ben a sar, ma djscj la v’rdet: tij v’ljv la famm’n, nan at assìch?
Nannina Sjn, ma Gesì nan pot acch’nd’ndè tutt quond na vet. Avost ca stè bun u crjatijr j la momm, ca ij m n prascj u stess…
Com. Maria Ma sjchjr marutt stè chìj pr’scjet angar …
Nannina Sjchjr!... Cè la discj a fè?... Tond la giaoj sì cachet saott!
Com. Maria Afferz!...(sottovoce) Wè commà: j com l’on mjs u crjatijr?...
Nannina Col nomo di maritimo, solo che l’hanno modernito: invacj dj Pr’chepij, son tagghjet “Preche” j son r’mes “Pio”! T piescj?
Com. Maria (pausa)…Ah…Pio?!… Jè b’njdd assaj… (pausa) Però, la singera verità commà, questo “PIO”, nan cendr njdd cu naom d marutt: u cr’stien ngj t’nav…
Nannina Ngj t’nav? Ma cè n v’ljt sapà vij ch’mmè? I’ stet prepj judd a ‘nzust ca u n’paot s’vara a chiamè “PIO”… Onz, ques ques u v’lav chiamè chiù modarn angar… (enfatizzando il nome e riferendolo vicino all’orecchio di Maria)… Massimaliano…
Maria Massimalianico?… Bell!!! Lugn lugn, com a chjr modarn che si osano mò adesso…
Nannina Lugn j modarn. N’avamm a jagn la vaocch j la ponz schutt a chiamorl!... Ma paj ch’mmè sjm dutt: cè n frech a nij? Avost ca stè la saljt… Chjss so’ sottilette …
Com. Maria Jè raggian ch’mmè, so’ sottiletto!... Ma quond ho assì Chiarjn?
Nannina Mò stess, piccià u pest sij serv a nota momm ch’ho figghiè…

(entra Tonino con la cesta del bambino, Chiarina in vestaglia, Pasquina e Felicetta con delle borse)

Nannina Wè, a vust? So’ arr’vet giè..

SCENA 23^

Com. Maria (alzandosi) Che priscio (si china sulla cesta, e rivolta a Tonino) Che bello, che maschiaccio, rassomiglia a te, ouguri! (poi a Chiarina) Chiarina, tanti tanti ougurioni, sì stet brev avv’ramend, ciocch ì gjst… Mà put derm fjgn j craj… ca u duvar tij la fott…
Chiarina Grazie commà Maria, ora me ne vado a letto che mi gira un poco la testa…
Pasquina (si avvicina alla cesta) Pio, Pio, Pio, che c'è a zizìa? E che c'è a zizìa tua?... Quando ti vedrà nonno Procopio…
Tonino Si, nonno Procopio!… (amareggiato, porta la cesta col bambino in camera)
Chiarina (prima di entrare in camera) A proposito, dov’è nonno Procopio? Solo lui non l’ha ancora visto il bambino… mongh o ‘sp’tel ì b’njt! Cè smonij ca tan d v’dà u n’paot! Nan sj capuscj…
Pasquina La smania ce l’ha, eccome: io l’ho visto prima che nasceva Pio; andava avanti e indietro in questa stanza che sembrava un leone dentro alla gabbia…
Nannina Ma mò è assuto. Non lo so quando torna: è venuto a chiamarlo il confinante perché s’è rotto un tibbo d’irrigazione in campagna …
Felicetta J sjn, la cambogn è chiù ‘mbortond du n’paot!
(va in camera con Chiarina)

Pasquina In campagna? Mamma, questi giorni non si può proprio andare in campagna! Sta tutto allagato dalla pioggia! Chi è venuto a chiamarlo?
Nannina Ma che ne so io?... (facendo segno di stare zitta davanti a Maria) … Se sono venuti a chiamarlo, il motivo urgente ci sta…
Com. Maria Bah! Ij m nì gì a ches, ca cj s r’tjr Rocchjn j nan mj occhj a ch’cjnè, m’ho pr’mmjs l’anzalet (le botte). N v’djm chiù tord… (esce)

SCENA 24^

Pasquina Mamma, io non ci credo che papà è andato in campagna! Poco fa stava vicino alla Prefettura: mi ha chiamata e mi ha detto che vuole che gli porto la valigia con i panni scuri, mutande, calze, maglie e camicie. Quando gli ho chiesto che doveva fare con la valigia, mi ha detto di parlare solo con te e di portargliela subito.
Nannina (il suo modo di pregare) Gesù, Giuseppe e Maria, questo se ne va da casa mia! Madonna Benedetta, trovala tu la dretta! Pasquì, ciutt a momm j vè pugghj la baliscj da sop u scabbuzzjn (Pasquina va)
Felicetta (che nel frattempo evidentemente origliava dalla camera interna) Nannjn, ma cè ‘ntenzian tan marutt? Ca fuggh’m nan s pot pjgghiè v’lan p judd! Assich nan s pot scì ‘nnond: cj nan la f’rnascj ch chessa sterij, ij a fuggh’m m la pertj a ches maj, piccià jev abb’sugn d stè colma colm cu crjatijr, senza fè p’cchet… Marutt stè jess poccj j m quenz prepj ch’ho fè angunot scatoscj…
Nannina Wè F’ljcett, dà u fuch u ma st’tè, no ca u ma appjccè! Pr’chepij stè ‘ngazzet assaj, j u cr’stien so’ sf’què la ropij. Chjr ho avjt na brjtta delusiaon da Tonjn, ca nan s la m’r’tev prepij…
Felicetta J avost ch cuss fott du naom…Mò vij, invacj d stè ch’ndend pu crjatjr…Ij a vij, nan v capuscj prepij com Crust v’ho fott!
Nannina Ah, nan n’ha capjscjt angar? Mò ti fè capuscj!... Se ingasomai l’anno che viene fuggh’t fescj due gemelle femmine, una aspetta di chiamarla come a me e l’altra aspetta di chiamarla come a te…
Felicetta Embe’?... Lar son a d’cjd: l’atten j la momm…
Nannina Jè b’rdet! P mach son giè d’cjs: so’ chiamè Stefagnia… j pj tà?
Felicetta P mach facess’r a piaciar lar!... Ij nan li obblighè…
Nannina Ma tij t’aspjtt ca la chiom’n “Felicetta”?
Felicetta Che Felicetta e Felicetta! (con enfasi) Io, in taliano, mi metto Felìcita!
Nannina (la imita) Felìcita? Allal tij t’aspjtt ca la mettono Felìcita…(idem)
Felicetta Chì o man'…
Nannina Djcjm chì o man'! Facciamo che tagliano Feli e la mettono CITA!
Felicetta CITA! (pensa) CITA??? Com a cara sciummia sch’scjlend ca v’domm n starz jund la televisian?
Nannina Sjn! CITA!!! Nan t piescj? CITA jete il tuo diminotivo…
Felicetta Na, na, na!!!... J cè so’ d’v’nded ij na sciummj?... Mogghj a Dij!... A fuggh’m so’ capescj d scap’sciorl sott o pjt…
Nannina Ah!!! Ha capjscjt mà?... Ha vust cè sjgnuf’ch?...
Felicetta (Si fa la croce 3 volte e dice) Podr Fugghj j Spurjt Sond, tendazian ljv’t da nond…

CALA IL SIPARIO (per pochissimi secondi)

ULTIMO QUADRO

(Giorno del Battesimo)

Si abbassano le luci e si chiude per pochi secondi il sipario; questa volta non serve la breve introduzione della voce narrante
Siamo sempre in casa dei Cardello. Al riaccendere delle luci, ovvero alla riapertura del sipario, se possibile, sul palco vi dovrebbe essere un tavolo aggiunto per allestire un buffet. Infatti è trascorso un mese esatto dalla nascita di Pio; il calendario segna 28 OTTOBRE, giorno del battesimo.
In scena c’è solo Nannina che aspetta Don Biagino, il loro parroco.

SCENA 25^

Nannina (mentre mette le tovaglie buone su uno o due tavoli)
Sia fatta la volontà di Dio… J cì su ‘mmaggjnev ca jascj avamm a vatt’scè a n’pot’m senza Pr’chepij… J ij, cè ì fè jascj? La “vadova allergica”? Crjst mij, uord’n tij da dè sjs… Ahhh… (canta per rabbia) Amore ritorna, le colline a fiore a fioro, e io, amoro, sola sola col doloro... Amore ritorna, non t’imborta propio niende, lo so, che a te, ti fa mal angora il dente…

RINTOCCO ALLA PORTA

Nannina Questo deve essere Don Biagino, avanti, che la porta sta scampagnata
Com. Maria Pozzj trasì? Cè dochij fastudj commà?
Nannina (Tra sé) Uffa!... Tres, tres Marì, cè fastudj… m cr’dav ca jaev Don Biasjn… azzud’t…
Com. Maria (si siedono) Ciò b’nì fè Don Biasjn? U vattùsm nan so fè stasar alle aott alla Chias d la Mach’let?
Nannina (prende a ricamare una bavetta per PIO) Sjn, ma ho dutt ca opprjm d vatt’scè, ho passè a b’dà com stem mjs dà!
Maria … Nannì, j com stet mjs dà??
Nannina (ha uno scatto d’ira) Stem azzjs Marì! Com ma stè? Tij u fott u saj tropp boun, pond j vurch’l!...
Maria J cè u soccj schutt ij? Vè ryrronn totta Mathar…

Nannina (si punge e grida) Ahia! Jùùù mo merij!!!
Maria (non capendo si alza spaventata) Cè stet Nannjn? Ma fott schandè!!
Nannina I tij ma fott paongj n duscjt! (si succhia il dito)
Maria Ehhh, fessaria… (si risiede)
Nannina F’ssarij? Dà jè serj u fott: von ryronn tutt quond sop la famugghja nest! Mathar jè d’v’ndet na sartorij com’è dovar: tutt ca togghijn j caos’n, togghijn j caos’n… Duchij ij: nan s pot’n tagghiè cara langua schjfaos ca ten’n?
Maria Jè raggian Nannjn!... Ma mò u saj sop a cè caus s cialljdascj?
Nannina (finge di non sapere) Affomm send cussot bell cialljdd…
Maria S ston a mongjn la chep tutt quond sop a cj son a fè u patrjn du crjatijr… (Nannina non parla) … Mbah!Che gliene freca a loro?
Nannina (non le da soddisfazione e ripete) Mbah! Che gliene freca a loro?
Maria (non resiste) Commà Nannì… ma cj lo fè u patrjn o crjatijr?
Nannina Commà Marì, ma cè a cr’pè cj aspjtt natazzjch fjgn alle aott stasar?
Maria Na, na!... So’ asp’ttet n mas ciutta ciutt, nan pozzj asp’ttè fjgn alle aott stasar… La singera verità, commà, ij t v’lav dè n ch’nsuglj, com a na sar…
Nannina J s’ndjm, ben a sar…
Maria Ij so’ p’nzet: giacché ngj val n patrjn mosch’l, j na matrjna famm’n, com a fè a s’gn’rij, ca marutt nan cj stà?
Nannina Com ì fè?... Boohh?
Maria Com ha fè?...Boohh?
Nannina Boh pjr tij?... J caom Marì? Ha dutt ca m vù dè n ch’nsuglj “com na sar?”
Maria Sjn Nannjn, ma dè u fott stè tropp ‘mbrigghjljs… Sjnd’m a mà: no facionn fè a don Damien u patrjn du crjatijr… Quond lo sapà Pr’chepij marutt, nan tò accjd d cupr?
Nannina J m’accjdoss! Cj stev dà, u patrjn l’avemm affè ij j judd… Tonjn no pot fè ca jè l’atten. Emm’n nan n ston chìj: cè ì gì cjrchè n’emm’n stronij mjnz alla via nav? A cuss pjnd lo fè afferz Addamien (l’atten d Chiarjn)
Maria Essì: u patrjn lo fè afferz Addamien… J ch cì lo fè? Ch tà o ch la m’gghjar?
Nannina Mò m’ha b’dà d’arr’ggjttè! (Ha la soluzione ma non vuole rivelarla)
Maria Nannì, mò tu duchij: Damien apprjss a tà, sjt a parè brjtt assaj…
Nannina Com per’ per’ Marì. Stiamo nel Millenovecentosessantasei…
Maria … U soccj ben a sar, ma nan è mogghj ca Addamien (u) fescj ch la m’gghiar, assjch u cr’stion’r nan pot’n sparl’ttè?
Nannina Sanda Marì, e mica dobbiamo fare l’amor’?... Affoll sparl’ttè u cr’stion’r, nan m n frech njdda chìj…
Maria Wè, ca stem nel 1966? Nan at assich?

BUSSANO ALLA PORTA (è Don Biagio che non s’intrufola e aspetta)

Nannina Assjch jat!... Bah, questo è avver’mend Don Biasino (si alza per andargli incontro sperando che Maria esca)
Maria (confidenziale la segue) Commà, cè m pozzj stè pjr ij?
Nannina Commà, ij t faciav stè, ma Don Biasjn mò ch’mb’ssè u p’cchet…
Maria (dispiaciuta) Cè p’cchet!... (curiosa) Nannì, ma cè p’cchet ha fott a sjgn’rij, ca Don Biasjn t van a ch’mb’ssè junda ches?
Nannina Marì, vattun s’nouch ì fè p’cchet sop a tà…. (va ad aprire decisa)
Maria Na, na… Allar n v’djm chiù tord alla Mach’let… (Chias)
Nannina M raccumond Marì, puntuel! Nan tj facionn asp’ttè!

(esce Maria, entra il prete)

SCENA 26^

Don Biagino E’ permesso? Buona sera!
Nannina Buona sera, avandi, Don Biaggjn, (chiude la porta) acchemotatevi.
Don Biagino Beh, che mi dite signora Nannina? Si sono calmate le acque?
Nannina Don Biaggjno mio, l’acqua stanno più condrivolate di prima. Io mi credeva che Procopio vi sentiva almeno a leo, invece siamo arrivati a oggi…
Don Biagino Mi dispiace veramente assai, carissima Nannina, ma io, (passa al dialetto) “nan mu’mmagjnev ca marutt Pr’chepij t’nav na chep testa test com n p’zzaon”. Scusate signora, ma m’è venuto così “bell bell spontoneo”, detto proprio alla paesana… Eh, si, perché l’altro giorno mi sono sgolato, non sono stato capace di convincerlo a tornare almeno per il battesimo di oggi. Quante volte gli ho detto: “Procopio, non sei il primo né l’ultimo: io ne battezzo tanti di bambini e lo so io quanti nomi strani che mi capitano”… Nomi di tutti i colori che non so dove li vanno a prendere: Emoliano, Jennj, Dèpura, Tizziena, Pietrangela… Ah, prima veniva il cuore, non avevo manco bisogno di leggere che già lo sapevo: (dialetto) “u crjatij s’avav a chiamè com u nonnò… Cappro!”…Vito, Eustacchio, Rocco, Damiano, Giuseppe… (dialetto) “Ma chj cì t la pugghj cj u mjnn dj jascj aggjr o cundrorij”… Anzi, poi gli ho detto pure: “Procopio, almeno tu hai avuto il piacere di avere mezzo nome”… Caro mio: s’è arrabbiato ancora di più, ha cominciato a gridare come un pazzo scatenato…
Nannina (piangente) Don Biaggjn, nan n pozzij ‘cchìj! Da quond ì net u crjatijr, jè gjst n mas ca scem j b’njm da la cambogn (da far’), ma nan ngì stè da fè njdd…Giè jet assaj ca Pr’chepij nan nò cacciet. A Tonjn fuggh’m non uord ‘cchìj ‘mboccj. Tutt u cr’stion’r co sop’n “u pjnd dab’l”, lu von a sfaott’n, j chjr s’nnaltarascj angar djcchìj. Pasqujn sì ‘nrjscjt a gnanè j a sciann da far’ p p’rtorl u mangè, menzadì j sar…La v’rdet, Don Biasjn, nan s pot arr’vè a chjss condjzzijn p nj schjf d naom…
Don Biagino Eh, cara Nannina, ci vuole pazienza… e non bisogna mai perdere la Fede e la Speranza… Se Dio vuole, e chi lo sa? Forse domani…
Nannina Domani?.. Ma nij jascj ma vatt’scè u crjatìjr Don Biasjn! Cè son a djscj u cr’stion’r ca Pr’chepij nan cj stà? Son a sparl’ttè pescj angar d prjm…(Tonino entra e sente le ultime frasi) Invacj d stè ch’ndend, no b’nì da chiongj Don Biasjn…(si commuove) Cj nan gj stev cuss problam du naom, avamm a fè na fest jronna jronn a chesa maj...

SCENA 27^

Tonino (vestito elegante) Mamma, per favore non dire più niente: noi stasera faremo festa lo stesso. Non voglio nessun malaugurio e nessuno si deve permettere di piangere…(scoppia in lacrime) Don Biagino, Don Biasjn mij, assì brjtt so’ d’v’ndet? Cè ì fott ij pov’rjdd? So’ accjs angunjn? P na stut’quarij stochij ‘mbrjs a mert cu priaor!!! Ma ij u vegghj ban assaj…
Don Biagino Ragioniere, affidiamoci alle mani del Signore… Dio vede la vostra sofferenza e a volte dal dolore può scaturire la gioia…
Nannina Tonjn mij, nan chiangionn pjr tij a momm, s nouch m van d’ l’cch’lè com na poccj….
Don Biagino Per carità, signora Nannina, non facciamo ridere la gente…

RINTOCCO ALLA PORTA

(entra Felicetta con Chiarina che reca la cesta col “bambolotto”)

SCENA 28^

Chiarina Buona sera Don Biagino…
Felicetta Buona sera!
Don Biagino Ohh, buona sera alla mamma e all’altra nonna…
Chiarina Don Biagino, sono entrata un poco nella Chiesa: sta imbetrata… e il bambino sta pure un poco raffreddato…
Don Biagino Eh, ma non vi preoccupate, che la funzione dura solo un quarto d’ora
Felicetta Don Biasjn, dicjt ciò ca v’ljt, ma ij mì p’rtè la p’staol…
Don Biagino (agitato ed in dialetto) La p’staol jund a la Chias? Signò, ma cè sjt poccj?... A cì v’ljt sparè?
Chiarina Ma che dici mamma?... Don Biagì, la pistola ci serve per assoppare i capelli del bambino…
Don Biagino Ahh! Che paura mi avete messo!... E mica gli dobbiamo fare lo schampo al bambino, gli dobbiamo bagnare un poco la testa…
Felicetta Ma l’oqu stè ‘mb’tret Don Biasjn: pozzj p’rtè ‘nzjch d’oqua colla coll dentra al… termotros? (thermos)
Don Biagino E portate un po’ di acqua calda che la mischiamo a quella benedetta… e poi basta solo un asciugamano…
Chiarina Grazie Don Biagì, voi siete stato sempre bravo; col permesso, devo fare un servizio in camera mia…
Felicetta E si, che il bambino deve fare la “poppiata” alla menna (mimando)
Chiarina E mamma! E che cosa? Non sai tenere un cecio in bocca!
Don Biagino Fate, fate… disse nostro Signore che prima vengono i bambini…

Entra Don Damiano

D. Damiano Buona sera a tutti! (osserva gli astanti) Eh, ma cè foccj trust! Ma cè ì sjccjdjt? Cì jè murt angunjn?.. Ah! Ho capito tutto!... Caro don Biagino, la verità è che Procopio sta solo dando da bere a quattro sciacqualattughe! Stamatjn so’ gjt pj acchiorl ca v’lav parlè, ma far’ nan gj stev. So’ add’mmannet a Zì Stacchjccj (zappa p’sond), u cunf’nond, j mò dutt ca l’ho vust d’assì sjbb’t stamatjn, tutt m’tet (vestito a festa) piccià t’nav da fè n s’r’vuzj ‘mbortond… Boh?
Nannina Tutt m’tet? N s’r’vuzj ‘mbortond? Abbess addò coppr t’nav da scì…
D. Damiano J cì u capuscj ‘cchìj?... Gli piace di fare il misterioso a vostro marito.… Allar piccià s’avar a matt u ponn bun? Ij duchj ca mo mà nu ma b’dà d’arr’vè… (ironico) Tutt abbattjt cur pov’rjdd…
Nannina Magher poss l’Ongjl a cassa paral …..Ma vij a Pr’chepij no canjscjt tond bun: chjr nan s’arrenn mej, mongh cj l’acciud’n...
D. Damiano S’arrenn, s’arrenn! Signora Nannina, Pr’chepij so’ arrenn afferz…
Don Biagino Scusate se vi do un poco di fretta! Ma avete deciso i padrini?
Nannina Si!... Giacchè che non ‘ngì sta maritimo, lo vattìscia don Damiano con Pasquina mia figlia. Così stiamo condenti tutte e due le famiglie...
Don Biagino Signora Nannina, Pasquina sta già cresimata, se ha compiuto 16 anni non ci sono problemi!
Nannina Come no? La uagnedd tan diciassett’onn…
Damiano E come, Nannjn? L’altro giorno avevamo deciso che lo dovevamo fare insieme?
Nannina Insieme? No, don Damiano: io dopo ho fatto penziero; quella sta mia figlia Pasquina che ‘ngi tiene assai assai a fare la matrina.
Don Biagino (guarda l'orologio) Bene, sono già le sette e mezza: io me ne vado a preparare la Chiesa… Non vi fate aspettare, la funzione è alle 8 (20,00) precise…

(entra Pasquina col fiatone)

SCENA 29^

Pasquina Mammà, Mamma, sta arrivando papà!!!.. S’è fermato nel bar Schiuma con degli amici suoi e mi ha detto di correre ad avvisarti… e ha detto pure di chiedere a Don Biagino di aspettare che arriva lui…
(va nella camera interna a dare la bella notizia a fratello e cognata)
Nannina B’n’djzzian vol’n avà tutt u Sond du Paravjs… Sjm avjt la Jrozij…
Don Biagino Lo dicevo io che ci vuole la Fede? Il Signore ci ha accontentato!... Ma non capisco che cosa vuole Procopio da me, io dovrei andare a preparare la Chiesa….
Nannina Don Biasjn t’njt raggian, ma faciut’l p l’on’m du Priaterij... Asp’ttet n mjnjt ca van marut’m…
Don Biagino A piacere vostro: e aspettiamo un minuto a Don Procopio…
D. Damiano Lì dutt ij ch’avara calè u baccalè! Appan ì arr’vet la dìj du Vattùsm, lì passet tutt u ch’rrjv… Speriem sc'hutt ca nan fescj angunota sparet pj arrujnorn la fest ….
Nannina ( tra sé) Naaaa… J cè lo f’rnascj cuss acjdd du malaijr!
Tonino (ha saputo che torna il padre ed esce con la moglie che porta il bambolotto nella cesta, seguiti da nonna Felicetta) Don Biagino: adesso sì che sarà una vera festa….

BUSSANO (è nonno Procopio che ha le mane occupate e si farà aiutare)

Nannina Pasqujn, vè tij a momm (esegue)

(si sente rumore di pacchi e di ovazioni a soggetto da parte di Pasquina. Procopio appare in scena vestito elegante con pacchi di dolci e con una busta bianca sotto braccio. Anche Pasquina ha pacchi di dolci in mano che posa sui tavoli)

SCENA 30^

Procopio Wè, buona sera a tutti, scusate il ritardo…. ma ho trovato per la strada certi amici ficcanasi che mi hanno fatto perdere un sacco di tempo…
Tonino Papè! (commosso, gli va incontro e lo abbraccia forte)
Nannina Pr’chepij, marjt mij! (scoppia in lacrime e lo abbraccia pure lei)
Procopio (a soggetto saluta Don Biagino, donna Felicetta, la nuora… Quando arriva vicino a don Damiano questi gli dice)
D. Damiano Inzomm alla fjn t sì arr’nnjt! Don Biagì, Procopio ha fatto proprio come fece il figlio prodigo…
Procopio (sarcastico) Car’ Addamien, pjr chessa vet sì gjt folz… perché il figlio prodigo tornò con la coda in mezzo alle gambe, ma io invece (con enfasi) TORNO DA VINCITORE… E dopo lo capirai. (andando verso la cesta) Ah!!! J mà u pozzj v’dà cuss bell masch’laon … (toglie le coperte) Wè, ma quond’ì bell cuss crjatijr… Wèèè, Pio, Pioo, Piooo, j arr’vet nonnò …Ma jè prepij bell assaj…(guardando tutti) è razza Cardello, un vero Pio Cardello...
(tutti restano sorpresi e meravigliati del cambiamento)

Don Biagino Ohhh!... Mi fa veramente piacere di vedere questo bel quadretto di famiglia, ma se permettete caro Don Procopio, devo insistere che è tardi e dobbiamo andare in Chiesa per la funzione …
Nannina (furba, fa un tentativo solo per sondare la reazione di D. Damiano) Pr’chepij, j scem a facjm chessa bella cjrjmenije… Ma ca sì arr’vet tij u p’tjm vatt’sciè tott j dij u crjatijr…
Pasquina (dispiaciuta dice alla mamma) Come tutti e due mà? Stamattina mi hai promesso che la facevo io la madrina con don Damiano!
Tonino (Vorrebbe accontentare il padre) Pasquì, ma adesso è tornato Papà!
D. Damiano Ma jnzomm, Don Biasjn: opprjm jamm d’cjs ‘nnond a vij ca lì fè ij u patrjn! Oh! Cè jat chassa r’voluzian all’ut’m mumend…
Don Biagino E che volete da me? Quello che decidete voi per me va bene! Anzi, ve lo chiedo per favore a tutti quanti: mettetevi d’accordo che è tardi… (guarda l’orologio seccato)
Procopio Allora, io avevo penzato… (ma viene interrotto dalla moglie decisa)
Nannina Scus Pr’chepij, chessa vet ì parlè ij! Tjn pacienz tij, ca ij nj t’njt giè assaj! M so’ ‘ngr’scjt d fè mal’sogn… Allar ma fè assìch: Pasquì, la matrina la fai tu al posto mio… (guardando tutti) perché mio nipote deve tenere una matrina giovane e moterna…
D. Damiano (polemico, insinua) Ah! Ho capito! La madrjn o jess giov’n j modarn… invacj u padrjn u pot fè marutt ch’è arr’vet gjst gjst all’ut’m mumend, nan è b’rdet signora Nannina?
Nannina No!... Piccià a ma m pioscjn u cos gjst don Damien… p cass u padrjn, com jamm giè d’cjs, lo farete voi… Sjt ch’ndend?
Procopio Brev Nannjna maj! Ij stev a diciav la stessa caus… Tanto io sto già contento che mio nipote si mette come a me...
Nannina (si dispera pensando che Procopio voglia piantare la solita grana) Madenn du Corm’n! Arrat acch’mmenz chjss?
(Tutti si mettono le mani nei capelli)

Tonino (sconvolto, non riesce a parlare) Ma…ma… pa…pà…
Chiarina (con freddezza, dice quello che direbbe il marito) Ma papà, ti senti bene?... Ma che te lo sei scordato che il bambino si chiama Pio?
Procopio (ridendo) Nooo! Ma non vi preoccupate… E che sono pazzo? Lo so che il bambino si chiama Pio, ma voi non lo sapete che devo fare adesso... (prende la busta sotto il braccio) Caro Don Biaggino, vi dispiace di leggere questa carta bollata? Voi siete un prete “ostruito” e potete capire meglio di tutti che cosa sta scritto…
D. Damiano (menagramo come sempre) Ecco! Ve lo avevo detto io che ci doveva rovinare la festa…


Nannina (esasperata) Cj nan la f’rnuscj tì arrujnè la foccj don Damien… Ta stè ciutt!

(Tonino e Pasquina la trattengono)

Don Biagino Ma cose da pazzi!... Avete finito?... Posso?
Procopio Tutto a posto Don Biaggì, leggete, leggete, precedete…

Don Biagino (apre la busta e legge)

COMUNE DI MATERA - UFFICIO DELLO STATO CIVILE E ANAGRAFE
VERBALE DI RETTIFICA
Oggi 28 Ottobre 1966, alle ore 12.00, davanti a me, dottor Enzo Rametta, Ufficiale di Stato Civile e Anagrafe di questo Comune, alla presenza dei due testimoni firmatari in calce alla presente, della cui identità sono certo, si è presentato il Sig. Procopio Cardello nato a Matera il 14 marzo 1910, il quale dichiara quanto segue:
Io sottoscritto Procopio Cardello nel pieno delle mie facoltà mentali, chiedo che mi venga cambiato il nome di battesimo impostomi da mio padre e che a partire da oggi mi sia attribuito il nome di… Pio. (scandisce bene e guarda tutti incredulo)
Vista la superiore richiesta, il sottoscritto Ufficiale di Stato Civile, accoglie l'istanza del sig. Procopio Cardello ai sensi dell’ordinamento vigente…etc. etc. (di cui al Regio Decreto 1238 del 1939 e successive modifiche ed integrazioni).
Pertanto a partire da oggi, 28 ottobre 1966, il sig. Procopio Cardello diventa a tutti gli effetti di legge Pio Cardello, e si dà immediata esecuzione al presente atto.
Firmato:
Enzo Rametta
Pio Cardello
(Elio Mangiapane e Rino Bevilacqua: testimoni).
(tutti restano senza parole e si guardano stupefatti)

Don Biagino (con entusiasmo) Alla foccj du mjnghjarjl! Procopio, anzi Pio: ti faccio le mie vivissime congratulazioni!... Nessuno ci aveva mai pensato prima di te… (si leva il cappello) Tanto di cappello… Don Pio… (fa ampi gesti ed inchini di ammirazione e compiacimento)

Procopio Grazie assai caro Don Biaggjn: jè gjst n mas ca gnonj j sciannj do Ch’mun. Cj ì fott cuss poss, jè schutt pj achijd la vaocch p semb o malalangu’ ca von app’ccjonn la uarr jund o famugghj…

(guarda don Damiano che mostrerà imbarazzo)

Nannina Ma cè s’gnuf’ch cuss poss ca fott, Pr’chepij? Spieguscjm ‘nzjch…

Procopio E che ti debbo dire più, Nannina mia? Significa che da oggi non sono più “Procopio”: da oggi mi chiamo Pio (rivolgendosi a Damiano) Avete capito don Damiano? Pio!... Visto che il nipote non si può chiamare come il nonno… allora IL NONNO SI CHIAMA COME IL NIPOTE… Ahhh! E’ tornata la pace!!! Perciò, don Damiano, finiamola una volta buona e impariamoci questa bella lezione…

(Don Damiano abbassa lo sguardo e dice di sì col capo)

Nannina Beh, allar, Pr’chepij, domm u vrozz j scem v’loscj alla Chias…
Procopio Naon!!! Nannì, t sì sbagliet nata vet: allar nan ha capjt njdd? (ciò ca sjm dutt fjgn j mà)... Pio, io mi chiamo Pio, Pio, Piooo…

Nannina Arrat cj arrat? Mè avost mà!!! (rivolta al pubblico) P lot, t put chiamè com coppr vù tij!!!...
(da civetta) Ma a mà, m piescj “Pr’chepij”…

(lo prende a braccetto ed esce con lui, seguiti da tutti gli altri sorridenti, al suono di allegra tarantella locale)
Cala la tela

FINE



Opera tutelata dalla SIAE (2009)
Per eventuali contatti: [email protected]


<< Indietro

INDICE

Avanti >>


 

.



 

 

 



Contatore: 37.174

[ Home ]

[ Scrivimi ]